Home Ecologia Il buco dell’ozono si sta riducendo

Il buco dell’ozono si sta riducendo

12
0
Wikipedia commons

Era da molto tempo che non si sentivano buone notizie in tema di ecologia ed ambiente, ma finalmente una ricerca pubblicata su Science evidenzia come il famigerato buco nello strato di ozono atmosferico si stia riducendo. Sappiamo che in questi ultimi anni sono stati fatti grossi progressi nell’eliminazione dei prodotti industriali contenenti clorofluorocarburi, identificati come la principale causa di deterioramento dell’ozono, ma sembrava che gli effetti concreti tardassero ad arrivare.

Questa fase di regressione è cominciata lo scorso settembre, ma i primi segni hanno iniziato a manifestarsi già dal 2000. I dati considerati nell’analisi dimostrano un aumento della colonna di ozono atmosferico ed un’aumentata concentrazione nel profilo verticale di questo gas, nonché di una riduzione effettiva del buco dell’ozono. Queste affermazioni si basano su accurate misure ottenute da palloni sonda gestiti dalle stazioni di ricerca basate al polo sud e da analisi nella banda ultravioletta registrate da satelliti in orbita.

I fattori coinvolti in questa “guarigione” dello strato di ozono sono molteplici ed è difficile capirne il relativo contributo. Sono parte favorevole a questo processo fenomeni chimici e mutazioni della temperatura dell’atmosfera, a loro volta contrastati da altri eventi, tra cui l’attività vulcanica. L’eruzione del Monte Pinatubo nel 1991 è stata seguita da una ben evidente riduzione dello strato dell’ozono sopra l’Antartide, così come le eruzioni in Cile, nel 2011 e nel 2015, dei vulcani Puyehue Cordón-Caulle e Calbuco.

L’effetto sull’ozono indotto dall’attività vulcanica sembra legato all’emissione in atmosfera di acido cloridrico, cloro, zolfo e sostanze alogene che quando vengono in contatto con questo gas lo fanno dissolvere.

Lo studio sembra infine sottolineare l’importanza avuta dalla firma del Protocollo di Montreal nel contribuire all’inversione di tendenza del buco dell’ozono.

 

Science: 353 (6296)

Solomon S, et al. Emergence of healing in the Antarctic ozone layer. SCIENCE 2016;353:269-274.

Articolo precedenteFarmaci antidiabetici e rischio di malattie cardiovascolari
Articolo successivoRiparazione transapicale dell’insufficienza mitralica a cuore battente
Franco Folino è un medico chirurgo, specialista in cardiologia, e un giornalista. Ha iniziato a lavorare come cronista alla fine degli anni settanta, scrivendo articoli per diverse riviste italiane di sport motoristici, e in seguito anche in media televisivi privati, estendendo il suo interesse in altri campi dell’informazione. Ha pubblicato differenti articoli scientifici ed editoriali su prestigiose riviste internazionali. Ha contribuito alla nascita di Newence, diventandone il direttore responsabile dal marzo del 2017.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

6 + sei =