Home Macchine & Motori Una nuova sfida per Aston Martin: un piccolo sottomarino per viaggiare nelle...

Una nuova sfida per Aston Martin: un piccolo sottomarino per viaggiare nelle profondità del mare

282
0

James Bond più volte ci ha fatto vedere com’è possibile trasformare un’auto in un piccolo sottomarino e navigare in tutta tranquillità nelle profondità del mare. Non lo aveva mai fatto però con la più celebre delle sue vetture, la Aston Martin.

Arriva ora dalla casa britannica l’annuncio di una sua collaborazione con la Triton Submarines, produttore di sommergibili di elevato profilo tecnologico, per un progetto dal nome inevitabile: “Neptune”.

adv

Triton ha una vasta esperienza nella progettazione e produzione dei piccoli sommergibili, utilizzati comunemente da ricercatori, esploratori e proprietari di superyacht. Fondata in Florida da L. Bruce Jones e Patrick Lahey, il team di Triton si impegna ora a produrre il più sicuro e performante sommergibile da immersione profonda del mondo.

Il progetto Neptune sposa le competenze subacquee e operative di Triton con il design, i materiali e l’artigianalità di Aston Martin. Si tratterà ovviamente di un veicolo esclusivo, in produzione limitata.

Il punto di partenza del progetto è la piattaforma a basso profilo per tre persone di Triton che sarà integrata dalla progettualità di Aston Martin.

Il vicepresidente esecutivo del marchio britannico, Marek Reichman, e il suo team hanno trasformato la compatta piattaforma di Triton in un veicolo armonico. «Il progetto Neptune è definito dall’eleganza del suo aspetto esterno», dice Reichman, «abbiamo utilizzato le forme e le proporzioni per esprimere la stessa devozione per la progettazione, l’ingegneria e la bellezza che plasmano le nostre auto, come per il progetto Aston Martin Valkyrie Hypercar».

Patrick Lahey, presidente di Triton Submarines ha dichiarato: «Abbiamo sempre ammirato Aston Martin. Il marchio rappresenta una passione profonda per la tecnologia, l’ingegneria e il design elegante e senza tempo. Fin dalla nostra prima interazione, è stato evidente che Triton e Aston Martin erano partner naturali e che i nostri valori complementari si realizzeranno in questo progetto veramente emozionante».

L’amministratore delegato di Aston Martin Consulting, Bradley Yorke-Biggs, ha dichiarato: «Il progetto Neptune è un progetto di punta per Aston Martin Consulting. È una dimostrazione chiara e coinvolgente di come l’esperienza di Aston Martin nel design e nell’artigianato sportivo possa essere estesa a nuovi aspetti del mondo del lusso».

Chissà se in uno dei suoi prossimi film, l’agente 007 si immergerà in mare in una lussuosissima Aston Martin.

Articolo precedenteQuanto sono utili i ß-bloccanti nei pazienti con scompenso cardiaco e frazione di eiezione conservata?
Articolo successivoExpert Focus: l’ecocardiografia tridimensionale. Intervista con il Prof. Roberto Lang
franco.folino
Franco Folino è un medico chirurgo, specialista in cardiologia, e un giornalista. Ha iniziato a lavorare come cronista alla fine degli anni settanta, scrivendo articoli per diverse riviste italiane di sport motoristici, e in seguito anche in media televisivi privati, estendendo il suo interesse in altri campi dell’informazione. Ha pubblicato differenti articoli scientifici ed editoriali su prestigiose riviste internazionali. Ha contribuito alla nascita di Newence, diventandone il direttore responsabile dal marzo del 2017.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui