Pubblicati da Franco Folino

Le implicazioni dell’iperkaliemia nel trattamento dei pazienti con scompenso cardiaco

Gli inibitori del sistema renina-angiotensina-aldosterone sono un elemento cardine nel trattamento dell’insufficienza cardiaca. A causa del loro meccanismo d’azione possono però causare un incremento delle concentrazioni seriche di potassio, esponendo il paziente a possibili effetti avversi. Non solo, la comparsa dell’iperkaliemia può costringere il medico a ridurre il dosaggio di questi farmaci, riducendo al contempo […]

Diabete e obesità: la chirurgia bariatrica fa ridurre gli eventi cardiovascolari

L’obesità e il diabete mellito sono due condizioni in costante aumento in tutto il mondo e sono associate a un notevole aumento della morbilità e della mortalità. Entrambe sono spesso presenti nello stesso soggetto e generalmente sono piuttosto difficili da controllare con la dietoterapia e i farmaci. In pazienti selezionati possono essere impiegate tecniche di […]

Aspetti neurormonali dell’ipertensione polmonare associata allo scompenso cardiaco

Nell’ultimo decennio, l’iperattività dei sistemi nervoso simpatico e renina-angiotensina-aldosterone è stata ripetutamente correlata alla fisiopatologia dell’ipertensione arteriosa polmonare. L’attivazione neurormonale non si limita però a questi sistemi, ma si estende anche ad altri assi, modulando i livelli plasmatici di sostanze quai l’endotelina-1 e l’adrenomedullina. È stato dimostrato che entrambi questi peptidi sono aumentati nei pazienti […]

Dal diabete allo scompenso cardiaco: gli effetti di dapagliflozin nello studio DEFINE-HF

Sono stati presentati nei giorni scorsi i risultati dello studio DEFINE-HF che ha valutato se il trattamento con dapagliflozin, un farmaco utilizzato nel trattamento del diabete di tipo 2, era in grado di migliorare le condizioni cliniche e i valori dei peptidi natriuretici dei pazienti con scompenso cardiaco. Lo studio, pubblicato sulle pagine della rivista […]

Cardiopatia coronarica e fibrillazione atriale: solo anticoagulanti o terapia di associazione con l’aspirina?

La gestione del trattamento antitrombotico in pazienti con fibrillazione atriale e cardiopatia coronarica stabile non sempre è cosa semplice. Spesso il confine tra la necessità di un’associazione anticoagulante-antiaggregante e il mantenimento del solo trattamento anticoagulante, per evitare di far incrementare eccessivamente il rischio emorragico, è molto sottile. Questo è ancor più vero nei pazienti anziani […]

Una maggiore assunzione di glutine nei primi anni di vita fa aumentare il rischio di celiachia

Un maggiore apporto di glutine durante i primi 5 anni di vita si associa ad un aumentato rischio di sviluppare una celiachia nei bambini geneticamente predisposti. Così sintetizzano le conclusioni un gruppo di ricercatori internazionali che hanno pubblicato la loro ricerca sulle pagine della rivista JAMA. La celiachia La celiachia è una malattia autoimmune innescata […]

Holter pressorio: valori medi delle 24 ore e quelli notturni si associano a mortalità ed eventi cardiovascolari

Per controllare i valori di pressione arteriosa esistono fondamentalmente due metodi principali: attraverso misurazioni eseguite in ambulatorio, con l’utilizzo di un classico sfigmomanometro, o con il monitoraggio Holter delle 24 ore. Quest’ultimo è un metodo affidabile, consigliato dalle linee guida, che consente di evitare il fenomeno dell’ipertensione da camice bianco. Con questa tecnica si ottengono […]

Teplizumab: un anticorpo monoclonale per la prevenzione del diabete tipo 1

Fino ad oggi nessuna strategia si era dimostrata efficace nella prevenzione del diabete di tipo 1 nei soggetti a rischio. Un recente studio, pubblicato sul New England Journal of Medicine, ha aperto nuove speranze in questo campo, evidenziando come la somministrazione di teplizumab sia in grado di ritardare la progressione verso la malattia. Il diabete […]

Gli antibiotici per via inalatoria riducono la carica batterica nei pazienti adulti con bronchiectasie

Gli antibiotici somministrati per via inalatoria riducono la carica batterica e la frequenza delle infezioni recidive del tratto respiratorio nei pazienti con bronchiectasie. Sono questi in sintesi i risultati di un recente studio, pubblicato sulla rivista The Lancet Respiratory Medicine, che non ha però evidenziato miglioramenti della qualità della vita di questi pazienti indotti da […]

Nuovi obbiettivi terapeutici per l’ipertensione polmonare: la modulazione dei fattori CD146 e HIF-1α

L’ipertensione arteriosa polmonare è una malattia rara con un alto tasso di mortalità. Si caratterizza per una vasocostrizione sostenuta e un rimodellamento vascolare progressivo dei vasi polmonari che agiscono di concerto facendo elevare le resistenze vascolari. Le opzioni terapeutiche negli ultimi 20 anni sono migliorate, ma i pazienti muoiono ancora prematuramente per insufficienza cardiaca destra. […]