Home Covid-19 COVID-19 e gravidanza: i vaccini a mRNA sono sicuri

COVID-19 e gravidanza: i vaccini a mRNA sono sicuri

241
0
Donna in gravidanza

Un recente studio ha evidenziato come i vaccini COVID-19 a mRNA siano sicuri in gravidanza e le donne cui sono stati somministrati hanno sperimentato malattie meno gravi e tassi più bassi di altri eventi sanitari, rispetto a persone vaccinate, non gravide, di età simile. La ricerca, condotta in Canada, è stata pubblicata recentemente sulla rivista The Lancet Infectious Diseases.

Gli effetti collaterali del vaccino

La pandemia di COVID-19 ha colpito in modo sproporzionato le donne in gravidanza, che sono a più alto rischio di malattia grave da COVID-19 rispetto a individui non gravidi di età simile. I vaccini COVID-19 sono stati raccomandati per l’uso in gravidanza in molti paesi all’inizio della distribuzione del vaccino, sulla base della sicurezza dei vaccini inattivati ​​in gravidanza e dei dati rassicuranti del piccolo numero di gravidanze che si sono verificate durante gli studi sui vaccini pre-autorizzazione.

adv

Questo studio è uno dei primi a esaminare contemporaneamente gli effetti collaterali del vaccino in un gruppo di donne in gravidanza vaccinate, in un gruppo in gravidanza non vaccinato e in un gruppo non in gravidanza vaccinato.

“Nelle prime fasi del lancio del vaccino contro il COVID-19 c’era un basso consumo tra le persone in gravidanza a causa delle preoccupazioni sulla disponibilità dei dati e sulla sicurezza del vaccino. C’è ancora un assorbimento inferiore alla media tra le donne non gravide in età riproduttiva”, afferma il dottor Manish Sadarangani del British Columbia Children’s Hospital Research Institute e primo autore di questo studio. “Grandi studi osservazionali come il nostro sono cruciali per una corretta comprensione dei tassi di eventi avversi per la salute nelle donne in gravidanza dopo diverse dosi di vaccinazione COVID-19. Queste informazioni dovrebbero essere utilizzate per informare le donne in gravidanza sugli effetti collaterali che potrebbero verificarsi nella settimana successiva alla vaccinazione”.

Segnalare eventi sanitari durante i sette giorni dopo ogni dose di vaccino

Questo nuovo studio, della Canadian National Vaccine Safety (CANVAS) Network, ha esaminato i dati dei partecipanti in sette province e territori canadesi, tra dicembre 2020 e novembre 2021. A tutti i partecipanti vaccinati è stato chiesto di segnalare autonomamente eventuali eventi sanitari durante i sette giorni dopo ogni dose di vaccino COVID-19. Al gruppo di controllo in stato di gravidanza non vaccinato è stato chiesto di registrare eventuali problemi di salute nei sette giorni precedenti la compilazione del sondaggio. In totale, 191.360 donne di età compresa tra 15 e 49 anni con stato di gravidanza noto hanno completato l’indagine sulla prima dose e 94.937 hanno completato l’indagine sulla seconda dose.

Un “evento sanitario significativo” è stato definito come un evento sanitario nuovo o un peggioramento che è stato sufficiente a far sì che il partecipante salti la scuola/il lavoro, richieda un consulto medico e/o impedisca le attività quotidiane nei sette giorni precedenti. Per “evento sanitario grave” si intende qualsiasi evento che abbia comportato una visita al pronto soccorso e/o un ricovero in ospedale nei sette giorni precedenti.

I sintomi più comuni

I ricercatori hanno scoperto che il 4% delle femmine in gravidanza vaccinate con mRNA ha riportato un evento di salute significativo entro sette giorni dalla dose uno di un vaccino con mRNA e il 7,3% dopo la dose due. Gli eventi sanitari significativi più comuni dopo la dose due nelle donne in gravidanza sono stati una sensazione generale di malessere, mal di testa/emicrania e infezione delle vie respiratorie.

In confronto, il 3,2% delle partecipanti in gravidanza non vaccinate ha riportato eventi simili nei sette giorni prima del completamento del sondaggio. Nel gruppo di controllo non in stato di gravidanza vaccinato, il 6,3% ha riportato un evento di salute significativo nella settimana dopo la dose uno e l’11,3% dopo la dose due.

Eventi sanitari gravi sono stati rari in tutti i gruppi (meno dell’1%) e si sono verificati a tassi simili dopo la dose uno e la dose due in soggetti vaccinati in gravidanza, persone vaccinate non gravide e nei controlli non vaccinati.

Aborto spontaneo/natimortalità è stato l’esito avverso della gravidanza riportato più frequentemente senza differenze significative tra i tassi nelle donne vaccinate e non vaccinate. Il 2,1% delle donne in gravidanza non vaccinate e l’1,5% delle donne in gravidanza vaccinate hanno avuto un aborto spontaneo o un parto morto entro sette giorni dalla dose uno di qualsiasi vaccino mRNA.

Un tasso più basso di eventi sanitari significativi tra le donne in gravidanza vaccinate

“Il tasso più basso di eventi sanitari significativi tra le persone in gravidanza vaccinate, rispetto alle persone non gravide vaccinate, è inaspettato e richiede ulteriori ricerche. Precedenti studi su altri vaccini nelle donne in gravidanza non hanno riportato per lo più differenze significative negli eventi sanitari tra donne in gravidanza e non gravide o hanno riscontrato tassi più elevati in gravidanza. Sono necessari ulteriori studi sui vaccini mRNA non COVID-19 per identificare se la riduzione degli effetti collaterali osservati nelle persone in gravidanza in questo studio è una caratteristica della piattaforma del vaccino mRNA o di questi vaccini specifici”, afferma la dott.ssa Julie Bettinger, autrice senior di questo articolo del British Columbia Children’s Hospital Research Institute.

Gli autori avvertono che la maggior parte dei partecipanti che hanno segnalato l’etnia in questo studio erano bianchi e questi dati potrebbero quindi non essere completamente generalizzabili ad altre popolazioni. Inoltre, questo studio si è concentrato sugli eventi sanitari che si verificano nei primi sette giorni dopo la vaccinazione e quindi non può concludere nulla sulle reazioni a lungo termine.

I vaccini mRNA COVID-19 sono sicuri in gravidanza

Scrivendo in un commento collegato, la dott.ssa Sascha Ellington e la dott.ssa Christine Olson dei Centers for Disease Control and Prevention negli Stati Uniti (che non sono state coinvolte nello studio) osservano: “Questi risultati sono coerenti e si aggiungono al crescente corpo di prove che i vaccini mRNA COVID-19 sono sicuri durante la gravidanza. […] La vaccinazione contro il COVID-19 tra le persone in gravidanza continua a essere inferiore a quella tra le femmine non gravide in età riproduttiva. Dati i rischi di malattie significative e di esiti avversi della gravidanza, è imperativo continuare a raccogliere e diffondere dati sulla sicurezza e l’efficacia della vaccinazione COVID-19 in gravidanza e incoraggiare gli operatori sanitari a promuovere la vaccinazione durante tutti i trimestri di gravidanza”.

Articolo precedenteCOVID-19: le donne in gravidanza sono a maggior rischio di malattia grave
Articolo successivoSulle strade della Cornovaglia, parte 1: la costa meridionale
redazione
La redazione di Newence è composta prevalentemente da collaboratori con competenze maturate in ambito medico, scientifico e tecnologico. Rivedono e discutono in modo critico e analitico i più importanti lavori scientifici pubblicati sulle più autorevoli riviste scientifiche internazionali, fornendo utili spunti di riflessione e aggiornamento per i professionisti della sanità e informazioni affidabili e verificate dedicate al pubblico più vasto.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui