Home Cardiologia Il gusto della salute: sostituti del sale, un’arma segreta contro l’ipertensione

Il gusto della salute: sostituti del sale, un’arma segreta contro l’ipertensione

181
0

Secondo uno studio pubblicato con libero accesso sul Journal of American College of Cardiology, la sostituzione del sale normale con un sostituto del sale può ridurre l’incidenza di ipertensione negli anziani, senza aumentare il rischio di episodi di ipotensione. Le persone che utilizzavano un sostituto del sale avevano un’incidenza e una probabilità inferiori del 40% di soffrire di ipertensione rispetto a coloro che utilizzavano sale normale.

Il principale fattore di rischio per malattie cardiovascolari

Secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità, l’ipertensione è il principale fattore di rischio per malattie cardiovascolari e mortalità. Colpisce oltre 1,4 miliardi di adulti e provoca 10,8 milioni di decessi all’anno in tutto il mondo.

Uno dei modi più efficaci per ridurre il rischio di ipertensione è ridurre l’assunzione di sodio. Questo studio considera i sostituti del sale come una soluzione migliore per controllare e mantenere una pressione arteriosa sana rispetto alla sola riduzione del sale.

“Gli adulti spesso cadono nella trappola di consumare sale in eccesso attraverso alimenti trasformati facilmente accessibili ed economici”, ha affermato Yangfeng Wu, autore principale dello studio e direttore esecutivo dell’Istituto di ricerca clinica dell’Università di Pechino a Pechino, in Cina. “È fondamentale riconoscere l’impatto delle nostre scelte dietetiche sulla salute del cuore e aumentare la consapevolezza del pubblico sulle opzioni a basso contenuto di sodio.”

Ridurre l’assunzione di sale

I ricercatori di questo studio hanno valutato l’impatto delle strategie di riduzione del sodio sulla pressione arteriosa negli anziani che risiedono in strutture di cura in Cina. Mentre studi precedenti hanno dimostrato che ridurre l’assunzione di sale può prevenire o ritardare la nuova insorgenza di ipertensione, la riduzione e l’evitamento del sale a lungo termine possono essere difficili da realizzare.

Lo studio DECIDE-Salt ha incluso 611 partecipanti di età pari o superiore a 55 anni, provenienti da 48 strutture di cura, divise in due gruppi: 24 strutture (313 partecipanti) che hanno sostituito il sale abituale con il sostituto del sale e 24 strutture (298 partecipanti) che hanno continuato a usare il sale abituale.

Tutti i partecipanti avevano una pressione arteriosa <140/90 mmHg e non utilizzavano farmaci antipertensivi alla visita basale. L’outcome primario era costituito dai partecipanti che presentavano ipertensione incidente, che avevano iniziato farmaci antipertensivi o che avevano sviluppato eventi avversi cardiovascolari maggiori durante il follow-up.

Il 40% in meno di probabilità di sviluppare ipertensione

A due anni, l’incidenza dell’ipertensione era di 11,7 per 100 persone-anno nei partecipanti con sostituti del sale e di 24,3 per 100 persone-anno nei partecipanti con sale normale. Le persone che utilizzavano il sostituto del sale avevano il 40% in meno di probabilità di sviluppare ipertensione rispetto a quelle che utilizzavano sale normale.

Inoltre, i sostituti del sale non hanno causato ipotensione, che può essere un problema comune negli anziani.

“I nostri risultati mostrano un’entusiasmante svolta nel mantenimento della pressione arteriosa che offre alle persone un modo per salvaguardare la propria salute e ridurre al minimo il potenziale di rischi cardiovascolari, il tutto potendo godere dei vantaggi di aggiungere un sapore delizioso ai loro pasti preferiti”, ha affermato Wu. “Considerando il suo effetto di abbassamento della pressione arteriosa, dimostrato in studi precedenti, il sostituto del sale si mostra benefico per tutte le persone, sia ipertese che normotese, quindi una strategia di popolazione auspicabile per la prevenzione e il controllo dell’ipertensione e delle malattie cardiovascolari”.

Sostituti del sale già all’inizio della catena alimentare

I limiti dello studio includono che si tratta di un’analisi post-hoc, i risultati dello studio non sono stati specificati in anticipo e in molti pazienti si è verificata una perdita di visite di follow-up. Le analisi hanno indicato che questi valori mancanti erano casuali e analisi di sensibilità multiple supportano la robustezza dei risultati.

In un commento editoriale di accompagnamento, Rik Olde Engberink, ricercatore, nefrologo e farmacologo clinico presso il Dipartimento di Medicina Interna del Centro Medico dell’Università di Amsterdam, ha affermato che lo studio fornisce un’alternativa interessante alla strategia fallimentare di ridurre l’assunzione di sale in tutto il mondo, ma rimangono alcune domande.

“Nello studio DECIDE-Salt, il sostituto del sale veniva somministrato al personale della cucina e alle strutture non era consentito fornire cibo di provenienza esterna più di una volta alla settimana”, ha affermato Olde Engberink. “Questo approccio ha potenzialmente un impatto maggiore sui risultati della pressione arteriosa e, per questo motivo, i sostituti del sale dovrebbero essere adottati all’inizio della catena alimentare da parte dell’industria alimentare in modo che il rapporto sodio-potassio degli alimenti trasformati migliori”.

 

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui