Home Macchine & Motori Dall’archivio Porsche: una collezione storica di progetti

Dall’archivio Porsche: una collezione storica di progetti

346
0

L’Archivio Porsche ha sede a Zuffenhausen, ma non è tutta qui la storia della casa tedesca. Ci sono anche migliaia di disegni di design ospitati in una stanza nel seminterrato del Centro di sviluppo di Weissach. Tutto sommato, questa collezione di 70 anni contiene oltre 100.000 fogli.

I movimenti di Uwe Geisel sono quasi riverenti mentre apre con la massima cura un disegno di costruzione sul piano del tavolo di fronte a lui. Accarezza il foglio di pergamena con la mano e si ferma brevemente prima di commentare con l’aria di un vero esperto; “Questo disegno tecnico mostra un primo logo Carrera risalente al 1952”. Il processo viene ripetuto con un altro foglio di pergamena: “Ci sono molti dettagli interessanti su questo, che è stato prodotto nel 1948 per la Cisitalia. Vedi il volante? Fa un’altra apparizione nella Porsche 356-001 “. Geisel srotola il foglio successivo; “Questo disegno mostra la delicata carrozzeria della 356. È stato disegnato su un tavolo da disegno nel 1950”. Tutti questi disegni sono originali, sopravvissuti intatti nei decenni.

adv

Un disegno del volante di Cisitalia

La stanza del seminterrato senza finestre del Weissach Development Center potrebbe sembrare fredda e austera, ma le prime impressioni sono ingannevoli. Quando Uwe Geisel spinge in fuori i grandi armadietti, appare una vista meravigliosa: migliaia di disegni costruttivi arrotolati. La loro disposizione ordinata ricorda i favi, così come la loro tinta giallastra. Altri disegni sono conservati nei cassetti poco profondi di armadi di metallo grigio chiaro. Le sequenze numeriche sulla parte anteriore di questi cabinet iniziano con alcune cifre familiari: “924 …”, “944 …”, “928 …” – ma i numeri alla fine sono più difficili da interpretare.

 

Uwe Geisel davanti ai grandi pensili

Più di 100.000 disegni storici sono conservati qui e l’amore di Geisel per loro è evidente. Confezionati strettamente nei cassetti, contengono dati sui modelli Porsche del lontano passato. Un dispositivo in una finitura nera carbone è stato recentemente acquisito per riprodurre queste carte. Il fornitore con sede nel Regno Unito di questo dispositivo è l’unica azienda al mondo che produce lettori di schede con le funzionalità specifiche richieste.

Il grande Archivio Porsche di fama internazionale è ospitato in modo sicuro all’interno del nuovo Museo Porsche. Ma la maggior parte delle risme della ditta di disegni costruttivi si possono trovare a Weissach. “Lavoriamo a stretto contatto con i nostri colleghi di Zuffenhausen”, sottolinea Geisel. Le richieste dei fan dei classici veicoli Porsche sono accolte qui con favore come a Zuffenhausen.

Oltre 100.000 disegni storici sono conservati a Weissach

Secondo Uwe Geisel: “Stiamo lavorando per digitalizzare le nostre partecipazioni dal 2002 per garantire che tutto sopravviva”. Il principio guida è quello di raccogliere il più possibile in modo che nulla venga perso. Gli unici elementi che Geisel potrebbe considerare di rifiutare sono le stampe su computer dei recenti progetti digitali. Anche quelli saranno prima ispezionati e ordinati. Gli arrivi recenti includono diversi certificati, premi e cornici.

Geisel è fiducioso che altri tesori di questo tipo siano ancora in agguato nei gabinetti del Centro di Sviluppo, e le sue speranze poggiano sulla disponibilità dei suoi colleghi ad aiutarlo.

 

 

Articolo precedenteDisturbi respiratori del sonno nello scompenso cardiaco: perché la ventilazione servo-adattativa fa aumentare la mortalità?
Articolo successivoPiù si è alti più si rischia la fibrillazione atriale
franco.folino
Franco Folino è un medico chirurgo, specialista in cardiologia, e un giornalista. Ha iniziato a lavorare come cronista alla fine degli anni settanta, scrivendo articoli per diverse riviste italiane di sport motoristici, e in seguito anche in media televisivi privati, estendendo il suo interesse in altri campi dell’informazione. Ha pubblicato differenti articoli scientifici ed editoriali su prestigiose riviste internazionali. Ha contribuito alla nascita di Newence, diventandone il direttore responsabile dal marzo del 2017.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui