Home Diabetologia Farmaci antidiabetici e rischio di malattie cardiovascolari

Farmaci antidiabetici e rischio di malattie cardiovascolari

283
0

Sappiamo con certezza che il diabete fa incrementare il rischio di sviluppare malattie cardiovascolari, ma forse non tutti sanno che alcuni farmaci per il trattamento del diabete sono stati associati, in modo indipendente, ad un incremento di rischio per alcune patologie cardiovascolari, ed in particolare allo scompenso cardiaco.

Un recente studio apparso sul British Medical Journal ha voluto chiarire questi controversi aspetti, valutando i più comuni antidiabetici, inclusi nuovi farmaci quali gliptine e glitazoni.

adv

La sperimentazione si è svolta in Gran Bretagna e ha considerato una popolazione di 469.688 soggetti, con diabete tipo 2, e di età compresa tra i 25 e gli 84 anni.

I risultati hanno evidenziato come l’utilizzo del glitazone si associava ad una riduzione del 23% del rischio di mortalità per qualsiasi causa, del 26% del rischio di scompenso cardiaco e del 25% del rischio di malattia cardiovascolare.

Dal canto loro le gliptine inducevano una riduzione del 18% della mortalità per qualsiasi causa e del 14% il rischio di scompenso cardiaco, mentre non vi erano associazioni significative nei confronti del rischio di sviluppare malattie cardiovascolari. Anche la metformina si associava ad una riduzione di questi stessi parametri di rischio (41%, 30%, 24%). Al contrario, le sulfaniluree si associavano ad un incremento del 10% del rischio di mortalità e l’insulina ad un incremento addirittura del 47%. Quest’ultimo farmaco incrementava anche il rischio di scompenso cardiaco (32%) e di malattie cardiovascolari (23%). Nell’analisi erano evidentemente considerate le terapie di associazione.

Questi dati sono estremamente interessanti e evidenziano come vi siano chiare differenze nel profilo di rischio indotto dai differenti trattamenti antidiabetici.

In particolare, sembra che l’utilizzo di nuovi farmaci quali gliptine e glitazoni induca una riduzione della mortalità per qualsiasi causa, nonché il rischio di sviluppare insufficienza cardiaca e malattie cardiovascolari. Resta da chiedersi se l’aumento di rischio osservato con l’utilizzo dell’insulina non sia dovuto alla situazione clinica complessiva del paziente, piuttosto che all’utilizzo del farmaco stesso.

Sulla scia di questi risultati, nei prossimi anni potrebbero esserci significative modifiche nelle linee guida per il trattamento del diabete tipo 2.

 

bmj

Hippisley-Cox J, et al. Diabetes treatments and risk of heart failure, cardiovascular disease, and all cause mortality: cohort study in primary care. BMJ 2016;354:i3477.

Articolo precedenteUn farmaco antipsicotico per il trattamento della nausea da chemioterapia
Articolo successivoIl buco dell’ozono si sta riducendo
franco.folino
Franco Folino è un medico chirurgo, specialista in cardiologia, e un giornalista. Ha iniziato a lavorare come cronista alla fine degli anni settanta, scrivendo articoli per diverse riviste italiane di sport motoristici, e in seguito anche in media televisivi privati, estendendo il suo interesse in altri campi dell’informazione. Ha pubblicato differenti articoli scientifici ed editoriali su prestigiose riviste internazionali. Ha contribuito alla nascita di Newence, diventandone il direttore responsabile dal marzo del 2017.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui