Home Covid-19 COVID-19: con la variante delta le probabilità di ricovero sono il doppio

COVID-19: con la variante delta le probabilità di ricovero sono il doppio

312
0
Immagine del coronavirus
This media comes from the Centers for Disease Control and Prevention's Public Health Image Library (PHIL), with identification number #4814.

Le persone infette dalla variante delta del virus SARS-CoV-2 hanno circa il doppio del rischio di ricovero rispetto a quelle infette dalla variante alfa. Lo documenta uno studio condotto su oltre 40.000 casi in Inghilterra tra il 29 marzo e il 23 maggio 2021, pubblicato sulla rivista The Lancet Infectious Diseases.

Anche il rischio di andare in ospedale per cure di emergenza o di essere ricoverati in ospedale entro 14 giorni dall’infezione con la variante delta era una volta e mezzo maggiore rispetto alla variante alfa.

adv

Probabilità maggiori di ricovero in ospedale

Questo nuovo studio è il primo a segnalare il rischio di ospedalizzazione per le varianti delta rispetto a quelle alfa sulla base di casi confermati dal sequenziamento dell’intero genoma, il modo più accurato per determinare la variante del virus.

Il dottor Gavin Dabrera, uno degli autori principali dello studio e consulente epidemiologo presso il National Infection Service, Public Health England, ha dichiarato: “Questo studio conferma i risultati precedenti secondo cui le persone infette da Delta hanno una probabilità significativamente maggiore di richiedere il ricovero in ospedale rispetto a quelle con Alpha, sebbene la maggior parte dei casi inclusi nell’analisi non fossero vaccinati. Sappiamo già che la vaccinazione offre un’eccellente protezione contro Delta e poiché questa variante rappresenta oltre il 98% dei casi di COVID-19 nel Regno Unito, è fondamentale che coloro che non hanno ricevuto due dosi di vaccino lo facciano il prima possibile. È comunque importante che se hai sintomi di COVID-19, rimani a casa e fai un test PCR il prima possibile”.

La variante delta è stata segnalata per la prima volta in India nel dicembre 2020 e i primi studi hanno scoperto che è fino al 50% più trasmissibile rispetto alla variante di COVID-19 che in precedenza aveva guadagnato il dominio in tutto il mondo, nota come variante alfa, identificata per la prima volta nel Kent, nel Regno Unito.

La variante delta causa una malattia più grave

Uno studio preliminare dalla Scozia ha precedentemente riportato un raddoppio del rischio di ospedalizzazione con la variante delta rispetto alla variante alfa e si sospetta che la delta si associ a una malattia più grave. Lo studio precedente ha utilizzato i risultati del test PCR iniziale dei pazienti e ha determinato quale variante avessero testando un gene specifico che è più comune nella variante delta.

Nell’ultimo studio, i ricercatori hanno analizzato i dati sanitari di 43.338 casi positivi di COVID-19 in Inghilterra tra il 29 marzo e il 23 maggio 2021, comprese le informazioni sullo stato di vaccinazione, la frequenza alle cure di emergenza, il ricovero ospedaliero e altre caratteristiche demografiche. In tutti i casi inclusi nello studio, i campioni del virus prelevati dai pazienti sono stati sottoposti a sequenziamento dell’intero genoma per confermare quale variante avesse causato l’infezione.

Durante il periodo di studio, ci sono stati 34.656 casi della variante alfa (80%) e 8.682 casi della variante delta (20%). Mentre la proporzione di casi delta nel periodo di studio complessivo è stata del 20%, è cresciuta fino a rappresentare circa i due terzi dei nuovi casi di COVID-19 nella settimana a partire dal 17 maggio 2021, indicando che aveva superato la alfa, diventando la variante dominante in Inghilterra. Circa un paziente su 50 è stato ricoverato in ospedale entro 14 giorni dal primo test COVID-19 positivo.

Il rischio di essere ricoverati in ospedale è più del doppio

Dopo aver tenuto conto dei fattori noti per influenzare la suscettibilità alle malattie gravi da COVID-19, tra cui età, etnia e stato di vaccinazione, i ricercatori hanno scoperto che il rischio di essere ricoverati in ospedale era più che raddoppiato con la variante delta rispetto alla variante alfa.

Diversi studi hanno dimostrato che la vaccinazione completa previene sia l’infezione sintomatica che l’ospedalizzazione, sia per le varianti alfa che per quelle delta. Infatti, in questo studio, solo l’1,8% dei casi di COVID-19, con entrambe le varianti, aveva ricevuto entrambe le dosi del vaccino; Il 74% dei casi non era vaccinato e il 24% era parzialmente vaccinato. Gli autori fanno notare che non è quindi possibile trarre conclusioni statisticamente significative su come il rischio di ospedalizzazione differisca tra le persone vaccinate che successivamente sviluppano infezioni alfa e delta. I risultati di questo studio quindi ci parlano principalmente del rischio di ricovero ospedaliero per coloro che sono non vaccinati o parzialmente vaccinati.

Una vaccinazione completa è fondamentale

La dott.ssa Anne Presanis, uno degli autori principali dello studio e statistico senior presso l’Unità di biostatistica dell’MRC, Università di Cambridge, ha dichiarato: “La nostra analisi evidenzia che in assenza di vaccinazione, qualsiasi epidemia Delta imporrà un onere maggiore all’assistenza sanitaria rispetto a un’epidemia Alpha. Ricevere una vaccinazione completa è fondamentale, in primo luogo per ridurre il rischio individuale di infezione sintomatica con Delta e, soprattutto, per ridurre il rischio di un paziente Delta di malattia grave e ricovero ospedaliero.

Gli autori notano diversi limiti allo studio. Alcuni gruppi demografici potrebbero essere più propensi a cercare cure ospedaliere, il che potrebbe aver distorto i risultati e potrebbero esserci stati cambiamenti nella politica di ricovero ospedaliero durante il periodo dello studio, sebbene l’adeguamento per i dati demografici e l’orario di calendario avrebbe dovuto ridurre al minimo tale distorsione. Inoltre, gli autori non hanno avuto accesso alle informazioni sulle condizioni di salute preesistenti dei pazienti, che sono note per influenzare il rischio di malattie gravi da COVID-19. Hanno rappresentato questo indirettamente utilizzando età, sesso, etnia e livello stimato di deprivazione socioeconomica.

 

Articolo precedenteLe prime immagini di Mercurio dalla sonda BepiColombo
Articolo successivoLe nuove linee guida ESC 2021: cardiopatie valvolari
La redazione di Newence è composta prevalentemente da collaboratori con competenze maturate in ambito medico, scientifico e tecnologico. Rivedono e discutono in modo critico e analitico i più importanti lavori scientifici pubblicati sulle più autorevoli riviste scientifiche internazionali, fornendo utili spunti di riflessione e aggiornamento per i professionisti della sanità e informazioni affidabili e verificate dedicate al pubblico più vasto.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

2 × tre =