Home Macchine & Motori La nuova edizione della classe C di Mercedes Benz

La nuova edizione della classe C di Mercedes Benz

333
0
Mercedes-Benz C 220 d T-Modell, brillantblau metallic, Leder schwarz, Avantgarde, Kraftstoffverbrauch kombiniert: 5,0-4,7 l/100 km, CO2-Emissionen kombiniert: 133-123 g/km // Mercedes-Benz C 220 d Station Wagon, brilliant blue metallic, leather black, Avantgarde, Fuel consumption combined: 5.0-4.7 l/100 km
Combined CO2 emissions: 133-123 g/km

Forte di numerose modifiche, Classe C affronta il suo quinto anno di produzione confermandosi la serie Mercedes-Benz di maggior successo. A livello estetico i punti di forza della rielaborazione sono rappresentati dal frontale e dal design di fari e luci posteriori. Si presenta invece in versione completamente nuova l’architettura elettronica. Per il Cliente queste novità sono percepibili soprattutto nella “User Experience”, con un display sulla plancia completamente digitale (disponibile a richiesta) e sistemi multimediali che offrono visualizzazioni e informazioni personalizzate. I sistemi di assistenza alla guida sono ora a livello di Classe S. A tutto ciò si aggiungono i nuovi motori diesel e a benzina.

L’attuale generazione di Classe C è stata quella di maggior successo anche nel quarto anno di produzione: nel 2017 sono stati venduti oltre 415.000 esemplari dei modelli berlina e station-wagon in circa 120 mercati internazionali. Uno dei segreti del successo di Classe C è la gamma di modelli molto varia, che comprende anche due sportive a due porte, capaci di parlare contemporaneamente al cuore e alla mente: il coupé, lanciato alla fine del 2015, e la cabriolet, disponibile dall’estate 2016. Il design è una delle principali motivazioni all’acquisto in Europa. Entrambi i modelli sono prodotti nello stabilimento Mercedes-Benz di Brema (Germania).

adv

Classe C viene prodotta in quattro stabilimenti ubicati in quattro diversi continenti, ossia nello stabilimento principale di Brema (Germania), in quello di East London (Sudafrica), a Tuscaloosa (USA) e a Pechino (Cina) in joint venture con BBAC. In quest’ultima sede viene prodotta anche la versione lunga di Classe C Berlina, costruita e commercializzata esclusivamente in Cina. Nel 2017 la Cina è stata non soltanto il mercato più importante per Classe C, ma anche quello che ha fatto registrare la crescita maggiore.

Dal lancio nel 1982 sono stati venduti oltre 9,5 milioni di esemplari di Mercedes-Benz Classe C Berlina e Station-wagon. Classe C debuttò nel 1982, all’epoca ancora commercializzata come la classe compatta di Mercedes-Benz (W 201).

 

L’elettrificazione prosegue: C 200 con EQ Boost

Nuova Classe C vanta una nuova generazione di motori a benzina a quattro cilindri. Inoltre, per le versioni da 1,5 litri C 200 e C 200 4MATIC è previsto un sistema a 48 volt supplementare con alternatore-starter azionato a cinghia.

  • C 200: 135 kW/184 CV, 280 Nm; potenza aggiuntiva del motore elettrico 10 kW, coppia aggiuntiva del motore elettrico 160 Nm; (consumo di carburante combinato 6,8-6,3 l/100 km, emissioni di CO2 combinate 154-144 g/km)2

La combinazione tra il sistema a 48 volt e l’EQ Boost crea i presupposti per poter utilizzare funzioni aggiuntive, che concorrono a ridurre ulteriormente il consumo di carburante e a incrementare l’agilità e il comfort. In fase di accelerazione l’EQ Boost supporta il motore da 135 kW (184 CV) con 10 kW (14 CV) aggiuntivi, colmando il ritardo del turbocompressore nel mettere a disposizione la piena pressione di sovralimentazione. L’assistenza fornita dal boost è utilizzata anche nei cambi marcia, per raggiungere il più rapidamente possibile il regime idoneo del motore e accorciare quindi i tempi di innesto del cambio automatico. In fase di decelerazione l’alternatore-starter recupera l’energia cinetica e carica la batteria. La pompa dell’acqua viene azionata elettricamente e gestita mediante mappatura, adeguando il più possibile la potenza di raffreddamento al fabbisogno.

Altri vantaggi sono la modalità sailing a motore spento e la rigenerazione con arresto intelligente del motore durante il rallentamento inerziale della vettura: grazie all’alternatore-starter azionato a cinghia, il sistema start/stop opera in modo estremamente confortevole, perché il motore riparte rapidamente, silenziosamente e quasi senza vibrazioni.

Gli interventi adottati all’interno del motore per ridurre l’attrito completano la strategia orientata all’efficienza del nuovo quattro cilindri. Tra questi figura il metodo CONICSHAPE®, brevettato da Mercedes-Benz e chiamato internamente “levigatura a campana”: si tratta di una particolare levigatura per cui le superfici di scorrimento dei cilindri assumono una forma più larga verso il basso, con conseguente riduzione dell’attrito sulla camicia del pistone e diminuzione di usura e consumi. Oltre ai motori diesel, anche tutti i motori a ciclo Otto in Europa sono ora dotati di filtro antiparticolato.

 

Diesel di ultima generazione: C 180 d, C 200 d, C 220 d

Festeggia il suo debutto mondiale su Classe C la nuova variante da 1,6 litri dell’attuale gamma di motori diesel. Per il modello OM 654 D16 sono stati ridimensionati sia l’alesaggio sia la corsa (78 x 83,6 mm) rispetto alla versione da due litri OM 654 D20 (82 x 92,3 mm). L’obiettivo era ridurre ulteriormente le perdite per attrito. C 180 d e C 200 d aprono nuovi orizzonti in termini di efficienza, come del resto anche il fratello maggiore C 220 d.

  • C 180 d con 9G-TRONIC: 90 kW/122 CV, 300 Nm; (consumo di carburante combinato 4,7-4,6 l/100 km, emissioni di CO2 combinate 124-122 g/km)2
  • C 200 d con cambio manuale a 6 marce: 118 kW/160 CV, 360 Nm; (consumo di carburante combinato 4,7-4,5 l/100 km, emissioni di CO2 combinate 124-118 g/km)2
  • C 200 d con 9G-TRONIC: 110 kW/150 CV, 360 Nm; (consumo di carburante combinato 5,0-4,8 l/100 km, emissioni di CO2 combinate 132-126 g/km)2
  • C 220 d: 143 kW/194 CV, 400 Nm; (consumo di carburante combinato 5,1-4,8 l/100 km, emissioni di CO2 combinate 136-126 g/km)²
  • C 220 d 4MATIC: 143 kW/194 CV, 400 Nm; (consumo di carburante combinato 5,5-5,3 l/100 km, emissioni di CO2 combinate
    144-139 g/km)²

Entrambe le versioni dell’OM 654 adottano il processo di combustione con incavo a gradino, che prende il nome dalla forma della camera di combustione nel pistone. Altre innovazioni sono la combinazione di basamento in alluminio e pistoni in acciaio e il rivestimento NANOSLIDE®, ulteriormente perfezionato, delle superfici di scorrimento dei cilindri.

Oltre che alle ulteriori migliorie apportate al convogliamento dell’aria sul lato di aspirazione e di scarico e all’adozione dell’iniezione common rail di quarta generazione, con valori di pressione fino a 2.050 bar, il merito dell’eccezionale erogazione di potenza va attribuito anche a una riduzione dell’attrito interno del 25% circa. Inoltre, il nuovo motore è più compatto del precedente. Tutti i componenti decisivi per la riduzione delle emissioni sono installati direttamente sul motore. La disposizione del sistema di post-trattamento dei gas di scarico, collocato in prossimità del motore, permette di raggiungere rapidamente la temperatura di esercizio dopo l’avviamento a freddo e ha tra i suoi effetti positivi una bassa dispersione termica e condizioni di esercizio eccellenti.

 

Mercedes-AMG: maggiori prestazioni per C 43 4MATIC

Il V6 biturbo di Mercedes-AMG C 43 4MATIC si distingue per la potenza elevata a fronte di consumi ed emissioni dai valori contenuti. I due turbocompressori, montati vicino al motore, reagiscono in modo particolarmente rapido. Per Nuova Classe C gli ingegneri AMG hanno incrementato di 17 kW (23 CV) la potenza del V6 da 3,0 litri, portandola a 287 kW (390 CV). La coppia massima di 520 Nm è disponibile tra 2.500 e 5.000 giri/min.

  • C 43 4MATIC: 287 kW/390 CV, 520 Nm; (consumo di carburante combinato 9,8-9,3 l/100 km, emissioni di CO2 combinate
    223-213 g/km)²

Con queste prerogative, il propulsore permette prestazioni di marcia convincenti: la nuova berlina C 43 4MATIC accelera da 0 a 100 km/h in 4,7 secondi, la station-wagon in 4,8 secondi. La velocità massima è limitata elettronicamente a 250 km/h.

Il motore è abbinato al cambio a 9 marce SPEEDSHIFT TCT AMG, che gli ingegneri di Mercedes-AMG hanno tarato appositamente per garantire un’esperienza di guida dinamica. Grazie a un’applicazione software dedicata è stato possibile ottenere tempi di innesto molto rapidi.

 

Trazione integrale 4MATIC: efficace motricità anche su fondi stradali difficili

C 200, C 220 d e C 400 sono disponibili con la trazione integrale permanente 4MATIC, che garantisce una trazione e una stabilità di marcia superiori, soprattutto in condizioni stradali difficili. Con una ripartizione della coppia al 45% sull’asse anteriore e al 55% su quello posteriore, la trazione integrale 4MATIC è concepita all’insegna della sportività. La combinazione del sistema di gestione della dinamica di marcia (ESP®) con il sistema elettronico di gestione della trazione (4ETS) continua a rendere superflui i tradizionali bloccaggi dei differenziali. Questo consente di risparmiare peso e aumenta sensibilmente la sicurezza e il comfort di guida. Nei modelli Mercedes-AMG C 43 la trazione integrale è di serie: la ripartizione della coppia è maggiore sull’asse posteriore (31% sull’asse anteriore e 69% sull’asse posteriore).

 

Gli esterni: fari con nuovo design interno

A livello estetico i punti di forza sono rappresentati dal frontale e dal design di fari e luci posteriori.

Con il restyling, i modelli berlina e station-wagon in versione AMG Line sono dotati di mascherina del radiatore Matrix di serie. Inoltre, per tutte le linee di allestimento è stato ridisegnato il paraurti anteriore, che rende ancora più sportivi gli esterni AVANTGARDE dei modelli berlina e station-wagon. Il paraurti anteriore presenta così una modanatura decorativa (nelle versioni Executive o Business), cromata (esterni AVANTGARDE). Gli esterni AMG Line comprendono una grembialatura anteriore AMG di nuova geometria e, nella coda, un inserto in look diffusore rivisitato. Nuova è la parte inferiore del paraurti posteriore; geometria, elementi decorativi e mascherine dei terminali di scarico dipendono dall’equipaggiamento e dalla motorizzazione.

Le luci anteriori e quelle posteriori presentano un design dai contorni ben definiti. Dettagli di pregio valorizzano gli esterni e sottolineano la modernità della vettura. Classe C (Berlina e Station-wagon) è dotata di fari a LED High Performance (di serie per i modelli cabriolet e coupé e, a partire da SPORT per Berlina e Station Wagon), il cui design interno risulta pulito ed essenziale. Per la prima volta in questa serie sono disponibili anche fari MULTIBEAM LED con luce abbagliante ULTRA RANGE, di serie a partire dalla versione PREMIUM (per i dettagli si rimanda al paragrafo dedicato).

 

Design degli interni: rifinitura di ogni minimo dettaglio

Gli interni sportivi, caratterizzati da forme fluide reinterpretano il lusso in chiave moderna.

La consolle centrale presenta un elemento decorativo elegante e dalla linea armoniosa, a scelta disponibile in materiali nuovi: noce marrone a poro aperto o quercia antracite a poro aperto. Gli inserti tridimensionali in legno autentico della consolle centrale comunicano modernità e sapiente maestria artigianale. I nuovi colori per gli interni AMG Line sono il grigio magma/nero e il marrone cuoio.
Le modifiche hanno riguardato anche le cinture di sicurezza in colore speciale (a richiesta): il grigio magma sostituisce il grigio cristallo.

La funzione di avviamento KEYLESS-GO è di serie; il tasto start/stop è stato ridisegnato in stile turbina. Anche la chiave della vettura ha un nuovo design.

Una novità è il pacchetto sedili Multicontour per i modelli berlina e station-wagon. Una pompa pneumatica a comando elettrico permette di regolare le imbottiture laterali e il supporto lombare. L’effetto massaggio è assicurato dalle camere d’aria nella zona lombare che, una volta attivata la funzione, si gonfiano e si sgonfiano con movimento pulsante o ondulatorio.

 

Intelligent Drive: sicurezza attiva di ultima generazione

Nuova Classe C è dotata dei più recenti sistemi di assistenza alla guida Mercedes-Benz, che assistono attivamente il guidatore, e offre quindi un livello di sicurezza attiva maggiore rispetto al modello precedente. Sono aumentate le situazioni in cui Classe C è in grado di viaggiare in modo semiautonomo.

Per le funzioni di assistenza, Classe C ricorre anche ai dati cartografici e di navigazione. Così, ad esempio, il sistema di assistenza attivo alla regolazione della distanza DISTRONIC, incluso nel pacchetto sistemi di assistenza alla guida, può assistere il guidatore in molteplici situazioni sulla base dei dati di navigazione e modificare la velocità in prossimità di curve, incroci o rotatorie. A tutto ciò vanno ad aggiungersi anche due nuove funzioni del sistema di assistenza allo sterzo attivo: l’intuitivo sistema di assistenza attiva al cambio di corsia e il sistema di assistenza attiva nella frenata di emergenza.

Nuova Classe C è dotata, di serie, di un sistema di assistenza alla frenata attivo ampliato che, a seconda delle situazioni, può contribuire ad evitare tamponamenti, o a ridurne la gravità, con veicoli antistanti più lenti, che stanno frenando o sono fermi, oltre che con pedoni e ciclisti in attraversamento.

 

Fari MULTIBEAM LED: visibilità eccellente in qualunque situazione

Una novità di Classe C è rappresentata dai fari MULTIBEAM LED, disponibili a richiesta. Rispetto al LED Intelligent Light System sono state aggiunte nuove funzioni, come la luce di assistenza agli incroci, la luce per rotatorie, le luci urbane e le luci per maltempo.

In modalità abbaglianti il sistema di assistenza abbaglianti adattivi Plus mantiene illuminata la carreggiata con un ampio fascio di luce che non abbaglia i veicoli provenienti dal senso di marcia opposto. Se non vengono rilevati altri utenti della strada, sui rettilinei e a velocità superiori a 40 km/h si attiva automaticamente la luce abbagliante ULTRA RANGE, In presenza di veicoli che sopraggiungono in senso contrario o che precedono, i LED dei moduli abbaglianti vengono parzialmente disinseriti, generando un fascio luminoso a forma di “U”.

 

Sistemi di visualizzazione: display sulla plancia completamente digitale a richiesta

Classe C offre nuovi sistemi di visualizzazione con strumentazione completamente digitale (a richiesta) e tre diversi stili di visualizzazione («Classico», «Sportivo» e «Moderno»).

Di seguito una panoramica degli schermi disponibili.

Strumentazione: il modello base è dotato della classica strumentazione a due quadranti. Tra questi figura un display a colori da 5,5 pollici (con risoluzione di 383 x 600 pixel). In questo caso lo stile di visualizzazione è «Classico».

