Home Cardiologia Statine: se si interrompe precocemente il trattamento si perdono i benefici

Statine: se si interrompe precocemente il trattamento si perdono i benefici

204
0
copyright American Heart Associtation

L’interruzione precoce del trattamento con statine potrebbe ridurre sostanzialmente la protezione per tutta la vita contro le malattie cardiache che questi farmaci conferiscono, poiché gran parte del beneficio si verifica nelle fasi più avanzate della vita. Questo è il risultato di uno studio di modellizzazione presentato al Congresso 2022 della Società europea di cardiologia.

Interrompere il trattamento non è una scelta saggia

L’autore principale, il dottor Runguo Wu della Queen Mary University di Londra, Regno Unito, ha dichiarato: “Lo studio indica che le persone di 40 anni con un’alta probabilità di sviluppare malattie cardiovascolari e le persone di tutte le età con malattie cardiache esistenti, dovrebbero essere prese in considerazione per l’inizio immediato di un trattamento ipocolesterolemizzante. Interrompere il trattamento, a meno che non sia consigliato da un medico, non sembra essere una scelta saggia”.

adv

Le malattie cardiovascolari sono la causa più comune di malattia e morte in tutto il mondo e il colesterolo elevato è un fattore di rischio modificabile chiave. Prove evidenti dimostrano che la riduzione del colesterolo lipoproteico a bassa densità di 1 mmol/l con le statine riduce i rischi di cardiopatia ischemica e ictus del 24%-25%.

Le statine sono i farmaci più comunemente usati per ridurre i livelli di colesterolo: si stima che nel 2018 siano stati assunti da oltre 145 milioni di persone. Tuttavia, l’inizio tardivo di questa terapia e la scarsa aderenza al trattamento sono piuttosto comuni. Anche la sovrastima degli effetti collaterali delle statine può essere responsabile del loro sottoutilizzo tra gli individui ad aumentato rischio di eventi cardiovascolari.

Statine e rischio di eventi cardiovascolari

C’è una certa incertezza su quando iniziare e per quanto tempo continuare la terapia con statine per ottimizzarne gli effetti. Questo studio ha stimato l’accumulo di benefici con le statine in base all’età all’inizio della terapia, utilizzando un modello di microsimulazione che è stato sviluppato utilizzando i dati su 118.000 partecipanti di grandi studi internazionali sulle statine parte della Cholesterol Treatment Trialists Collaboration (CTT) e 500.000 individui inclusi nella biobanca britannica.

Il modello ha utilizzato caratteristiche individuali (ad es. età, sesso) e storie di malattie per simulare il rischio annuale di infarto, ictus, rivascolarizzazione coronarica, diabete, cancro, morte vascolare e morte non vascolare per ciascun partecipante.

Il trattamento con una dose standard di statina (40 mg al giorno) è stato utilizzato per stimare l’effetto della terapia rispetto a nessuna terapia in questi scenari: (1) terapia per tutta la vita (utilizzata fino alla morte o 110 anni di età se precedente), (2) terapia interrotta a 80 anni di età e (3) l’inizio della terapia ritardato di cinque anni nei partecipanti di età inferiore ai 45 anni.

Un beneficio che si manifesta in età avanzata

Il beneficio delle statine è stato misurato in anni di vita aggiustati per la qualità di vita (QALY), vale a dire la durata della vita aggiustata alle condizioni di salute. Un QALY equivale ad un anno di vita in perfetta salute. I benefici sono stati riportati anche separatamente in base al rischio cardiovascolare di base, che si riferisce alla probabilità di avere un infarto o ictus nei prossimi 10 anni, e si basa su età, pressione arteriosa, livelli di colesterolo, stato di fumatore e condizioni mediche.

I ricercatori hanno scoperto che gran parte dei QALY guadagnati con la terapia con statine si sono accumulati più avanti nella vita. Maggiore è il rischio cardiovascolare a 10 anni dei partecipanti, maggiore e precoce è il beneficio delle statine. Rispetto alle statine per tutta la vita, l’interruzione della terapia a 80 anni di età ha cancellato gran parte del potenziale beneficio, specialmente per le persone con rischio cardiovascolare relativamente basso.

Perdere il 73% del beneficio

Il Dr. Wu ha affermato: “Il nostro studio suggerisce che le persone che iniziano a prendere statine intorno ai 50 anni, ma smettono a 80 anni invece di continuare per tutta la vita, perderanno il 73% del beneficio QALY se sono a rischio cardiovascolare relativamente basso e il 36% se sono ad alto rischio cardiovascolare, poiché quelli ad alto rischio iniziano a trarne beneficio prima. Il rischio cardiovascolare delle donne è generalmente inferiore a quello degli uomini. Ciò significa che per le donne, la maggior parte del beneficio per tutta la vita delle statine si verifica più tardi nella vita e l’interruzione prematura della terapia è probabilmente più dannosa che per gli uomini”.

Nelle persone di età inferiore ai 45 anni a basso rischio cardiovascolare, il che significa una probabilità inferiore al 5% di infarto o ictus nei prossimi 10 anni, un ritardo di cinque anni nell’assunzione di statine ha avuto scarso impatto: hanno perso solo il 2% del potenziale QALY prodotto da una terapia permanente. Tuttavia, l’impatto è stato maggiore nelle persone di età inferiore ai 45 anni ad alto rischio cardiovascolare, il che significa una probabilità di oltre il 20% di infarto o ictus nei prossimi 10 anni: hanno perso il 7% del potenziale beneficio QALY ottenibile da una terapia continuativa.

Il dottor Wu ha affermato: “Ancora una volta, questo è perché le persone a rischio cardiovascolare più elevato iniziano ad accumulare benefici presto e hanno più da perdere ritardando la terapia con statine, rispetto a quelle a basso rischio”.

 

Articolo precedenteTerapie oncologiche: le novità dal congresso nazionale AIOM 2022
Articolo successivoStatine: sopravvalutati i casi di dolore muscolare
redazione
La redazione di Newence è composta prevalentemente da collaboratori con competenze maturate in ambito medico, scientifico e tecnologico. Rivedono e discutono in modo critico e analitico i più importanti lavori scientifici pubblicati sulle più autorevoli riviste scientifiche internazionali, fornendo utili spunti di riflessione e aggiornamento per i professionisti della sanità e informazioni affidabili e verificate dedicate al pubblico più vasto.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui