Home Cardiologia Dal congresso EHRA 2024, fibrillazione atriale: il fumo passivo fa aumentare le...

Dal congresso EHRA 2024, fibrillazione atriale: il fumo passivo fa aumentare le probabilità di sviluppare l’aritmia

263
0
L'innesco di una fibrillazione atriale

Secondo una ricerca presentata al recente congresso della European Heart Rhythm Association, svoltosi a Berlino dal 7 al 9 aprile, l’esposizione al fumo passivo, anche in piccole quantità, è collegata a un maggiore rischio di gravi disturbi del ritmo cardiaco. La probabilità di sviluppare una fibrillazione atriale è aumentata man mano che la durata dell’esposizione al fumo passivo si prolungava.

Il disturbo del ritmo cardiaco più comune in tutto il mondo

“I pericoli del fumo passivo erano significativi, indipendentemente dal fatto che gli individui fossero a casa, all’aperto o al lavoro, indicando che l’esposizione aumenta universalmente il rischio di fibrillazione atriale”, ha affermato l’autore dello studio Dr. Kyung-Yeon Lee, del Seoul National University Hospital, di Seoul, nella Repubblica di Corea. “Dovremmo tutti fare ogni sforzo per evitare di trascorrere del tempo in ambienti fumosi. I risultati dovrebbero anche spingere i politici a frenare ulteriormente il fumo nelle aree pubbliche e a sostenere i programmi di cessazione del fumo per migliorare la salute pubblica”.

La fibrillazione atriale è il disturbo del ritmo cardiaco più comune in tutto il mondo. I sintomi includono palpitazioni, mancanza di respiro, affaticamento e difficoltà a dormire. Si stima che un europeo su tre svilupperà questa aritmia nel corso della propria vita. D’altra parte, le persone con fibrillazione atriale hanno cinque volte più probabilità di avere un ictus rispetto ai loro coetanei sani.

Un questionario touchscreen

È risaputo che il fumo passivo è collegato alla malattia coronarica e alla morte prematura. Tuttavia, i collegamenti tra fumo passivo e fibrillazione atriale non sono ancora stati chiariti.

Questo nuovo studio ha esaminato l’associazione tra l’esposizione al fumo passivo e il rischio a lungo termine di fibrillazione atriale incidente. Lo studio ha incluso adulti di età compresa tra 40 e 69 anni che avevano utilizzato il Servizio sanitario nazionale (NHS) del Regno Unito per qualsiasi motivo ed erano iscritti alla Biobanca del Regno Unito. Dallo studio sono stati esclusi i fumatori attuali e quelli con fibrillazione atriale al basale.

Nell’analisi sono stati inclusi un totale di 400.493 adulti. L’età media dei partecipanti era di 56,5 anni e il 55,2% erano donne. È stato utilizzato un questionario touchscreen per chiedere ai partecipanti il ​​numero di ore in cui erano stati esposti al fumo di altre persone, in una settimana tipica, nell’ultimo anno, a casa e in altri ambienti. I partecipanti sono stati classificati nel “gruppo esposto” se avevano avuto contatti con il fumo passivo e nel “gruppo non esposto” se non avevano avuto contatti con il fumo passivo.

L’associazione tra esposizione al fumo passivo e fibrillazione atriale

Circa 85.984 (21%) partecipanti erano stati esposti al fumo passivo nell’anno precedente, con un’esposizione media di 2,2 ore a settimana. Durante un follow-up mediano di 12,5 anni, la fibrillazione atriale si è sviluppata in 23.471 (6%) partecipanti.

I ricercatori hanno analizzato l’associazione tra esposizione al fumo passivo e fibrillazione atriale incidente dopo aver aggiustato i fattori che potrebbero potenzialmente influenzare la relazione, tra cui età, sesso, etnia, indice di massa corporea, consumo quotidiano di alcol, attività fisica da moderata a vigorosa, diabete, ipertensione arteriosa, livelli elevati di lipidi nel sangue, stato socioeconomico e centro di arruolamento. Il gruppo esposto al fumo passivo aveva un rischio maggiore del 6% di fibrillazione atriale incidente durante il follow-up, rispetto al gruppo non esposto, dopo aggiustamento per i fattori precedentemente menzionati (rapporto di rischio 1,06, intervallo di confidenza al 95% 1,03–1,10, p < 0,001).

Una relazione dose-dipendente

È stata osservata una relazione dose-dipendente, per cui ogni aumento della durata del fumo passivo settimanale era collegato a un rischio ancora maggiore di fibrillazione atriale. Ad esempio, 7,8 ore di fumo passivo a settimana sono state associate a una probabilità maggiore dell’11% di disturbi del ritmo cardiaco, rispetto a chi non fumava passivamente. Il rischio di sviluppare una fibrillazione atriale per i fumatori passivi è risultato aumentato quando l’esposizione si è verificata nelle case, nei luoghi di lavoro e anche negli spazi esterni.

Il dottor Lee ha dichiarato: “Secondo il nostro studio, una volta esposti al fumo passivo, la probabilità di sviluppare fibrillazione atriale inizia ad aumentare, con un rischio che aumenta in modo significativo con la durata del tempo di esposizione. La scoperta che il fumo passivo è dannoso non solo negli spazi interni chiusi ma anche negli ambienti esterni sottolinea l’importanza del divieto di fumo per proteggere la salute pubblica”.

 

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui