Home Cardiologia Diagnosticare e curare la carenza di ferro per prevenire malattie cardiovascolari e...

Diagnosticare e curare la carenza di ferro per prevenire malattie cardiovascolari e decessi

333
0

Circa il 10% dei nuovi casi di malattia coronarica che si verificano in una decade della mezza età potrebbe essere evitato, prevenendo la carenza di ferro. È quanto suggerisce uno studio pubblicato nei giorni scorsi sulla rivista ESC Heart Failure.

“Questo è stato uno studio osservazionale e non possiamo concludere che la carenza di ferro causi malattie cardiache”, ha affermato l’autore dello studio, il Dr. Benedikt Schrage, dell’Università Heart and Vasculature Center, di Amburgo, in Germania. “Tuttavia, stanno crescendo le prove che esiste un collegamento e questi risultati forniscono la base per ulteriori ricerche, per confermare i risultati”.

adv

Il trattamento con ferro per via endovenosa

Precedenti studi hanno dimostrato che nei pazienti con malattie cardiovascolari, come l’insufficienza cardiaca, la carenza di ferro era collegata a esiti peggiori, inclusi ricoveri e morte. Il trattamento con ferro per via endovenosa ha migliorato i sintomi, la capacità funzionale e la qualità della vita nei pazienti con insufficienza cardiaca e carenza di ferro arruolati nello studio FAIR-HF.

Sulla base di questi risultati, lo studio FAIR-HF 2 sta studiando l’impatto della supplementazione di ferro per via endovenosa sul rischio di morte nei pazienti con insufficienza cardiaca. La nuova ricerca mira a esaminare se l’associazione tra carenza di ferro ed effetti clinici si osserva anche nella popolazione generale.

Lo studio ha incluso 12.164 individui provenienti da tre coorti europee basate sulla popolazione. L’età media era di 59 anni e il 55% erano donne. Durante la visita di studio di base, i fattori di rischio cardiovascolare e le comorbilità come fumo, obesità, diabete e colesterolo sono stati valutati tramite un’approfondita valutazione clinica che includeva la raccolta di campioni di sangue.

I partecipanti sono stati classificati come carenti o meno di ferro secondo due definizioni: 1) carenza di ferro assoluta, che include solo il ferro immagazzinato (ferritina); e 2) carenza di ferro funzionale, che include ferro immagazzinato (ferritina) e ferro in circolazione (transferrina).

Il Dr. Schrage ha spiegato: “La carenza assoluta di ferro è il modo tradizionale di valutare lo stato del ferro, ma manca il ferro circolante. La definizione funzionale è più accurata in quanto include entrambe le misure e rileva quelle con riserve sufficienti ma non sufficienti in circolazione per consentire al corpo di funzionare correttamente.

Una carenza di ferro assoluta o funzionale

I partecipanti sono stati seguiti per malattia coronarica incidente e ictus, morte per malattie cardiovascolari e morte per tutte le cause. I ricercatori hanno analizzato l’associazione tra carenza di ferro e malattia coronarica incidente, ictus, mortalità cardiovascolare e mortalità per tutte le cause dopo aggiustamenti per età, sesso, fumo, colesterolo, pressione sanguigna, diabete, indice di massa corporea e infiammazione. I partecipanti con una storia di malattia coronarica o ictus al basale sono stati esclusi dalle analisi della malattia incidente.

Al basale, il 60% dei partecipanti aveva una carenza di ferro assoluta e il 64% aveva una carenza di ferro funzionale. Durante un follow-up mediano di 13,3 anni ci sono stati 2.212 (18,2%) decessi. Di questi, un totale di 573 individui (4,7%) sono deceduti per cause cardiovascolari. Incidenza di malattia coronarica e ictus sono stati diagnosticati rispettivamente in 1.033 (8,5%) e 766 (6,3%) partecipanti.

La carenza di ferro funzionale era associata a un rischio maggiore del 24% di malattia coronarica, di un rischio maggiore del 26% di mortalità cardiovascolare e di un rischio maggiore del 12% di mortalità per tutte le cause, rispetto all’assenza di carenza di ferro funzionale.

La carenza assoluta di ferro era associata a un rischio aumentato del 20% di malattia coronarica, rispetto a nessuna carenza assoluta di ferro, ma non era collegata alla mortalità. Non c’erano associazioni tra lo stato del ferro e l’ictus incidente.

Il 5,4% di tutti i decessi era attribuibile alla carenza funzionale di ferro

I ricercatori hanno calcolato la frazione attribuibile alla popolazione, ovvero la stima della proporzione di eventi in 10 anni che sarebbero stati evitati se tutti gli individui avessero avuto il rischio di quelli senza carenza di ferro al basale. I modelli sono stati aggiustati per età, sesso, fumo, colesterolo, pressione sanguigna, diabete, indice di massa corporea e infiammazione.

In un periodo di 10 anni, il 5,4% di tutti i decessi, l’11,7% dei decessi cardiovascolari e il 10,7% delle nuove diagnosi di malattie coronariche erano attribuibili alla carenza funzionale di ferro.

“Questa analisi suggerisce che se la carenza di ferro fosse stata assente al basale, circa il 5% dei decessi, il 12% dei decessi cardiovascolari e l’11% delle nuove diagnosi di malattie coronariche non si sarebbero verificati nel decennio successivo”, ha affermato il dott. Schrage.

“Lo studio ha dimostrato che la carenza di ferro era altamente prevalente in questa popolazione di mezza età, con quasi due terzi di carenza di ferro funzionale”, ha affermato il dott. Schrage. “Questi individui avevano maggiori probabilità di sviluppare malattie cardiache e avevano anche maggiori probabilità di morire durante i successivi 13 anni”.

Il Dr. Schrage ha osservato che studi futuri dovrebbero esaminare queste associazioni in coorti più giovani e non europee. Ha detto: “Se le relazioni saranno confermate, il prossimo passo sarebbe uno studio randomizzato che indaghi sull’effetto del trattamento della carenza di ferro nella popolazione generale”.

Articolo precedenteLa miglior rianimazione cardiopolmonare in neonati, bambini e adolescenti
Articolo successivoLa molecola infiammatoria CCL11 legata all’invecchiamento cerebrale: gli effetti sulla memoria
redazione
La redazione di Newence è composta prevalentemente da collaboratori con competenze maturate in ambito medico, scientifico e tecnologico. Rivedono e discutono in modo critico e analitico i più importanti lavori scientifici pubblicati sulle più autorevoli riviste scientifiche internazionali, fornendo utili spunti di riflessione e aggiornamento per i professionisti della sanità e informazioni affidabili e verificate dedicate al pubblico più vasto.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

9 − sette =