Home In Evidenza Neuropatia: sottovalutata e subdola, il nemico nascosto nei nervi

Neuropatia: sottovalutata e subdola, il nemico nascosto nei nervi

184
0

Secondo uno studio pubblicato online sulla rivista Neurology, la neuropatia, un danno ai nervi che provoca dolore e intorpidimento ai piedi e alle mani e che può eventualmente portare a cadute, infezioni e persino all’amputazione, è molto comune e soprattutto sottodiagnosticato.

“Più di un terzo delle persone affette da neuropatia sperimenta un dolore acuto o un formicolio che aumenta i tassi di depressione e diminuisce la qualità della vita”, ha affermato l’autrice dello studio Melissa A. Elafros, dell’Università del Michigan e membro dell’American Academy of Neurology. “Le persone con neuropatia hanno anche un rischio maggiore di morte prematura, anche quando si prendono in considerazione le altre condizioni che hanno, quindi identificare e trattare le persone con o a rischio di neuropatia è essenziale.”

Neuropatia e malattie concomitanti

Lo studio ha coinvolto 169 persone provenienti da una clinica ambulatoriale di medicina interna che serve principalmente pazienti a Flint, nel Michigan. I partecipanti avevano un’età media di 58 anni e il 69% erano neri. La metà delle persone aveva il diabete, che può di per sé essere una causa di neuropatia. Un totale di 67% era affetto da sindrome metabolica, definita come eccesso di grasso addominale più due o più dei seguenti fattori di rischio: pressione alta, trigliceridi più alti del normale, alti livelli di glicemia e colesterolo HDL basso. Anche questi fattori di rischio sono stati associati alla neuropatia.

Tutti i partecipanti sono stati testati per la polineuropatia simmetrica distale. Sono state raccolte anche informazioni su altre condizioni di salute.

Una probabilità quattro volte maggiore di avere la neuropatia

Un totale di 73% delle persone aveva neuropatia. Di questi, al 75% non era stata precedentemente diagnosticata la condizione. Quasi il 60% dei soggetti affetti da neuropatia provava dolore.

Di quelli con neuropatia, il 74% aveva inoltre una sindrome metabolica, rispetto al 54% di coloro che non avevano neuropatia.

Dopo aver corretto per altri fattori che potrebbero influenzare il rischio di neuropatia, i ricercatori hanno scoperto che le persone con sindrome metabolica avevano una probabilità quattro volte maggiore di avere la neuropatia rispetto alle persone che non avevano la sindrome.

I ricercatori hanno anche esaminato se esistesse un’eventuale relazione tra razza, reddito e neuropatia, poiché sono stati condotti pochi studi su questi argomenti. Non c’era però alcuna relazione tra reddito basso e neuropatia. Per quanto riguarda la razza, i neri avevano un rischio ridotto di neuropatia. I neri costituivano il 60% di quelli con neuropatia e il 91% di quelli senza neuropatia.

Un numero elevato di casi non diagnosticati

“La quantità di persone con neuropatia in questo studio, in particolare neuropatia non diagnosticata, era straordinariamente alta, con quasi tre quarti della popolazione studiata”, ha detto Elafros. “Ciò evidenzia l’urgente necessità di interventi che migliorino la diagnosi e la gestione di questa condizione, nonché la necessità di gestire i fattori di rischio che possono portare a questa condizione”.

Un limite dello studio è che si tratta di un’istantanea nel tempo; non ha seguito le persone per vedere chi ha sviluppato neuropatia nel tempo. Inoltre, non sono stati esaminati i motivi per cui le persone non erano in grado di gestire i fattori di rischio che possono portare alla neuropatia.

Lo studio è stato finanziato dal National Institute of Neurological Disorders and Stroke, dal National Institute of Diabetes and Digestive and Kidney Diseases e dal National Center for Advancing Translational Sciences.

Per scoprire di più sulla neuropatia si può visitare il sito BrainandLife.org, una rivista gratuita per pazienti e operatori sanitari dell’American Academy of Neurology.

 

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui