Home Astronomia Nuove immagini dal Very Large Telescope dell’ESO: Messier 77, una galassia a...

Nuove immagini dal Very Large Telescope dell’ESO: Messier 77, una galassia a spirale

14
0
la galassia a spirale barrata Messier 77. Credits: ESO.

Nuove immagini in arrivo dal “Very Large Telescope” dell’Osservatorio Australe Europeo. Questa volta l’occhio gigante dello strumento ha catturato le dinamiche forme di una galassia a spirale: Messier 77.

Si tratta di una delle galassie attive più vicine a noi, uno degli oggetti più energetici e spettacolari dell’Universo. I nuclei delle galassie attive sono spesso tanto luminosi da sovrastare la luce dell’intera galassia che li ospita. Le galassie attive sono tra gli oggetti più luminosi dell’Universo ed emettono luce praticamente a tutte le lunghezze d’onda, dai raggi gamma e raggi X fino alle microonde e alle onde radio. Messier 77 in particolare è classificata come galassia di Seyfert di Tipo II, ed è caratterizzata dall’essere particolarmente brillante a lunghezze d’onda infrarosse.

La notevole luminosità è dovuta all’intensa radiazione prodotta dal motore centrale, il disco di accrescimento intorno al buco nero supermassiccio. La materia che cade verso il buco nero è compressa e riscaldata fino a temperature incredibili, producendo così una radiazione molto energetica. Si pensa che il disco di accrescimento sia nascosto da una struttura a forma di ciambella formata da gas e polvere, il cosiddetto “toro”.

Questa immagine di Messier 77 è stata ottenuta usando dati acquisiti in quattro bande di lunghezza d’onda, rappresentate dai colori blu, rosso, violetto e rosa. Ogni lunghezza d’onda evidenzia una diversa qualità: l’H-alfa rosata sottolinea la presenza di stelle giovani e calde che si stanno formando nei bracci a spirale, mentre il rosso descrive le strutture filamentose del gas che circonda la galassia. Una stella della Via Lattea, in primo piano, è visibile nei pressi del centro della galassia, identificabile dai raggi dovuti alla diffrazione. Inoltre si distinguono molte altre galassie distanti: visibili oltre ai confini dei bracci a spirale, appaiono minuscole, rispetto alla colossale galassia attiva.

A circa 47 milioni di anni luce da noi, nella costellazione della Balena, Messier 77 è una delle più lontane galassie contenute nel catalogo di Messier. L’astronomo francese era convinto che l’oggetto brillante ed esteso che vedeva nel suo telescopio fosse un ammasso stellare, ma con il migliorare della tecnologia si riconobbe la vera natura della galassia. Di dimensione pari  a circa 100.000 anni luce, Messier 77 è anche una delle galassie più grandi del catalogo, così massiccia che la sua forza di gravità agisce sulle galassie vicine e le deforma.

Questa immagine è stata ottenuta con lo strumento FORS2 (FOcal Reducer and low dispersion Spectrograph 2) montato sul telescopio UT1 (Antu) del VLT, all’Osservatorio dell’ESO al Paranal in Cile. Proviene dal programma Gemme Cosmiche dell’ESO, un’iniziativa di divulgazione che produce immagini di oggetti interessanti o anche semplicemente belli usando i telescopi dell’ESO a scopi di divulgazione e istruzione.

Articolo precedenteNel corso degli anni si è ridotto il rischio di morte improvvisa nei pazienti con scompenso cardiaco
Articolo successivoObesità e sovrappeso continuano a crescere nel mondo
Franco Folino è un medico chirurgo, specialista in cardiologia, e un giornalista. Ha iniziato a lavorare come cronista alla fine degli anni settanta, scrivendo articoli per diverse riviste italiane di sport motoristici, e in seguito anche in media televisivi privati, estendendo il suo interesse in altri campi dell’informazione. Una volta specializzato in cardiologia, ha pubblicato differenti articoli scientifici ed editoriali su prestigiose riviste internazionali. Ha contribuito alla nascita di Newence, diventandone il direttore responsabile dal marzo del 2017. I suoi principali campi di interesse in ambito medico sono il sistema neurovegetativo cardiovascolare e gli effetti dell’inquinamento atmosferico sulla salute. Appassionato di viaggi, ha percorso molti chilometri sulle strade dell'Europa, del Nord America e dell’America Latina, sempre alla ricerca delle espressioni più autentiche della natura, pubblicando alcuni libri dedicati al Sudamerica.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

18 − 6 =