Home Covid-19 COVID-19: dopo l’infezione aumenta il rischio di sviluppare malattie reumatiche infiammatorie autoimmuni

COVID-19: dopo l’infezione aumenta il rischio di sviluppare malattie reumatiche infiammatorie autoimmuni

226
0
Immagine del coronavirus
This media comes from the Centers for Disease Control and Prevention's Public Health Image Library (PHIL), with identification number #4814.

Un ampio studio binazionale ha rilevato che l’infezione da SARS-CoV-2 era associata a un aumento del rischio di sviluppare malattie reumatiche infiammatorie autoimmuni (AIRD) che si estende fino a 12 mesi dopo l’infezione.

Il rischio è risultato più elevato in chi aveva avuto una maggiore gravità della fase acuta di COVID-19, anche tra coloro che erano stati vaccinati. Questi risultati suggeriscono che le strategie di cura per i pazienti che sopravvivono a COVID-19 dovrebbero prestare molta attenzione alle manifestazioni di AIRD, in particolare dopo una malattia grave. Lo studio è stato pubblicato sulla rivista Annals of Internal Medicine.

Un rischio più elevato di malattie reumatiche infiammatorie autoimmuni

I dati emergenti suggeriscono un rischio più elevato di AIRD tra le persone con una storia di COVID-19. Tuttavia, questi risultati si basano interamente sul confronto tra i gruppi infetti da SARS-CoV-2 e quelli che non lo sono. Quindi potrebbero essere influenzati dalle differenze nel comportamento di ricerca della salute e dai fattori di rischio intrinseci all’interno dei gruppi. Inoltre, i precedenti studi non hanno esplorato l’effetto della vaccinazione e di altri fattori modificabili sulla prevenzione delle complicanze a lungo termine del COVID-19.

I ricercatori della Kyung Hee University, Seoul, Corea del Sud, hanno utilizzato i dati di due studi di coorte nazionali, su larga scala, basati sulla popolazione generale in Corea e Giappone, per studiare l’effetto di COVID-19 sul rischio a lungo termine di AIRD incidente.

I dati comprendevano oltre 10 milioni di coreani e 12 milioni di adulti giapponesi, compresi quelli con COVID-19 tra gennaio 2020 e dicembre 2021, abbinati a pazienti con infezione influenzale e a pazienti di controllo non infetti.

Un rischio più elevato di AIRD incidente

I ricercatori hanno valutato i dati relativi all’insorgenza dell’AIRD a 1, 6 e 12 mesi dopo l’infezione da COVID-19 o influenzale, o la rispettiva data indice corrispondente dei pazienti di controllo non infetti.

Hanno riscontrato un aumento del rischio di AIRD incidente fino a 12 mesi dopo la diagnosi di COVID-19 rispetto agli altri due gruppi. Una maggiore gravità del COVID-19 acuto è stata associata a un rischio più elevato di AIRD incidente.

Gli autori hanno notato che la vaccinazione contro COVID-19 era associata a un rischio ridotto di AIRD incidente dopo l’infezione da SARS-CoV-2, ad eccezione dei pazienti che avevano avuto una forma grave di COVID-19, nonostante la vaccinazione.

 

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui