Home In Evidenza Malattia di Alzheimer: l’importante ruolo dei batteri intestinali (VIDEO)

Malattia di Alzheimer: l’importante ruolo dei batteri intestinali (VIDEO)

96
0
Garrondo (talk)

La frase “sei quello che mangi” fu coniata quasi un secolo prima che Alois Alzheimer scoprisse l’omonima malattia, ma ora è chiaro che la dieta, così come l’età, influenzano il cervello.

Un crescente numero di ricerche suggerisce una correlazione tra il morbo di Alzheimer e un intestino malsano. Un gruppo di scienziati australiani spera di fare un ulteriore passo avanti esplorando il modo in cui i batteri intestinali dannosi accedono al cervello e portano alla demenza.

Quando il microbioma intestinale invecchia

Il dottor Ibrahim Javed, nanobioscienziato dell’Università dell’Australia Meridionale, afferma che minuscoli metaboliti rilasciati da batteri cattivi nell’intestino possono viaggiare fino al cervello, causando infiammazioni e innescando la malattia di Alzheimer, per la quale non esiste una cura.

Nei giovani ciò è meno probabile perché la barriera ematoencefalica è molto più forte, ma questa si indebolisce con l’invecchiamento, consentendo alle sostanze nocive di danneggiare i neuroni. Quando il microbioma nell’intestino invecchia, perde anche la capacità di combattere le malattie.

Identificando il modo in cui i metaboliti rilasciati dai batteri cattivi danneggiano i neuroni – e si spera sviluppando nuove terapie farmacologiche per bloccarli – il dottor Javed afferma che dovrebbe essere possibile rallentare o arrestare la progressione dell’Alzheimer.

La demenza è prevenibile?

Un secondo obiettivo del progetto di ricerca triennale è studiare come i probiotici e gli integratori alimentari, che contengono entrambi batteri amici, possono eliminare i batteri cattivi e impedire la fuoriuscita dei metaboliti dall’intestino.

Ciò fa seguito a numerosi studi di ricerca clinica internazionali che hanno dimostrato che i probiotici migliorano i problemi digestivi e cognitivi nelle persone con COVID-19 acuto e cronico.

“La nostra ricerca indica che i batteri intestinali dannosi possono scatenare la demenza a esordio precoce e accelerare la demenza nei pazienti che già combattono la malattia neurodegenerativa”, afferma il dott. Javed.

“Una dieta povera è uno dei tanti fattori che danneggiano i batteri intestinali, aumentando le possibilità di sviluppare demenza. Giocano un ruolo anche l’invecchiamento, la mancanza di esercizio fisico, l’esposizione ai pesticidi e la genetica, sebbene quest’ultima sia responsabile di un numero molto limitato di casi. Nella maggior parte dei casi, la demenza è prevenibile”.

Il numero dei casi di Alzheimer raddoppierà ogni 20 anni

La maggior parte dei tipi di batteri sono innocui – molti sono addirittura essenziali per la nostra sopravvivenza – ma i batteri cattivi creano biofilm che causano infezioni gastrointestinali, malattie croniche, cancro all’intestino e malattie del cervello.

La malattia di Alzheimer colpisce fino a 55 milioni di persone in tutto il mondo e, con l’invecchiamento della popolazione, si prevede che questo numero raddoppierà ogni 20 anni, secondo l’Alzheimer’s Disease International.

La demenza ad esordio precoce – sotto i 65 anni – sta diventando più comune nella popolazione globale, attribuita a fattori prevenibili come una cattiva alimentazione e uno stile di vita sedentario, il fumo, il consumo eccessivo di alcol, l’isolamento sociale, l’esposizione ai pesticidi e l’inquinamento atmosferico.

Il gruppo del dottor Javed sta anche collaborando con la professoressa associata Larisa Bobrovskaya, neuroscienziata dell’UniSA, su un potenziale legame tra stress e morbo di Alzheimer e per valutare se le donne siano più a rischio.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui