Home Cardiologia La sospensione dell’aspirina dopo rivascolarizzazione riduce i sanguinamenti e non influisce sugli...

La sospensione dell’aspirina dopo rivascolarizzazione riduce i sanguinamenti e non influisce sugli eventi ischemici

221
0

La sospensione dell’aspirina un mese dopo l’intervento coronarico percutaneo (PCI) nei pazienti cardiaci ad alto rischio e il loro mantenimento in terapia con il solo ticagrelor ha migliorato in modo sicuro i risultati e ridotto i sanguinamenti maggiori di oltre la metà. Questo nei confronti dei pazienti che assumevano aspirina e ticagrelor combinati (nota anche come doppia terapia antipiastrinica o DAPT), l’attuale standard di cura raccomandato.

E’ quanto emerge dai risultati dello studio ULTIMATE-DAPT, annunciati durante la presentazione dello studio alle sessioni scientifiche dell’American College of Cardiology, lo scorso 7 aprile e pubblicati su The Lancet.

Doppia terapia antipiastrinica, il crollo di un mito?

Questo è il primo e unico studio volto a testare pazienti ad alto rischio con infarto recente o minacciato (sindromi coronariche acute o SCA) che assumevano ticagrelor con un placebo a partire da un mese dopo PCI, e a confrontarli con pazienti con SCA che assumevano ticagrelor con aspirina oltre lo stesso periodo. Questi risultati significativi potrebbero cambiare le attuali linee guida per gli standard di cura in tutto il mondo.

“Il nostro studio ha dimostrato che la sospensione dell’aspirina nei pazienti con SCA recente un mese dopo il PCI è vantaggiosa, riducendo i sanguinamenti maggiori e minori durante un anno di oltre il 50%. Inoltre, non si è verificato alcun aumento degli eventi ischemici avversi, il che significa che continuare l’aspirina causava danni senza fornire alcun beneficio”, afferma Gregg W. Stone, co-presidente dello studio ULTIMATE-DAPT, che ha presentato i risultati dello studio.

“Sono convinto che sia giunto il momento di modificare le linee guida e la pratica clinica standard in modo tale da non trattare più la maggior parte dei pazienti con SCA con la doppia terapia antipiastrinica oltre un mese dopo una procedura PCI riuscita. Trattare questi pazienti ad alto rischio con un singolo potente inibitore piastrinico come ticagrelor migliorerà la prognosi”, aggiunge il dottor Stone, che è Direttore degli affari accademici per il Sistema sanitario del Mount Sinai e Professore di Medicina (Cardiologia), e Scienze della salute della popolazione e Policy, presso la Icahn School of Medicine del Mount Sinai.

Sanguinamenti ridotti del 55%

Lo studio ha analizzato i dati di 3.400 pazienti con ACS, arruolati in 58 centri, in quattro paesi, tra agosto 2019 e ottobre 2022. Tutti i pazienti erano stati sottoposti a una rivascolarizzazione coronarica con stent. I pazienti erano stabili un mese dopo la PCI e assumevano ticagrelor e aspirina. I ricercatori hanno randomizzato i pazienti dopo un mese, sospendendo l’aspirina a 1.700 pazienti e sottoponendoli a ticagrelor e un placebo, lasciando gli altri 1.700 pazienti a ticagrelor e aspirina. Tutti i pazienti sono stati valutati tra 1 e 12 mesi dopo la procedura.

Durante il periodo di studio, 35 pazienti nel gruppo ticagrelor-placebo hanno avuto un evento di sanguinamento maggiore o minore, rispetto ai 78 pazienti nel gruppo ticagrelor-aspirina, il che significa che l’incidenza di episodi di sanguinamento complessivi è stata ridotta del 55% con la sospensione dell’aspirina. Lo studio ha inoltre analizzato i principali eventi avversi cardiaci e cerebrovascolari tra cui morte, infarto, ictus, intervento chirurgico di bypass o ripetizione del PCI. Questi eventi si sono verificati in 61 pazienti nel gruppo ticagrelor-placebo rispetto a 63 pazienti nel gruppo ticagrelor-aspirina. Una differenza statisticamente non significativa, dimostrando ulteriormente che la sospensione dell’aspirina non ha causato danni e ha migliorato i risultati.

Merito degli stent a rilascio di farmaco?

“In precedenza si riteneva che la sospensione della doppia terapia antipiastrinica entro un anno dalla PCI nei pazienti con SCA avrebbe aumentato il rischio di infarto e altre complicanze ischemiche, ma il presente studio dimostra che non è così, con gli attuali stent a rilascio di farmaco ora utilizzati in tutte le procedure PCI. La sospensione dell’aspirina nei pazienti con un infarto miocardico, recente o minacciato, che sono stabili un mese dopo la PCI, è sicura e, diminuendo i sanguinamenti gravi, migliora i risultati”, aggiunge il dottor Stone. “Questo studio estende i risultati di lavori precedenti che mostravano risultati simili ma senza la qualità dell’utilizzo di un placebo, il che elimina i bias dallo studio.”

Questo studio è stato finanziato dalla Società cinese di cardiologia, dalla Fondazione scientifica naturale nazionale della Cina e dal progetto di sperimentazione clinica provinciale di Jiangsu e municipale di Nanchino.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui