Home Cardiologia I PFAS associati ad un aumento del rischio del 71% di sviluppare...

I PFAS associati ad un aumento del rischio del 71% di sviluppare un’ipertensione arteriosa, nelle donne di mezza età

421
0

Le donne con concentrazioni ematiche elevate di sostanze chimiche sintetiche chiamate sostanze perfluoro alchiliche (PFAS) sembrano maggiormente a rischio di sviluppare una ipertensione arteriosa. A rilevarlo è una nuova ricerca, pubblicata sulla rivista Hypertension, che ha studiato gli effetti queste sostanze, presenti nell’acqua, nel suolo, nell’aria e negli alimenti, sulla pressione arteriosa, in donne di mezza età.

PFAS: effetti dannosi sulla salute anche a bassi livelli nel sangue

I PFAS sono una classe di sostanze chimiche sintetiche utilizzati negli articoli per la casa di tutti i giorni, come determinati shampoo, filo interdentale, cosmetici, pentole antiaderenti, imballaggi per alimenti, macchie -rivestimenti resistenti per moquette, tappezzeria e abbigliamento. Queste sostanze sono state protagoniste di un recente grave caso di contaminazione delle falde acquifere nel nordest italiano.

adv

I PFAS entrano nel sistema alimentare anche attraverso il pesce catturato in acqua contaminata e i prodotti lattiero-caseari di mucche esposte a PFAS, ad esempio attraverso i fertilizzanti utilizzati negli allevamenti.

La ricerca ha dimostrato che i PFAS possono avere effetti dannosi sulla salute anche a bassi livelli nel sangue. Alcuni PFAS sono stati collegati al rischio cardiovascolare, inclusa la disfunzione endoteliale, lo stress ossidativo e il colesterolo elevato. Tuttavia, nessuno studio precedente aveva valutato se i livelli di PFAS influiscano sul controllo della pressione sanguigna nelle donne di mezza età.

PFAS, prodotti chimici ‘per sempre’

I dati pubblicati in precedenza dal National Health and Nutrition Examination Survey (NHANES) dimostrano quanto sia comune l’esposizione ai PFAS, poiché quasi tutti gli americani hanno concentrazioni rilevabili di almeno un PFAS nel sangue.

“I PFAS sono conosciuti come ‘prodotti chimici per sempre’ perché non si degradano mai nell’ambiente e contaminano l’acqua potabile, il suolo, l’aria, il cibo e numerosi prodotti che consumiamo o incontriamo abitualmente. Uno studio ha stimato che due delle ‘sostanze chimiche per sempre’ più comuni si trovano nella maggior parte dell’acqua potabile domestica e sono consumate da più di due terzi degli americani”, ha affermato l’autore principale dello studio Ning Ding, un post- borsista di dottorato nel dipartimento di epidemiologia presso la University of Michigan School of Public Health di Ann Arbor, nel Michigan.

“Le donne sembrano essere particolarmente vulnerabili se esposte a queste sostanze chimiche”, ha detto. “Il nostro studio è il primo a esaminare l’associazione tra ‘sostanze chimiche per sempre’ e ipertensione nelle donne di mezza età. L’esposizione può essere un fattore di rischio sottovalutato per il rischio di malattie cardiovascolari delle donne”.

Donne di età compresa tra 45 e 56 anni

Utilizzando i dati dello Study of Women’s Health Across the Nation-Multi-Pollutant Study (SWAN-MPS), uno studio prospettico su donne di diverse origini razziali ed etniche nella mezza età, i ricercatori hanno esaminato le concentrazioni ematiche di PFAS specifici e il rischio di ipertensione. I dati includevano più di 1.000 donne, di età compresa tra 45 e 56 anni, che avevano una pressione sanguigna normale quando sono state arruolate nello studio. Le concentrazioni ematiche di PFAS sono state misurate all’inizio dello studio. Tutti i partecipanti sono stati seguiti quasi ogni anno dal 1999 al 2017. I partecipanti sono stati reclutati da cinque sedi istituzionali (Boston, Pittsburgh, Michigan sudorientale, Los Angeles e Oakland, California) negli Stati Uniti e si sono autoidentificati come neri (15,2%), cinesi (14,1%), giapponesi (16,2%) o donne bianche (54,5%). Tutti i siti hanno arruolato donne bianche non ispaniche oltre a un gruppo razziale/etnico aggiuntivo.

Un rischio aumentato del 71% di sviluppare ipertensione arteriosa

L’analisi dei risultati ha rilevato come durante 11.722 persona/anno di follow-up per tutti i partecipanti allo studio, 470 donne hanno sviluppato una ipertensione.

Le donne con concentrazioni più elevate di un PFAS specifico avevano maggiori probabilità di sviluppare la malattia: donne con la più alta concentrazione di un terzo di acido perfluorottano solfonico (PFOS), acido perfluoroottanoico (PFOA) e 2-(N-etil-perfluorottano sulfonamido) acetico acido (EtFOSAA, un precursore del PFOS) presentava rispettivamente il 42%, 47% e 42% in più di rischio di sviluppare ipertensione, rispetto alle donne nelle concentrazioni più basse di un terzo di questi PFAS.

Le donne nelle più alte concentrazioni di un terzo di tutti e sette i PFAS esaminati avevano un rischio aumentato del 71% di sviluppare la pressione alta.

“È importante notare che abbiamo esaminato i singoli PFAS e diversi PFAS insieme e abbiamo scoperto che l’esposizione combinata a più PFAS ha avuto un effetto più forte sulla pressione sanguigna”, ha affermato l’autore senior dello studio Sung Kyun Park, professore associato di epidemiologia e scienze della salute ambientale presso la University of Michigan School of Public Health. “Alcuni stati stanno iniziando a vietare l’uso di PFAS negli imballaggi alimentari e nei prodotti cosmetici e per la cura della persona. I nostri risultati chiariscono che è necessario sviluppare strategie per limitare l’uso diffuso di PFAS nei prodotti. Il passaggio a opzioni alternative può aiutare a ridurre l’incidenza del rischio di ipertensione nelle donne di mezza età”.

“Non ci aspettavamo la forza dell’associazione che abbiamo trovato”

“Sappiamo da tempo che i PFAS interrompono il metabolismo nel corpo, ma non ci aspettavamo la forza dell’associazione che abbiamo trovato. Ci auguriamo che questi risultati allertino i medici sull’importanza dei PFAS” ha concluso Park.

Lo studio era limitato in quanto includeva solo donne di mezza età, quindi i risultati potrebbero non essere tradotti in donne più giovani o anziane e negli uomini. Gli autori osservano che sono necessarie ulteriori ricerche per confermare queste associazioni e per affrontare i modi per ridurre l’esposizione ai PFAS.

Articolo precedenteL’anestesia spinale associata a maggior dolore subito dopo un intervento all’anca rispetto all’anestesia generale
Articolo successivoLac-Phe: la molecola prodotta con l’esercizio fisico che fa ridurre la fame
redazione
La redazione di Newence è composta prevalentemente da collaboratori con competenze maturate in ambito medico, scientifico e tecnologico. Rivedono e discutono in modo critico e analitico i più importanti lavori scientifici pubblicati sulle più autorevoli riviste scientifiche internazionali, fornendo utili spunti di riflessione e aggiornamento per i professionisti della sanità e informazioni affidabili e verificate dedicate al pubblico più vasto.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui