Home Macchine & Motori Anche Land Rover sta sviluppando la sua auto a guida autonoma

Anche Land Rover sta sviluppando la sua auto a guida autonoma

232
0

Il capitano del team britannico Mark ‘Dot’ Perkins e il membro del team italiano Simone Careddu si sono uniti agli ex concorrenti Jamie Weller e JJ Chalmers per guidare il SUV autonomo di livello 4 sulle strade pubbliche a Milton Keynes.

Il veicolo a guida automatica ha navigato con successo in rotatorie, semafori, velocità fino a 50 miglia all’ora, incroci e cambi di corsia. Queste innovazioni, sviluppate come parte del consorzio Autodrive del Regno Unito, affrontano le sfide tecniche poste dagli ambienti urbani tra cui pedoni, ciclisti, sicurezza e infrastrutture.

adv

Il feedback dei concorrenti aiuterà Jaguar Land Rover a capire in che modo la tecnologia autonoma potrebbe migliorare la vita di milioni di persone che vivono con mobilità limitata.

Gli Invictus Games

Rimuovere le barriere della mobilità che esistono oggi potrebbe consentire alle persone di ottenere cose straordinarie, incarnando lo spirito dei giochi Invictus.

“La tecnologia è andata avanti così tanto, mi sento già preistorico. Man mano che crescono i miei figli, a loro sembrerà straordinario che le persone siano solite guidare fisicamente le auto.” Sostiene Mark ‘Dot’ Perkins, capitano del Team UK ai giochi Invictus di SYDNEY 2018.

“È stata una grande opportunità per sperimentare la nuova tecnologia che la Jaguar Land Rover sta sviluppando. È eccitante discutere di auto che potrebbero essere utilizzate da persone ipovedenti. La tecnologia ha così tanti vantaggi positivi per chiunque viva con una disabilità.” Ha aggiunto Jamie Weller, ingegnere aeronautico e veterano della Royal Navy.

Jaguar Land Rover sta lavorando duramente per comprendere le percezioni e l’accettazione dei veicoli a guida autonoma e come sfruttare tali risultati per creare esperienze che migliorino la vita dei clienti.

Zero incidenti e nessun ingorgo

“È stato fantastico trascorrere del tempo con i concorrenti di Invictus Games, ottenendo un feedback aperto e sincero da persone che capiscono veramente casa vuol dire quando la libertà di guida viene portata via, sia temporaneamente che definitivamente. L’intuizione dei concorrenti è stata preziosa. Stiamo già lavorando con l’industria, il mondo accademico e il governo per portare auto a guida autonoma sulle strade entro i prossimi 10 anni, con l’ambizione di zero incidenti, zero emissioni e zero congestione per le generazioni future. Aggiungere barriere alla mobilità zero a questa lista sarebbe un risultato enorme e qualcosa per cui ci stiamo battendo.” Ha dichiarato Jim O’Donoghue, ingegnere ricercatore per la guida autonoma di Jaguar Land Rover.

I giochi Invictus usano il potere dello sport per ispirare il recupero, sostenere la riabilitazione e generare una comprensione e un rispetto più ampi per i soldati e le donne feriti, feriti e malati.

 

 

Articolo precedenteSerbatoi cosmici di idrogeno atomico attorno a lontane galassie nell’Universo primordiale
Articolo successivoMalattia di Alzheimer: la prevenzione inizia in adolescenza
redazione
La redazione di Newence è composta prevalentemente da collaboratori con competenze maturate in ambito medico, scientifico e tecnologico. Rivedono e discutono in modo critico e analitico i più importanti lavori scientifici pubblicati sulle più autorevoli riviste scientifiche internazionali, fornendo utili spunti di riflessione e aggiornamento per i professionisti della sanità e informazioni affidabili e verificate dedicate al pubblico più vasto.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui