Home Macchine & Motori Al via una rete di ricarica europea per le auto elettriche

Al via una rete di ricarica europea per le auto elettriche

263
0

Il lancio di circa 400 stazioni HPC entro il 2020 renderà più facile i viaggi a lunga distanza con i veicoli elettrici e rappresenta un passo importante per la loro diffusione. Con sede a Monaco di Baviera, in Germania, la joint venture è guidata dall’amministratore delegato Michael Hajesch e Il Chief Operating Officer Marcus Groll, con una squadra in crescita, in rappresentanza di BMW Group, Daimler AG, Ford Motor Company e Volkswagen Group.

«La prima rete paneuropea HPC svolge un ruolo essenziale nella creazione di un mercato per veicoli elettrici. IONITY supporterà il nostro obiettivo comune di fornire ai clienti una carica veloce e una capacità di pagamento digitale, per facilitare i viaggi a lunga distanza», ha dichiarato Hajesch.

adv

Quest’anno saranno aperte al pubblico un totale di venti stazioni, situate sulle strade principali di Germania, Norvegia e Austria, a intervalli di 120 km, attraverso partnership con “Tank & Rast”, “Circle K” e “OMV”. Entro il 2018, la rete si espanderà con più di 100 stazioni, ciascuna che consente la ricarica contemporanea di più clienti, con vetture di differenti marche. Con una capacità fino a 350 kW per punto di ricarica, la rete utilizzerà lo standard europeo di ricarica Combined Charging System che consente di ridurre significativamente i tempi di carica rispetto ai sistemi oggi esistenti.

L’approccio brand-agnostico e la distribuzione in Europa dovrebbero contribuire a rendere più attraenti i veicoli elettrici.

La scelta delle posizioni migliori tiene conto della potenziale integrazione con le tecnologie di ricarica esistenti e IONITY sta negoziando con iniziative esistenti in materia di infrastrutture, incluse quelle sostenute dalle aziende partecipanti e dalle istituzioni politiche. L’investimento sottolinea quanto i produttori partecipanti credano nello sviluppo del mercato dei veicoli elettrici.

I partner fondatori, BMW Group, Daimler AG, Ford Motor Company e Volkswagen Group hanno quote uguali nella joint venture, mentre altri produttori di automobili sono invitati ad aiutare e a espandere la rete.

«Il lancio di IONITY rappresenta un passo avanti nel passaggio verso un’infrastruttura di ricarica rapida completa in Europa», afferma il presidente del consiglio esecutivo di Porsche AG, Oliver Blume. «La creazione di un’infrastruttura di ricarica funzionante è necessaria per garantire che l’elettromobilità sia accettata e ulteriormente ampliata. Con la rete di ricarica rapida di IONITY, stiamo assicurando che i nostri clienti possano utilizzare veicoli elettrici su lunghi viaggi, senza compromettere la convenienza. Queste stazioni di ricarica sono in grado di caricare la nostra Mission E fino all’80 per cento in soli 15 minuti – vale a dire un’autonomia di 400 chilometri. La Mission E è la prima auto sportiva elettrica Porsche. Arriverà sul mercato nel 2019, portando l’e-mobility all’uso quotidiano».

Il fatto che in questo particolare impegno alla diffusione di veicoli elettrici sia coinvolta una casa che produce veicoli sportivi, come Porsche, indica non solo quanto velocemente si svilupperà il mercato in questo senso ma anche che i veicoli elettrici del futuro non saranno certamente solo auto utilitarie, per i viaggi in città.

 

Per maggiori informazioni, visitate il sito di IONITY.

 

 

Articolo precedenteL’angioplastica coronarica per l’angina stabile: risultati estetici ed effetto placebo
Articolo successivoVolvo Ocean Race – Dongfeng Race Team resta al comando
franco.folino
Franco Folino è un medico chirurgo, specialista in cardiologia, e un giornalista. Ha iniziato a lavorare come cronista alla fine degli anni settanta, scrivendo articoli per diverse riviste italiane di sport motoristici, e in seguito anche in media televisivi privati, estendendo il suo interesse in altri campi dell’informazione. Ha pubblicato differenti articoli scientifici ed editoriali su prestigiose riviste internazionali. Ha contribuito alla nascita di Newence, diventandone il direttore responsabile dal marzo del 2017.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui