Home Endocrinologia Le linee guida della Endocrine Society: meno vitamina D e meno esami...

Le linee guida della Endocrine Society: meno vitamina D e meno esami sotto i 75 anni

120
0

Secondo le nuove linee guida pubblicate recentemente dalla Endocrine Society è improbabile che gli adulti sani di età inferiore ai 75 anni traggano beneficio dall’assunzione di una quantità di vitamina D superiore a quella giornaliera raccomandata. Inoltre, non necessitano di test per i livelli di vitamina D.

Per i bambini, le donne incinte, gli adulti di età superiore ai 75 anni e gli adulti con prediabete ad alto rischio, le linee guida raccomandano una vitamina D superiore alla dose giornaliera raccomandata.

Gli integratori di vitamina D

L’uso di vitamina D e i livelli di vitamina D nel sangue sono stati associati a molte malattie comuni. Tuttavia, da anni si discute se l’integrazione di vitamina D riduca il rischio di queste malattie e quali siano i livelli ematici di vitamina D necessari per una migliore salute.

In queste nuove linee guida il gruppo di esperti ha fornito raccomandazioni per l’uso della vitamina D e per i test sui livelli di vitamina D, in persone sane senza indicazioni consolidate per il trattamento o per dosare la vitamina D.

Le linee guida intitolate “Vitamin D for the Prevention of Disease: An Endocrine Society Clinical Practice Guideline”, sono state pubblicate online sulla rivista Journal of Clinical Endocrinology & Metabolism.

“L’obiettivo di queste linee guida era quello di soddisfare i requisiti di vitamina D per la prevenzione delle malattie in una popolazione generalmente sana senza condizioni di base che la mettessero a rischio di assorbimento o azione compromessa della vitamina D”, ha affermato Marie Demay, della Harvard Medical School. Demay è il presidente del gruppo che ha sviluppato le linee guida.

“Le popolazioni sane che possono trarre beneficio da dosi più elevate di integratori di vitamina D sono quelle di età pari o superiore a 75 anni, le persone incinte, gli adulti con prediabete e i bambini e gli adolescenti di età pari o inferiore a 18 anni, ma non raccomandiamo test di routine per i livelli di vitamina D in nessuno di questi gruppi. ”

Vitamina D: le principali raccomandazioni

Le principali raccomandazioni della linea guida suggeriscono di non assumere integratori di vitamina D a dosi superiori agli apporti alimentari di riferimento raccomandati negli adulti sani di età inferiore a 75 anni.

Le popolazioni che potrebbero trarre beneficio da un’integrazione superiore alle assunzioni raccomandate a causa del potenziale di riduzione dei rischi specifici per la salute sono:

  • Bambini e adolescenti di età pari o inferiore a 18 anni: potenziale per prevenire il rachitismo nutrizionale e ridurre la possibilità di infezioni respiratorie.
  • Individui di età pari o superiore a 75 anni: potenziale per ridurre il rischio di mortalità.
  • Persone in gravidanza: potenziale riduzione del rischio di preeclampsia, mortalità intrauterina, parto pretermine, parto piccolo per l’età gestazionale e mortalità neonatale.
  • Persone con prediabete: potenziale per ridurre la progressione verso il diabete.

Negli adulti di età pari o superiore a 50 anni che hanno indicazioni per l’integrazione o il trattamento con vitamina D, viene suggerita una dose giornaliera di vitamina D più bassa, invece di una dose non giornaliera di vitamina D più elevata.

Le linee guida suggeriscono di non effettuare test di routine per i livelli di 25-idrossivitamina D in nessuna delle popolazioni studiate, poiché non sono stati identificati benefici specifici. Ciò include lo screening della 25-idrossivitamina D nelle persone con carnagione scura o obese.

Una metodologia rigorosa

Anche se le evidenze sul ruolo della vitamina D nella salute e nelle malattie sono aumentate negli ultimi dieci anni, il gruppo di esperti ha notato molti limiti nelle prove disponibili. Ad esempio, molti dei grandi studi clinici non sono stati progettati per molti dei risultati riportati e le popolazioni studiate avevano livelli ematici di vitamina D che la maggior parte considererebbe adeguati. Sulla base di prove insufficienti, il comitato non è stato in grado di determinare soglie specifiche di livello ematico per la 25-idrossivitamina D per l’adeguatezza o per livelli target per la prevenzione della malattia.

Le nuove linee guida sono state sviluppate utilizzando una metodologia rigorosa che incorpora numerosi miglioramenti avviati nel 2019. Le persone che guidano i gruppi di sviluppo delle linee guida non possono avere conflitti di interessi rilevanti e più della metà dei membri del gruppo di scrittura deve essere esente da conflitti rilevanti.

La Società ha istituito il suo Programma di linee guida per la pratica clinica per fornire agli endocrinologi e ad altri medici raccomandazioni basate sull’evidenza nella diagnosi, nel trattamento e nella gestione delle condizioni correlate al sistema endocrino. Ogni linea guida è sviluppata da un gruppo multidisciplinare di esperti del settore. I panel di sviluppo delle linee guida si basano su revisioni della letteratura basate sull’evidenza. Tutte le linee guida per la pratica clinica sono sostenute interamente dai fondi della Società.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui