Le differenze tra Terra e Luna nella composizione degli isotopi dell’ossigeno

La Terra e la Luna hanno composizioni distinte di isotopi di ossigeno che risultano quindi non sono identiche. È quanto riporta un recente studio pubblicato sulla rivista Nature Geoscience. Questa scoperta potrebbe sconvolgere le attuali teorie sulla formazione della Luna.

La Luna nata da una costola della Terra

L’ipotesi dell’impatto gigante suggerisce che la Luna si sia formata dai detriti espulsi dalla Terra primitiva a seguito di una gigantesca collisione con un proto-pianeta, chiamato Theia. A sostegno di questa teoria sono i risultati delle analisi condotte sui campioni di roccia lunare raccolti nel corso della missione Apollo. In base a queste rilevazioni la Terra e la Luna sono geochimicamente simili e hanno evidenziato una composizione quasi identica negli isotopi di ossigeno.

Sebbene l’ipotesi dell’impatto gigante possa spiegare molte delle somiglianze geochimiche tra la Terra e la Luna, l’estrema somiglianza negli isotopi dell’ossigeno è stata difficile da conciliare con questo scenario. Entrambi i corpi erano identici dal punto di vista compositivo negli isotopi di ossigeno, il che è improbabile, oppure i loro isotopi di ossigeno sono stati completamente miscelati a seguito dell’impatto, che è difficile da modellare nelle simulazioni.

Luna e Terra: misurazioni ad alta precisione della composizione isotopica dell’ossigeno

Erick Cano e colleghi hanno condotto misurazioni ad alta precisione della composizione isotopica dell’ossigeno di una gamma di campioni lunari. Hanno scoperto che la composizione isotopica dell’ossigeno variava a seconda del tipo di roccia testata. Ciò può essere dovuto al grado di miscelazione tra Luna fusa e atmosfera di vapore che si sono generati a seguito dell’impatto con Theia.

Gli isotopi di ossigeno dai campioni prelevati dal mantello lunare profondo erano i più diversi dagli isotopi di ossigeno della Terra. Gli autori suggeriscono che il mantello lunare profondo potrebbe aver sperimentato la minima miscelazione tra i componenti ed essere piuttosto più rappresentativo della composizione del proto-pianeta Theia.

 

 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

quattro × 4 =