Home Animali Scoperta di una nuova specie di rettili preistorici in Germania

Scoperta di una nuova specie di rettili preistorici in Germania

2443
0
KeresH. e Creative Commons Attribution-Share Alike 3.0 Unported license.

La scoperta di una nuova specie di rettili preistorici in Germania è riportata questa settimana nella prestigiosa rivista Scientific Reports. Le caratteristiche anatomiche della specie, denominata Vellbergia bartholomaei, aggiungono preziose informazioni alla nostra comprensione della prima evoluzione dei lepidosauromorfi.

I lepidosauromorfi

I lepidosauromorfi sono uno dei lignaggi tetrapodi più grandi e diversificati, con oltre 10.500 specie. Sono gli antenati delle lucertole, dei serpenti e dei rettili dei giorni nostri, noti come tuatara. Esemplari di lepidosauromorfi sono stati trovati solo in alcuni siti triassici e la loro evoluzione iniziale rimane in gran parte sconosciuta.

Gabriela Sobral e colleghi hanno scoperto il piccolo fossile all’interno dei depositi del Triassico medio (da 247 a 237 milioni di anni) di Vellberg, in Germania.

Una specie precedentemente sconosciuta di lepidosauromorfo

Le analisi suggeriscono che il campione ritrovato è una specie precedentemente sconosciuta di lepidosauromorfo precoce. Uno dei più piccoli trovati sul sito, potrebbe rappresentare il primo fossile giovanile raccolto a Vellberg.

Il V. bartholomaei differisce dalle altre specie di lepidosauromorfo per le sue caratteristiche distinte, tra cui denti stretti, sottili e corti rispetto alla mascella inferiore, ma condivide un mosaico di elementi trovati nei predecessori delle lucertole e delle tuatara di oggi. I risultati, che suggeriscono come la Vellbergia potrebbe essere un antenato comune dei due lignaggi, favoriscono la nostra comprensione sull’evoluzione precoce dei rettili.

L’estinzione di massa del Permiano-Triassico

Il fossile si aggiunge alle evidenze scientifiche che considerano Vellberg come un sito importante per comprendere l’evoluzione precoce dei lepidosauromorfi. A causa della scarsa documentazione fossile per il primo periodo Triassico, gli esemplari del Triassico medio sono di fondamentale importanza per comprendere come i vertebrati si siano ripresi dopo l’estinzione di massa del Permiano-Triassico, avvenuta circa 252 milioni di anni fa, l’evento di estinzione più grave conosciuto della Terra, e come si sono diversificati in specie moderne.

 

 

 

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui