Home Cardiologia Se in gravidanza la madre ha il colesterolo elevato i figli rischiano...

Se in gravidanza la madre ha il colesterolo elevato i figli rischiano infarti più gravi

591
0

Un piccolo studio suggerisce che valori elevati di colesterolo materno in gravidanza si associa a infarti del miocardio più gravi nella prole giovane adulta. La ricerca è stata pubblicata recentemente sulla rivista European Journal of Preventive Cardiology.

“Il colesterolo non viene misurato di routine durante la gravidanza nella maggior parte dei paesi, quindi ci sono pochi studi sulla sua associazione con la salute della prole”, ha affermato l’autore dello studio, il dott. Francesco Cacciatore, dell’Università di Napoli Federico II, in Italia.

adv

Il colesterolo elevato in gravidanza

“Sono necessarie ulteriori ricerche per verificare i nostri risultati”, ha continuato. “Se confermata, questa associazione indicherebbe che il colesterolo elevato in gravidanza dovrebbe essere considerato un segnale di avvertimento e le donne dovrebbero essere incoraggiate a fare esercizio e a ridurre l’assunzione di colesterolo. Inoltre, ai bambini affetti potrebbero essere fornite indicazioni dietetiche e di stile di vita volte a prevenire le malattie cardiache più avanti nella vita”.

Lo studio retrospettivo ha incluso 310 pazienti ricoverati in ospedale tra il 1991 e il 2019. Di questi, 89 pazienti sono stati ricoverati per infarto e 221 controlli sono stati ricoverati per altri motivi. Per tutti i 310 partecipanti, sono stati ottenuti dati sul colesterolo della madre durante il primo e il secondo trimestre di gravidanza.

L’età media degli 89 pazienti con infarto era di 47 anni e l’84% erano uomini. I pazienti sono stati classificati come affetti da infarto grave o non grave in base a: 1) numero di arterie coronarie coinvolte (attacco grave= interessamento di tre arterie); 2) funzione di pompa del cuore (attacco grave= frazione di eiezione ventricolare sinistra 35% o inferiore); 3) livelli di picco degli enzimi creatinina chinasi (CK) e CK-MB, con livelli più alti che indicano un danno cardiaco più esteso (attacco grave= picco CK sopra 1.200 mg/dL o picco CK-MB sopra 200 mg/dL). L’infarto è stato considerato grave quando almeno uno di questi criteri è stato soddisfatto.

Colesterolo materno e gravità dell’infarto

Il colesterolo materno durante la gravidanza era significativamente correlato con ciascuna misura della gravità dell’infarto (numero di vasi, frazione di eiezione, CK e CK-MB).

I ricercatori hanno analizzato l’associazione tra il colesterolo materno durante la gravidanza e la gravità dell’infarto dopo aver aggiustato per età, sesso, indice di massa corporea (BMI), numero di fattori di rischio cardiovascolare (obesità, fumo, ipertensione, storia familiare di malattie cardiache o colesterolo alto, diabete, angina precedente) e colesterolo sierico misurato dopo il ricovero per infarto.

Il colesterolo materno durante la gravidanza prevedeva la gravità dell’infarto indipendentemente da età, sesso, indice di massa corporea, numero di fattori di rischio e colesterolo sierico dopo il ricovero, con un odds ratio di 1.382 (intervallo di confidenza 95% 1.046–1.825; p=0.023).

L’associazione tra colesterolo materno in gravidanza e aterosclerosi

In una seconda analisi che includeva tutti i 310 pazienti, i ricercatori hanno esaminato l’associazione tra il colesterolo materno durante la gravidanza e l’aterosclerosi nella prole adulta. Poiché per la maggior parte dei controlli non erano disponibili misurazioni dell’aterosclerosi, sono state utilizzate due misurazioni sostitutive. Questi erano: 1) numero di fattori di rischio cardiovascolare; e 2) numero di fattori di rischio cardiovascolare più manifestazioni cliniche come infarto o ictus.

Il livello di colesterolo delle madri in gravidanza era significativamente correlato con entrambe le misure del rischio di aterosclerosi, anche dopo aggiustamento per età, sesso e fattori di rischio cardiovascolare.

Il dottor Cacciatore ha dichiarato: “Le nostre osservazioni suggeriscono che il livello di colesterolo di una madre durante la gravidanza influisce sulla programmazione dello sviluppo della prole e sulla gravità dell’infarto in età adulta. Tuttavia, lo studio non stabilisce la causalità, né ci consente di stimare quanto colesterolo materno possa contribuire alla gravità dell’infarto”.

Ha concluso: “Sono necessari studi prospettici per valutare meglio l’entità con cui il colesterolo materno può influenzare lo sviluppo dell’aterosclerosi nella prole e l’effetto combinato dei fattori di rischio per tutta la vita”.

 

Articolo precedenteGià nel 1021 i vichinghi raggiunsero il Nordamerica
Articolo successivoIl numero delle persone infette a inizio pandemia era estremamente più grande di quanto rilevato
redazione
La redazione di Newence è composta prevalentemente da collaboratori con competenze maturate in ambito medico, scientifico e tecnologico. Rivedono e discutono in modo critico e analitico i più importanti lavori scientifici pubblicati sulle più autorevoli riviste scientifiche internazionali, fornendo utili spunti di riflessione e aggiornamento per i professionisti della sanità e informazioni affidabili e verificate dedicate al pubblico più vasto.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui