Home Epidemiologia Migliorare l’accesso alle cure non basta a migliorare la salute. Serve una...

Migliorare l’accesso alle cure non basta a migliorare la salute. Serve una sanità migliore

299
0

Si stima che 5 milioni di morti all’anno nei paesi a reddito medio-basso (LMIC) siano il risultato di un’assistenza di scarsa qualità. Ulteriori 3,6 milioni di morti sarebbero il risultato di un accesso insufficiente alle cure. Mentre molti LMIC hanno compiuto progressi significativi nel migliorare l’accesso alle cure, si presenta un nuovo problema: l’assistenza di scarsa qualità nel sistema sanitario è responsabile di un numero maggiore di morti rispetto all’accesso insufficiente alle cure. Il numero totale di decessi per cure di qualità scadente all’anno è stimato essere cinque volte superiore rispetto alle morti annuali per HIV / AIDS (1 milione) e oltre tre volte più dei decessi per diabete (1,4 milioni).

I risultati provengono da una nuova analisi pubblicata su The Lancet, nell’ambito della The Lancet Global Health Commission su sistemi sanitari di alta qualità. Un progetto di due anni che riunisce 30 accademici, responsabili delle politiche ed esperti di sistemi sanitari di 18 paesi che hanno esaminato come misurare e migliorare la qualità del sistema sanitario in tutto il mondo.

adv

I commenti degli autori

“La cura di qualità non dovrebbe essere riservata a un’élite o un’aspirazione per un futuro lontano; dovrebbe essere il DNA di tutti i sistemi sanitari”, ha detto il presidente della Commissione, la dott.ssa Margaret E Kruk, della Harvard T. H. Chan School of Public Health, Boston (USA). “Il diritto alla salute dell’uomo non ha senso senza un’assistenza di buona qualità. I sistemi sanitari di alta qualità mettono le persone al primo posto. Generano salute, guadagnano la fiducia del pubblico e possono adattarsi quando cambiano le esigenze di salute. I paesi sapranno di essere sulla strada verso sistemi sanitari di alta qualità quando gli operatori sanitari e politici sceglieranno di ricevere assistenza sanitaria nelle proprie istituzioni pubbliche.”

“L’impatto di un’assistenza di scarsa qualità va ben oltre la mortalità, ma può portare a sofferenze inutili, sintomi persistenti, perdita di funzione e mancanza di fiducia nel sistema sanitario. Altri effetti collaterali sono risorse sprecate e spese per la salute catastrofiche. Dati i nostri risultati, non sorprende che solo un quarto delle persone nei paesi a reddito medio-basso credono che i loro sistemi sanitari funzionino bene “, aggiunge il dott. Kruk.

L’epidemia di cure di scarsa qualità

Gli oltre 8 milioni di morti in eccesso a causa di sistemi sanitari di scarsa qualità portano a perdite di benessere economico di 6 trilioni di dollari solo nel 2015. La Commissione ha riscontrato deficit sistematici nella qualità dell’assistenza in più paesi, in una serie di condizioni di salute e nell’assistenza sia primaria che ospedaliera. Questi includono:

  • Circa 1 milione di decessi per malattie neonatali e tubercolosi, verificati in persone che hanno usato il sistema sanitario, ma hanno ricevuto una scarsa cura.
  • La scarsa qualità è uno dei principali fattori di decesso suscettibili all’assistenza sanitaria in tutte le condizioni nei LMIC, tra cui l’84% delle morti cardiovascolari, l’81% delle malattie prevenibili, il 61% delle condizioni neonatali e metà delle malattie materne, stradali, tubercolari, HIV e altre morti per malattie infettive.
  • L’accesso insufficiente alle cure è stato un contributo proporzionalmente maggiore alle morti per cancro (89%), condizioni mentali e neurologiche (85%) e condizioni respiratorie croniche (76%), evidenziando la necessità di aumentare l’accesso all’assistenza per queste condizioni, oltre al miglioramento della qualità.
  • I dati provenienti da oltre 81.000 consultazioni in 18 paesi hanno rilevato che, in media, le madri e i bambini ricevono meno della metà delle azioni cliniche raccomandate in una visita tipica, compresi i fallimenti nei check-up post-partum, la gestione scorretta di diarrea o tubercolosi e i fallimenti per monitorare la pressione sanguigna durante il travaglio.
  • Un terzo (34%) delle persone nei LMIC riporta un’esperienza negativa degli utenti, citando la mancanza di rispetto, i lunghi tempi di attesa e le visite brevi. Allo stesso modo, la fiducia nei sistemi sanitari è bassa. Ad esempio, in India, metà delle famiglie riferisce di eludere la propria struttura pubblica vicina, con l’80% che cita almeno un problema di qualità.
  • L’assistenza di scarsa qualità è più comune tra i più vulnerabili della società. Le donne più ricche che vengono assistite prima del parto hanno una probabilità quattro volte superiore di ottenere misurazioni della pressione arteriosa, analisi delle urine e del sangue rispetto alle donne più povere. Le madri adolescenti hanno meno probabilità di ricevere cure basate sull’evidenza. I bambini provenienti da famiglie più ricche hanno maggiori probabilità di ricevere antibiotici. Le persone con condizioni di salute stigmatizzate, come l’HIV / AIDS, problemi di salute mentale e disturbi da abuso di sostanze, così come altri gruppi vulnerabili come rifugiati, prigionieri e migranti, hanno meno probabilità di ricevere cure di alta qualità.

Stime di forte impatto

In India, si stima che 1,6 milioni di morti all’anno siano dovute a cure di scarsa qualità (e ulteriori 838.000 morti a causa dell’accesso insufficiente alle cure). In Cina 630.000 morti all’anno erano dovute a cure di scarsa qualità (e 653.000 morti a causa di un accesso insufficiente). In Brasile, 153.000 morti all’anno erano dovute a cure di scarsa qualità (e 51.000 a causa di un accesso insufficiente). In Nigeria 123.000 morti all’anno erano dovute a cure di scarsa qualità, e 253, 000 a causa di un accesso insufficiente. Si tratta di dati conservativi, ottenuti dopo aver sottratto i casi di malattia che avrebbero dovuto essere prevenuti con forti misure di sanità pubblica.

Il diritto ad un’assistenza di alta qualità

La Commissione propone diversi modi per affrontare la qualità del sistema sanitario, a cominciare dalla responsabilità pubblica e dalla trasparenza delle prestazioni del sistema sanitario. La Commissione ha riscontrato che molti attuali approcci di miglioramento hanno un’efficacia limitata. Inoltre, le metriche del sistema sanitario comunemente utilizzate come la disponibilità di farmaci, attrezzature o la proporzione di nascite con assistenti qualificati, non riflettono la qualità dell’assistenza e potrebbero portare a falsi compiacimenti sui progressi.

La Commissione chiede un numero minore, ma migliore di misure della qualità dei sistemi sanitari e propone una serie di metriche che dovrebbero essere implementate entro il 2021, per consentire misurazioni e rapporti trasparenti di assistenza di qualità.

Le possibili soluzioni

“La vasta epidemia di cure di bassa qualità suggerisce che non c’è soluzione rapida e i responsabili politici devono impegnarsi a riformare le basi dei sistemi di assistenza sanitaria. Ciò include l’adozione di una chiara strategia di qualità, l’organizzazione di servizi per massimizzare i risultati, la modernizzazione dell’istruzione degli operatori sanitari e l’impegno del pubblico nel richiedere cure di migliore qualità. Per troppo tempo, il discorso sulla salute globale si è concentrato sul miglioramento dell’accesso alle cure, senza un’enfasi sufficiente sull’assistenza di alta qualità. Fornire servizi sanitari senza garantire un livello minimo di qualità è inefficace, dispendioso e immorale”, afferma Muhammad Pate, co-presidente della Commissione e amministratore delegato di Big Win Philantropy ed ex Ministro della Sanità in Nigeria.

In un commento collegato, il dott. Tedros Adhanom Ghebreyesus, direttore generale dell’OMS, aggiunge: “La qualità non è un dato. Ci vuole visione, pianificazione, investimento, compassione, esecuzione minuziosa e monitoraggio rigoroso, dal livello nazionale alla più piccola e remota clinica… La forza delle capacità centrali di un paese ai sensi dei regolamenti sanitari internazionali dipende dalla qualità dei suoi servizi sanitari. La stessa infermiera che vaccina i bambini e si prende cura delle neo mamme dovrà anche rilevare un’insolita malattia trasmissibile. Allo stesso modo, persone e comunità sono al centro dell’erogazione di servizi sanitari di qualità. Non possiamo parlare di qualità senza metterli al centro. Quando le persone sono attivamente impegnate nella propria salute e cura, soffrono meno complicazioni e godono di una salute e di un benessere migliori.”

 

Articolo precedenteLa lista nera dei paesi con il maggior numero di morti per armi da fuoco
Articolo successivoSvelato l’Arkana di Renault
redazione
La redazione di Newence è composta prevalentemente da collaboratori con competenze maturate in ambito medico, scientifico e tecnologico. Rivedono e discutono in modo critico e analitico i più importanti lavori scientifici pubblicati sulle più autorevoli riviste scientifiche internazionali, fornendo utili spunti di riflessione e aggiornamento per i professionisti della sanità e informazioni affidabili e verificate dedicate al pubblico più vasto.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui