Home Cardiologia Statine: sopravvalutati i casi di dolore muscolare

Statine: sopravvalutati i casi di dolore muscolare

160
0

In oltre il 90% dei casi è improbabile che la terapia con statine sia la causa del dolore muscolare in una persona che le assume. Lo rileva un’accurata analisi, pubblicata sulla prestigiosa rivista The Lancet.

La terapia con statine è ampiamente prescritta per la riduzione dei livelli di colesterolo e nella prevenzione delle malattie cardiovascolari, ma sono state diffuse preoccupazioni sul fatto che le statine possano spesso causare dolore o debolezza muscolare.

adv

Questo nuovo studio esamina i dati dei singoli pazienti per fornire un’analisi più dettagliata del rischio di dolore muscolare causato dalle statine, rispetto a quanto fosse possibile in precedenza e conclude che questo rischio è basso e non supera i benefici forniti dalla terapia con statine.

La terapia con statine deve continuare

“L’idea che le statine possano causare frequenti dolori muscolari è stata una convinzione persistente tra alcuni pazienti e medici, tuttavia il nostro studio conferma che la statina è raramente la causa del dolore muscolare in coloro che assumono statine”, afferma il professor Colin Baigent, direttore dell’Unità di ricerca sulla salute della popolazione del Medical Research Council, presso l’Università di Oxford, e coautore principale dello studio. “Questi risultati suggeriscono che se un paziente che assume statine riferisse dolore muscolare, allora si dovrebbe prima presumere che i sintomi non siano dovuti alla statina e molto probabilmente ad altre cause. La terapia con statine deve continuare fino a quando non sono state esplorate altre potenziali cause. Inoltre, alla luce della nostra analisi, riteniamo che sia necessario rivedere le informazioni sull’etichetta del farmaco per le statine, per chiarire che la maggior parte del dolore muscolare sperimentato durante la terapia con statine non è dovuto alle statine”.

Gli autori hanno analizzato i dati di 155.000 pazienti provenienti da 23 studi sulla terapia con statine; ogni studio ha avuto oltre 1.000 pazienti e un tempo di follow-up di oltre due anni e ha avuto un confronto in doppio cieco di statina versus placebo, o di un regime più o meno intensivo di statine.

Sono stati studiati i dati dei singoli pazienti su tutti gli eventi avversi che hanno consentito un’analisi più dettagliata del rischio. Gli autori hanno confrontato i tassi di sintomi muscolari nel gruppo sottoposto a trattamento con statine con il gruppo placebo, per calcolare la proporzione dei sintomi causati direttamente dalla terapia con statine.

Solo uno su 15 di questi eventi riferiti ai muscoli

La metanalisi ha rilevato che, tra 19 studi controllati con placebo con un periodo medio di follow-up di quattro anni, il 27,1% dei pazienti che avevano ricevuto statine ha riportato dolore o debolezza muscolare, rispetto al 26,6% di coloro che avevano ricevuto il placebo. Durante il primo anno di trattamento, la terapia con statine ha prodotto un aumento relativo del 7% del dolore o della debolezza muscolare rispetto al placebo, suggerendo che solo uno su 15 di questi eventi riferiti ai muscoli da parte di pazienti trattati con statine era dovuto al farmaco. L’eccesso di rischio assoluto di sintomi muscolari dovuto a una statina è stato di 11 per 1.000 pazienti trattati durante il primo anno. Dopo il primo anno di trattamento, non vi è stata alcuna differenza significativa nelle segnalazioni di dolore o debolezza muscolare tra coloro che hanno ricevuto statine e quelli che hanno ricevuto il placebo.

Nessuna relazione dose-risposta

I ricercatori hanno anche esaminato quattro studi randomizzati in doppio cieco sulla terapia con statine più intensiva rispetto a una meno intensiva. I dati di questi studi sono stati analizzati insieme agli studi sul placebo per vedere se la dose di statina avesse influito sul rischio di dolore muscolare causato dalla statina. Lo studio non ha trovato alcuna chiara evidenza di una relazione dose-risposta; tuttavia, hanno osservato nel primo anno di trattamento che le statine a intensità più elevata causavano un aumento maggiore del rischio di dolore muscolare rispetto al placebo (un aumento del rischio dell’11%), rispetto al trattamento con statine a intensità moderata rispetto al placebo (un 6% di aumento del rischio). Hanno anche scoperto che dopo un anno i trattamenti con statine ad alta intensità hanno prodotto un aumento relativo del 5% del dolore o della debolezza muscolare rispetto al placebo. Ciò suggerisce che non solo i trattamenti con statine ad alta intensità portano a rischi maggiori di sintomi muscolari nel primo anno rispetto alle statine a intensità moderata, ma che potrebbe esserci un basso rischio persistente di tali sintomi oltre questo periodo.

Nella maggior parte dei casi le statine non sono la causa

L’analisi ha anche rilevato che la piccola percentuale di pazienti che ha manifestato sintomi muscolari causati dalle statine di solito non ha interrotto il trattamento con questi farmaci. Ciò implica che la maggior parte dei casi di dolore o debolezza muscolare erano clinicamente lievi.

“La nostra ricerca mostra che mentre le persone in terapia con statine possono sviluppare sintomi muscolari, è importante notare che anche le persone che non assumono statine hanno comunemente tali sintomi”. Dice la dott.ssa Christina Reith, ricercatrice clinica senior presso la Oxford Population Health e coautrice principale dello studio. “Per le persone che assumono statine che sviluppano sintomi muscolari, la maggior parte delle volte le statine non sono la causa. Ci auguriamo che questi risultati aiutino medici e pazienti a prendere decisioni informate sull’opportunità di iniziare o continuare la terapia con statine, tenendo presente i suoi noti benefici significativi nel ridurre il rischio di malattie cardiovascolari”.

Gli autori riconoscono alcune limitazioni al loro studio, inclusa la mancanza di dati costantemente disponibili sul fatto che gli eventi muscolari abbiano portato all’interruzione del trattamento. Infine, non erano disponibili informazioni affidabili su alcune condizioni di comorbidità rilevanti o altri farmaci che avrebbero potuto influenzare il rischio di manifestare i sintomi muscolari.

Un’insufficiente educazione dei medici e dei pazienti

Scrivendo in un commento collegato, il professor Maciej Banach, professore di cardiologia presso l’Università di medicina di Lodz (MUL), a Lodz, in Polonia, che non è stato coinvolto nello studio, afferma: “La questione degli effetti collaterali associati alle statine è stata discussa per almeno 15-20 anni e, nonostante i dati estremamente rassicuranti degli stuti randomizzati e controllati, degli studi di coorte e dei registri, gli effetti collaterali sono ancora la principale causa della non aderenza alle statine. Nel 2022 il problema non nasce dalla mancanza di dati, criteri diagnostici, terapie efficaci o raccomandazioni terapeutiche, ma dall’insufficiente educazione sia dei medici che dei pazienti. […] Sulla base di questi importanti risultati dobbiamo sottolineare con forza che il piccolo rischio di sintomi muscolari è insignificante rispetto agli elevati benefici cardiovascolari dimostrati delle statine. Pertanto, non dovremmo pensare ai possibili effetti collaterali delle statine prima di iniziare il trattamento e dovremmo sempre iniziare considerando il modo migliore per ridurre il rischio di malattie cardiovascolari nei nostri pazienti e iniziare di conseguenza un trattamento ottimale, perché alla fine […] possiamo continuare il trattamento con statine anche nel 98% dei nostri pazienti”.

Riguardo l’importanza di assumere continuativamente le statine, al fine di ottenere i migliori benefici, leggete anche il nostro precedente articolo che presenta uno studio in questo senso.

Articolo precedenteStatine: se si interrompe precocemente il trattamento si perdono i benefici
Articolo successivoLe donne obese che assumono contraccettivi combinati hanno un rischio tromboembolico elevato
redazione
La redazione di Newence è composta prevalentemente da collaboratori con competenze maturate in ambito medico, scientifico e tecnologico. Rivedono e discutono in modo critico e analitico i più importanti lavori scientifici pubblicati sulle più autorevoli riviste scientifiche internazionali, fornendo utili spunti di riflessione e aggiornamento per i professionisti della sanità e informazioni affidabili e verificate dedicate al pubblico più vasto.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui