La graduale chiusura del buco dell’ozono si completerà nel 2060

In tempi dominati dalla sensibilizzazione sul riscaldamento climatico, i gas serra e lo scioglimento dei ghiacci, un vecchio protagonista delle battaglie ecologiche degli ultimi decenni sembra essere passato in secondo piano. Parliamo del famigerato buco nello strato dell’ozono. Uno dei pochi, se non l’unico, problema ambientale che è stato quasi risolto grazie a misure globali di contrasto ai fattori che lo avevano determinato. La sua riparazione sta invece procedendo regolarmente, pur se lentamente, ma il 2019 è stato un anno speciale.

Qual è la situazione attuale del buco nell’ozono?

Le dimensioni del buco dell’ozono fluttuano – di solito si forma ogni anno ad agosto, con il suo picco ad ottobre, prima di chiudersi definitivamente a fine novembre o dicembre. Questo buco nel 2019 non solo si chiuderà prima del solito, ma è anche quelle delle dimensioni più piccole negli ultimi 30 anni, a causa di condizioni atmosferiche insolite. È quanto prevede il Copernicus Atmosphere Monitoring Service (CAMS).

Antje Inness, scienziato senior del CAMS, ha commentato: “La massima estensione del buco dell’ozono quest’anno è stata di circa 10 milioni di chilometri quadrati, meno della metà delle dimensioni che il buco dell’ozono ha normalmente raggiunto negli ultimi decenni. Questo lo rende uno dei più piccoli buchi dell’ozono dagli anni ’80. Le nostre previsioni sull’ozono prevedono che il buco si chiuderà entro una settimana.”

Il responsabile dell’ESA per la missione Copernicus Sentinel-5P, Claus Zehner, ha osservato: “Le dimensioni e la durata di questo piccolo buco di ozono da record nel 2019 sono state causate da un riscaldamento della stratosfera sul Polo Sud. Tuttavia, è importante notare che si tratta di un evento insolito e non indica che la ripresa globale dell’ozono sta accelerando “.

Le temperature nella stratosfera e il buco dell’ozono

Le grandi fluttuazioni dei vortici polari e le temperature nella stratosfera portano a buchi di ozono di dimensioni variabili. Quest’anno, la stratosfera polare più calda ha causato un rallentamento dei campi di vento attorno al Polo Sud, il vortice polare, e ridotto la formazione di “nuvole stratosferiche polari” che attivano i processi chimici che portano alla rapida perdita di ozono.

Josef Aschbacher, direttore dei programmi di osservazione della Terra dell’ESA, ha dichiarato: “Il buco dell’ozono è un esempio perfetto in cui le prove scientifiche hanno portato a cambiamenti politici significativi e successivamente a cambiamenti nel comportamento umano. Il buco dell’ozono è stato scoperto negli anni ’70, continuamente monitorato dallo spazio e da dispositivi in ​​situ e, infine, negli anni ’80 si è arrivati al protocollo di Montreal che proibiva l’uso di clorofluorocarburi.”

In alto nella stratosfera, l’ozono funge da scudo per proteggerci dalle dannose radiazioni ultraviolette del sole, che sono associate al cancro della pelle e alla cataratta, nonché ad altri problemi ambientali.

Il bando dei clorofluorocarburi

Negli anni ’70 e ’80, l’uso diffuso di dannosi clorofluorocarburi in prodotti come frigoriferi e lattine di aerosol ha danneggiato l’ozono nella nostra atmosfera, il che ha portato a un buco nello strato di ozono sopra l’Antartide.

In risposta a ciò, nel 1987 è stato creato il protocollo di Montreal per proteggere lo strato di ozono eliminando gradualmente la produzione e il consumo di queste sostanze nocive, il che sta portando a un suo progressivo recupero.

Il recupero del buco dell’ozono è iniziato da tempo (vedi precedente articolo del 2016) e continuerà nei prossimi anni. Nella valutazione scientifica del 2018 dell’esaurimento dell’ozono, i dati mostrano che lo strato di ozono in alcune parti della stratosfera si è ripreso ad un tasso dell’1-3% per decennio dal 2000. A questi tassi previsti, nell’emisfero nord l’ozono a media latitudine dovrebbe tornare alla normalità intorno al 2030, seguito dall’emisfero meridionale intorno al 2050 e dalle regioni polari entro il 2060.

Guarda il video che illustra le variazioni  del buco nell’ozono.

 

 

 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

2 × 4 =