A partire dalla versione SPORT PLUS è disponibile il display sulla plancia completamente digitale (a richiesta o di serie a seconda delle versioni). Lo schermo ha una diagonale di 12,3 pollici e una risoluzione di 1.920 x 720 pixel. Lo schermo può essere visualizzato nei tre diversi stili «Classico», «Sportivo» e «Moderno»,

Display multimediale: lo schermo multimediale sopra la consolle centrale è disponibile in due formati. In abbinamento all’Audio 20 presenta una diagonale di 7 pollici e una risoluzione di 960 x 540 pixel. Anche in questo caso lo stile di visualizzazione è «Classico». Per la prima volta è disponibile a richiesta, in abbinamento all’Audio 20, un display multimediale ad alta definizione con diagonale dello schermo di 10,25 pollici e una risoluzione di 1.920 x 720 pixel.

Classe C dispone di comandi touch control al volante che, come la superficie di uno smartphone, reagiscono ai gesti di scorrimento. Rappresenta una novità anche la gestione del DISTRONIC e del TEMPOMAT tramite gli elementi di comando integrati al volante. Inoltre il sistema di Infotainment può essere gestito attraverso il touchpad con controller nella consolle centrale (una novità è la conferma tattile) oppure mediate le azioni vocali VOICETRONIC. Il display head-up, a richiesta, ha un intervallo di regolazione ancora più ampio.

 

Gestione comfort dei programmi ENERGIZING: più benessere

La gestione comfort dei programmi ENERGIZING (a richiesta) collega tra loro diversi sistemi Comfort: ricorre alle funzioni specifiche del climatizzatore (compresa la profumazione) e dei sedili (riscaldamento, ventilazione e, per berlina e station-wagon, anche massaggio), oltre che alle impostazioni della luce e della musica, per creare un’atmosfera speciale che favorisca il benessere in auto in funzione dello stato d’animo e delle preferenze personali. Tutto questo favorisce il benessere e aumenta la concentrazione al volante.

A seconda dell’equipaggiamento sono disponibili fino a sei programmi (Freschezza, Vitalità, Calore, Benessere, Piacere, Training). Ogni programma dura dieci minuti ed è accompagnato da una visualizzazione grafica sul display multimediale e dalla musica più idonea.

 

I sistemi multimediali: informazioni e musica personalizzate

Di serie Classe C è equipaggiata con il sistema multimediale Audio 20 con due porte USB, uno slot per memory card SD, il collegamento Bluetooth® e il Media Interface.

Il COMAND Online di ultimissima generazione è disponibile a richiesta e offre, tra le altre cose, una navigazione veloce su disco fisso in 3D con rappresentazione cartografica topografica, immagini realistiche degli edifici in 3D e rotazioni cartografiche in 3D. Sulla cartina di navigazione vengono visualizzate molte informazioni supplementari. Con il servizio Concierge (disponibile in abbonamento) i Clienti di Mercedes me connect possono usufruire di una molteplicità di servizi personali.

 

Impianto di allarme antifurto-antiscasso: riconosce anche gli urti da parcheggio e invia un messaggio

Una novità è anche l’invio di un messaggio automatico in caso di urto da parcheggio, traino o tentativo di effrazione: i sensori dell’impianto di allarme antifurto-antiscasso (a richiesta) sono in grado di riconoscere una situazione simile e inviano mediante “notifica push” un messaggio all’app Mercedes me. L’equipaggiamento a richiesta comprende i nuovi sensori e il relativo software.

 

Articolo precedenteLa teoria delle relatività generale di Einstein: oltre la Via Lattea, per dimostrarla
Articolo successivoDongfeng Race Team vince la Volvo Ocean Race
franco.folino
Franco Folino è un medico chirurgo, specialista in cardiologia, e un giornalista. Ha iniziato a lavorare come cronista alla fine degli anni settanta, scrivendo articoli per diverse riviste italiane di sport motoristici, e in seguito anche in media televisivi privati, estendendo il suo interesse in altri campi dell’informazione. Ha pubblicato differenti articoli scientifici ed editoriali su prestigiose riviste internazionali. Ha contribuito alla nascita di Newence, diventandone il direttore responsabile dal marzo del 2017.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui