Home Divulgazione scientifica La sedentarietà fa aumentare il rischio di ictus

La sedentarietà fa aumentare il rischio di ictus

400
0

Gli adulti di età inferiore ai 60 anni che trascorrono le loro giornate con molto tempo libero passato in sedentarietà e con poca attività fisica hanno un rischio di ictus più elevato rispetto alle persone che sono più attive fisicamente. A dimostrarlo è una nuova ricerca pubblicata nei giorni scorsi sulla rivista Stroke.

Oltre 10 ore al giorno collegati a media come smartphone, computer o a guardare la televisione

Secondo le statistiche dell’American Heart Association, gli adulti statunitensi trascorrono in media 10,5 ore al giorno collegati a media come smartphone, computer o a guardare la televisione. Gli adulti di età compresa tra 50 e 64 anni trascorrono la maggior parte del tempo di qualsiasi altra fascia di età collegati ai media. I dati indicano anche che i decessi correlati all’ictus sono diminuiti nel 2010 tra gli adulti di età pari o superiore a 65 anni. Tuttavia, la morte per ictus sembra essere in aumento tra gli adulti più giovani, di età compresa tra 35 e 64 anni, passando da 14,7 su 100.000 adulti nel 2010 a 15,4 su 100.000 nel 2016. Ricerche precedenti suggeriscono che più tempo gli adulti trascorrono sedentari, maggiore è il loro rischio di sviluppare malattie cardiovascolari, compreso l’ictus. Quasi 9 ictus su 10 potrebbero essere attribuiti a fattori di rischio modificabili come i comportamenti sedentari.

adv

“Il tempo sedentario sta aumentando negli Stati Uniti e in Canada”, ha affermato l’autore dello studio Raed A. Joundi, ricercatore nel dipartimento di neuroscienze cliniche presso la Cumming School of Medicine dell’Università di Calgary, in Canada . “Il tempo sedentario è la durata delle attività da svegli che si fanno seduti o sdraiati. Il tempo libero sedentario è specifico delle attività sedentarie svolte mentre non si è al lavoro. È importante capire se elevate quantità di tempo sedentario possono portare a ictus nei giovani individui, poiché un ictus può causare morte prematura o compromettere significativamente la funzione e la qualità della vita”.

La quantità di tempo trascorso ogni giorno in attività sedentarie

In questo studio, i ricercatori hanno esaminato le informazioni sulla salute e sullo stile di vita di 143.000 adulti senza precedenti ictus, malattie cardiache o cancro che hanno partecipato al Canadian Community Health Survey negli anni 2000, 2003, 2005, 2007-2012. I ricercatori hanno seguito i partecipanti per una media di 9,4 anni (fino al 31 dicembre 2017) e hanno identificato gli ictus attraverso collegamenti con i registri ospedalieri.

Hanno rivisto la quantità di tempo trascorso ogni giorno in attività sedentarie nel tempo libero (ore trascorse al computer, a leggere e guardare la TV) e le hanno suddivise in quattro categorie: meno di quattro ore al giorno; da quattro a meno di sei ore al giorno; da sei a meno di otto ore al giorno; otto ore o più al giorno.

Hanno anche diviso l’attività fisica in quartili, in cui il quartile più basso era il meno attivo fisicamente, che equivaleva a fare una passeggiata per dieci minuti o meno ogni giorno. “Una passeggiata di dieci minuti o meno al giorno è inferiore alla metà di quanto raccomandato dalle linee guida sull’attività fisica dell’American Heart Association”, ha precisato Joundi.

L’American Heart Association raccomanda agli adulti di fare almeno 150 minuti, o 2,5 ore, di attività fisica di intensità moderata a settimana.

Un rischio di ictus sette volte maggiore

Durante il periodo di follow-up, in media 9,4 anni, si sono verificati 2.965 ictus. Quasi il 90% di questi erano ictus ischemici, il tipo di ictus più comune, che si verifica quando un vaso che fornisce sangue al cervello è ostruito.

Il tempo medio giornaliero di sedentarietà durante il tempo libero tra tutti i partecipanti è stato di 4,08 ore. Gli individui di età pari o inferiore a 60 anni hanno avuto un tempo medio di sedentarietà nel tempo libero di 3,9 ore al giorno. Il tempo medio giornaliero di sedentarietà nel tempo libero era di 4,4 ore per gli adulti di età compresa tra 60 e 79 anni e di 4,3 ore per quelli di età pari o superiore a 80 anni.

Gli adulti di età pari o inferiore a 60 anni che avevano una bassa attività fisica e riportavano otto o più ore di tempo libero sedentario al giorno avevano un rischio di ictus 4,2 volte maggiore rispetto a quelli che riportavano meno di quattro ore di tempo libero quotidiano sedentario.

Il gruppo più inattivo – quelli che riportavano otto o più ore di sedentarietà e bassa attività fisica – aveva un rischio di ictus sette volte maggiore rispetto a quelli che riportavano meno di quattro ore di sedentarietà al giorno e livelli più elevati di attività fisica.

Raccomandazioni dei medici e politiche di salute pubblica

“Gli adulti di età pari o inferiore a 60 anni dovrebbero essere consapevoli che un tempo sedentario molto elevato con poco tempo dedicato all’attività fisica può avere effetti negativi sulla salute, incluso un aumento del rischio di ictus”, ha affermato Joundi. “L’attività fisica ha un ruolo molto importante in quanto riduce il tempo effettivo trascorso sedentario e sembra anche diminuire l’impatto negativo dell’eccesso di tempo sedentario. Le raccomandazioni dei medici e le politiche di salute pubblica dovrebbero enfatizzare l’aumento dell’attività fisica e la riduzione del tempo sedentario tra i giovani adulti in combinazione con altre abitudini salutari per ridurre i rischi di eventi cardiovascolari e ictus”.

Una limitazione significativa dei risultati dello studio era che il sondaggio non chiedeva ai partecipanti il ​​tempo sedentario legato all’occupazione; questo potrebbe significare che il tempo sedentario è sottostimato tra le persone che hanno, ad esempio, un lavoro d’ufficio.

 

Articolo precedenteParacetamolo in gravidanza: da utilizzare con estrema attenzione
Articolo successivoTerza dose di vaccino per COVID-19: le raccomandazioni del CDC
La redazione di Newence è composta prevalentemente da collaboratori con competenze maturate in ambito medico, scientifico e tecnologico. Rivedono e discutono in modo critico e analitico i più importanti lavori scientifici pubblicati sulle più autorevoli riviste scientifiche internazionali, fornendo utili spunti di riflessione e aggiornamento per i professionisti della sanità e informazioni affidabili e verificate dedicate al pubblico più vasto.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

diciassette − 16 =