Home In Evidenza Gli antibiotici non influiscono sulla gravità e neppure sulla durata della tosse

Gli antibiotici non influiscono sulla gravità e neppure sulla durata della tosse

81
0
copyright American Heart Associtation

Gli antibiotici sembrano non influire sulla durata della tosse o sulla sua gravità. È quanto emerge da un ampio studio prospettico condotto negli Stati Uniti. I pazienti analizzati si erano presentati in strutture di assistenza primaria o urgente per infezioni del tratto respiratorio inferiore e la mancanza di efficacia degli antibiotici si è verificata anche se era presente un’infezione batterica.

Lo studio condotto da ricercatori del Georgetown University Medical Center è apparso recentemente sul Journal of General Internal Medicine.

Gli antibiotici usati per trattare le infezioni batteriche

“Le infezioni del tratto respiratorio superiore di solito includono il comune raffreddore, mal di gola, sinusite e infezioni dell’orecchio e hanno metodi ben consolidati per determinare se dovrebbero essere somministrati antibiotici”, afferma l’autore principale dello studio, Dan Merenstein, professore di medicina di famiglia alla Scuola Universitaria di Medicina della Georgetown. “Le infezioni del tratto respiratorio inferiore tendono ad avere il potenziale per essere più pericolose, poiché circa il 3%-5% di questi pazienti hanno la polmonite. Ma non tutti hanno un facile accesso alla prima visita per una radiografia, il che potrebbe essere il motivo per cui i medici continuano a somministrare antibiotici senza che vi siano altre prove di un’infezione batterica. Inoltre, i pazienti si aspettano gli antibiotici per la tosse, anche se non aiutano. I farmaci di base per alleviare i sintomi, più il tempo, portano a una risoluzione delle infezioni della maggior parte delle persone”.

Gli antibiotici prescritti in questo studio per le infezioni del tratto inferiore erano tutti antibiotici appropriati e comunemente usati per trattare le infezioni batteriche. L’analisi dei ricercatori ha però mostrato che nel 29% delle persone a cui è stato somministrato un antibiotico durante la visita medica iniziale, non vi è stato alcun effetto sulla durata o sulla gravità complessiva della tosse rispetto a coloro che non hanno ricevuto un antibiotico.

La guarigione in 17 giorni

“I medici conoscono, ma probabilmente sovrastimano, la percentuale di infezioni del tratto inferiore di origine batterica; probabilmente sopravvalutano anche la loro capacità di distinguere le infezioni virali da quelle batteriche”, afferma Mark H. Ebell, autore dello studio e professore al College of Public Health dell’Università della Georgia. “Nella nostra analisi, al 29% delle persone è stato prescritto un antibiotico mentre solo al 7% è stato somministrato un antivirale. Ma la maggior parte dei pazienti non ha bisogno di antivirali poiché esistono solo due virus respiratori per i quali abbiamo farmaci per curarli: l’influenza e la SARS-COV-2. Non ce ne sono per tutti gli altri virus”.

Per determinare se fosse presente un’effettiva infezione batterica o virale, oltre ai sintomi riferiti di tosse, i ricercatori hanno confermato la presenza di agenti patogeni con test di laboratorio avanzati per cercare la presenza di: solo batteri, solo virus, sia virus che virus. batteri o nessun organismo rilevato. Cosa molto importante, per quelli con un’infezione batterica confermata, il periodo di tempo fino alla risoluzione della malattia era lo stesso per quelli che avevano ricevuto un antibiotico rispetto a quelli che non ne avevano ricevuto uno – circa 17 giorni.

L’uso eccessivo di antibiotici

L’uso eccessivo di antibiotici può provocare vertigini, nausea, diarrea ed eruzioni cutanee insieme a una probabilità del 4% circa di effetti avversi gravi tra cui l’anafilassi, che è una reazione allergica grave e pericolosa per la vita; Sindrome di Stevens-Johnson, una malattia rara e grave della pelle e delle mucose; e diarrea associata a Clostridioides difficile.

Un’altra preoccupazione significativa legata all’uso eccessivo di antibiotici è la resistenza. L’Organizzazione Mondiale della Sanità ha rilasciato una dichiarazione il 4 aprile 2024, affermando: “Si prevede che la resistenza antimicrobica incontrollata (dovuta all’uso eccessivo di antibiotici) ridurrà l’aspettativa di vita e porterà a spese sanitarie e perdite economiche senza precedenti”.

“Sappiamo che la tosse può essere un indicatore di un problema serio. È il motivo più comune legato alla malattia per una visita ambulatoriale, pari a quasi 3 milioni di visite ambulatoriali e più di 4 milioni di visite al pronto soccorso ogni anno”, afferma Merenstein. “I sintomi gravi della tosse e il modo in cui trattarli adeguatamente devono essere studiati di più, magari in uno studio clinico randomizzato poiché questo studio era osservazionale e non ci sono stati studi randomizzati che hanno esaminato questo problema circa dal 2012.”

 

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui