Home Cardiologia Dal congresso Heart failure 22: anche poche quantità di alcol possono far...

Dal congresso Heart failure 22: anche poche quantità di alcol possono far male al cuore

326
0

Secondo una ricerca presentata a Madrid il mese scorso, in corso del congresso Heart Failure 2022, un congresso scientifico della Società Europea di Cardiologia (ESC), i livelli di consumo di alcol attualmente considerati sicuri da alcuni paesi possono invece portare allo sviluppo di un’insufficienza cardiaca.

“Questo studio si aggiunge alle altre evidenze che è necessario un approccio più cauto al consumo di alcol”, ha affermato l’autrice dello studio, la dott.ssa Bethany Wong del St. Vincent’s University Hospital, di Dublino, in Irlanda. “Per ridurre al minimo il rischio che l’alcol causi danni al cuore, se non bevi, non iniziare. Se bevi, limita il consumo settimanale a meno di una bottiglia di vino o a meno di tre lattine e mezzo da 500 ml di birra al 4,5%.

adv

La gestione dei fattori di rischio, come l’alcol

Secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità, l’Unione Europea è la regione del mondo dove si beve più alcol. Sebbene sia ben noto che il consumo eccessivo di alcol a lungo termine può causare un tipo di insufficienza cardiaca chiamata cardiomiopatia alcolica, gli studi nelle popolazioni asiatiche suggeriscono che anche quantità inferiori possono essere dannose. “Poiché esistono differenze genetiche e ambientali tra le popolazioni asiatiche ed europee, questo studio ha esaminato se esistesse una relazione simile tra alcol e cambiamenti cardiaci negli europei a rischio di insufficienza cardiaca o con pre-insufficienza cardiaca”, ha detto il dottor Wong. “Il cardine del trattamento per questo gruppo è la gestione dei fattori di rischio come l’alcol, quindi la conoscenza dei livelli di sicurezza è fondamentale”.

Lo studio era in realtà un’analisi secondaria dello studio STOP-HF e ha incluso 744 adulti di età superiore ai 40 anni a rischio di sviluppare insufficienza cardiaca a causa di differenti fattori di rischio (ad es. pressione alta, diabete, obesità) o con uno stato di pre-insufficienza cardiaca (fattori di rischio e anomalie cardiache ma nessun sintomo). L’età media era di 66,5 anni e il 53% erano donne. Lo studio ha escluso ex bevitori e pazienti con insufficienza cardiaca con sintomi. La funzione cardiaca è stata misurata con l’ecocardiografia al basale e al follow-up.

L’associazione tra consumo di alcol e salute del cuore

Lo studio ha utilizzato la definizione irlandese di una bevanda standard, una unità, che è 10 grammi di alcol. I partecipanti sono stati classificati in base al loro consumo settimanale di alcol: 1) nessuno; 2) basso (meno di sette unità; fino a una bottiglia da 750 ml di vino al 12,5% o tre lattine e mezzo da 500 ml di birra al 4,5%); 3) moderata (7-14 unità; fino a due bottiglie di 12,5% di vino o sette lattine da 500 ml di 4,5% di birra); 4) alto (sopra le 14 unità; più di due bottiglie di vino 12,5% o sette lattine da 500 ml di birra 4,5%).

I ricercatori hanno analizzato l’associazione tra consumo di alcol e salute del cuore su una media di 5,4 anni. I risultati sono stati riportati separatamente per i gruppi a rischio e pre-insufficienza cardiaca. Nel gruppo a rischio, il peggioramento della salute del cuore è stato definito come la progressione alla pre-insufficienza cardiaca o allo scompenso cardiaco sintomatico. Per il gruppo con pre-insufficienza cardiaca, il peggioramento della salute del cuore è stato definito come il deterioramento della funzione sistolica o diastolica o la progressione verso l’insufficienza cardiaca sintomatica. Le analisi sono state aggiustate per fattori che potevano influenzare la struttura del cuore, tra cui età, sesso, obesità, ipertensione, diabete e malattie vascolari.

Un rischio aumentato di 4,5 volte

Un totale di 201 (27%) pazienti non ha riportato alcun consumo di alcol, mentre 356 (48%) ne consumavano poco e 187 (25%) ne avevano un consumo moderato o elevato. Rispetto al gruppo a basso consumo, quelli con un uso moderato o elevato erano più giovani, avevano più probabilità di essere maschi e avevano un indice di massa corporea più alto.

Nel gruppo pre-insufficienza cardiaca, rispetto al mancato consumo di alcol, un’assunzione moderata o elevata era associata a un rischio aumentato di 4,5 volte di peggioramento della salute del cuore. La relazione è stata osservata anche quando i livelli moderati e alti sono stati analizzati separatamente. Nel gruppo a rischio non c’era associazione tra consumo moderato o elevato di alcol con la progressione alla pre-insufficienza cardiaca o allo scompenso cardiaco sintomatico. Non sono state trovate associazioni protettive per il basso consumo di alcol.

Il Dr. Wong ha affermato: “Il nostro studio suggerisce che bere più di 70 g di alcol a settimana è associato a un peggioramento della pre-insufficienza cardiaca o alla progressione verso l’insufficienza cardiaca sintomatica negli europei. Non abbiamo osservato alcun beneficio derivante dal basso consumo di alcol. I nostri risultati indicano che i paesi dovrebbero sostenere limiti più bassi di assunzione sicura di alcol nei pazienti in pre-scompenso cardiaco. In Irlanda, ad esempio, si consiglia alle persone a rischio di insufficienza cardiaca o con pre-insufficienza cardiaca di limitare l’assunzione settimanale di alcol a 11 unità per le donne e 17 unità per gli uomini. Questo limite per gli uomini è più del doppio dell’importo che abbiamo ritenuto sicuro. Sono necessarie ulteriori ricerche nelle popolazioni caucasiche per allineare i risultati e ridurre i messaggi contrastanti che i medici, i pazienti e il pubblico stanno attualmente ricevendo”.

 

Articolo precedenteMemristor: un neurone artificiale che combina intelligenza artificiale e calcolo quantistico
Articolo successivoUn maggior consumo di pesce potrebbe causare lo sviluppo di un melanoma
redazione
La redazione di Newence è composta prevalentemente da collaboratori con competenze maturate in ambito medico, scientifico e tecnologico. Rivedono e discutono in modo critico e analitico i più importanti lavori scientifici pubblicati sulle più autorevoli riviste scientifiche internazionali, fornendo utili spunti di riflessione e aggiornamento per i professionisti della sanità e informazioni affidabili e verificate dedicate al pubblico più vasto.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui