Home Gastroenterologia La relazione tra depressione e batteri intestinali

La relazione tra depressione e batteri intestinali

166
0

Una caratteristica presenza di batteri intestinali associata alla concomitante presenza di sintomi depressivi è riportata in due recenti articoli pubblicati su Nature Communications. I risultati identificano specifici batteri intestinali coinvolti nella sintesi di messaggeri chimici chiave legati alla depressione, con differenze tra le etnie.

Una firma microbica predittiva dei sintomi depressivi

Nonostante sia una delle principali cause di mortalità e disparità economica, la depressione rimane poco conosciuta, poiché le cause non sono chiare e le opzioni di trattamento sono limitate. Si ritiene che il microbioma intestinale svolga un ruolo nei disturbi depressivi, ma i meccanismi biologici sottostanti sono stati poco studiati. Inoltre, è noto che sia il microbioma che i livelli dei sintomi depressivi variano sostanzialmente tra i gruppi etnici. Pertanto, qualsiasi intervento futuro per la depressione mirato al microbioma richiede una comprensione delle associazioni microbioma-depressione tra le etnie.

adv

Jos Bosch, Anja Lok, Susanne de Rooij e colleghi hanno studiato un gruppo di 3.211 individui della coorte del microbioma dello studio HELIUS, composto da sei gruppi etnici che vivono nell’area urbana di Amsterdam, tra cui olandese, surinamese dell’Asia meridionale, surinamese africano, ghanese, turco e marocchino. Collegando i dati del microbiota con i dati demografici, comportamentali e sulla depressione, gli autori hanno identificato una firma microbica predittiva dei sintomi depressivi che era in gran parte la stessa tra i gruppi etnici studiati.

Un bersaglio per future terapie

In un articolo co-pubblicato, Najaf Amin, Robert Kraaij, Djawad Radjabzadeh e colleghi, hanno confrontato le caratteristiche del microbiota intestinale di 1.054 partecipanti di una coorte separata nei Paesi Bassi, chiamata Rotterdam Cohort, e hanno trovato 13 gruppi microbici associati a sintomi depressivi, come Eggerthella, Subdoligranulum e Coprococcus. Questi risultati sono stati poi replicati nella coorte dello studio HELIUS.

Gli autori hanno scoperto che questi batteri sono coinvolti nella sintesi di noti messaggeri chimici associati alla depressione, come glutammato, butirrato, serotonina e acido gamma amino butirrico (GABA). Il microbioma fecale è stato studiato come indice del microbioma intestinale in entrambi gli studi.

Sebbene gli impatti clinici di questi risultati debbano essere confermati sperimentalmente, i due studi rafforzano ulteriormente il legame tra la composizione del microbioma intestinale e la depressione e suggeriscono che potrebbe essere un utile bersaglio per future terapie.

Articolo precedenteDapaglifozin: il farmaco antidiabetico che aiuta anche i pazienti con insufficienza renale
Articolo successivoUn farmaco per il Parkinson per prevenire le malattie cardiovascolari nei giovani con diabete tipo 1
redazione
La redazione di Newence è composta prevalentemente da collaboratori con competenze maturate in ambito medico, scientifico e tecnologico. Rivedono e discutono in modo critico e analitico i più importanti lavori scientifici pubblicati sulle più autorevoli riviste scientifiche internazionali, fornendo utili spunti di riflessione e aggiornamento per i professionisti della sanità e informazioni affidabili e verificate dedicate al pubblico più vasto.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui