Home Macchine & Motori La ricerca robotica di Toyota: un mondo aperto a infiniti sviluppi

La ricerca robotica di Toyota: un mondo aperto a infiniti sviluppi

268
0

Toyota crede che la mobilità vada oltre le automobili. Nel perseguire la sua visione di “Mobilità per tutti”, la casa giapponese è impegnata a sostenere la creazione di una società più inclusiva e più sostenibile attraverso una piena mobilità.

In questi giorni Toyota ha presentato il suo Human Support Robot (HSR) alla comunità accademica e dei ricercatori in Europa presso l’IROS di Madrid.

adv

Il progetto HSR

L’HSR, uno dei concetti di mobilità di Toyota sviluppati con l’obiettivo di offrire la libertà di mobilità a tutti, fa parte della famiglia dei robot Toyota Partner. Riflette un impegno ad arricchire la vita della comunità, con particolare attenzione all’assistenza infermieristica e all’assistenza sanitaria, al trasporto a breve distanza e alla vita domestica.

Come un manipolatore mobile compatto, con un braccio pieghevole, può raccogliere oggetti dal pavimento e recuperare oggetti dagli scaffali. Svolge una varietà di altri compiti per migliorare la qualità della vita degli anziani o delle persone con disabilità.

“Toyota Motor Europe (TME) R & D Robotics contribuisce in modo significativo alla ricerca globale di Toyota in aree specifiche della robotica, come la percezione, grazie alle capacità avanzate in Europa nella visione artificiale. Riteniamo che l’HSR apporti un reale contributo ai ricercatori e possa contribuire ad accelerare i progressi tecnologici nella robotica. Siamo entusiasti di espandere le nostre collaborazioni con ulteriori organizzazioni di ricerca europee.” Ha dichiarato Gerald Killmann, Vice Presidente R & D presso Toyota Motor Europe.

Una comunità di ricercatori in espansione

Attraverso la Community degli sviluppatori HSR, lanciata a settembre 2015, Toyota offre la sua piattaforma di innovazione aperta ai partner di tutto il mondo. Le organizzazioni di ricerca partecipanti non hanno bisogno di sviluppare il robot reale né il software per le operazioni di base del robot. Possono concentrarsi sullo sviluppo di idee e applicazioni future, testando la loro tecnologia e gli algoritmi in un ambiente reale con facilità.

Ci sono già 44 partner in 12 paesi che utilizzano l’HSR. In Europa, TME supporta anche la ricerca di 5 università situate in Germania, Regno Unito, Francia e Paesi Bassi.

L’HSR è già stato adottato come piattaforma standard per competizioni internazionali di robot come la RoboCup@Home e il World Robot Summit.

 

 

Articolo precedenteNeutrini, materia e antimateria, le chiavi per svelare l’Universo
Articolo successivoDickinsonia: probabilmente il primo animale che ha popolato la terra, 558 milioni di anni fa
redazione
La redazione di Newence è composta prevalentemente da collaboratori con competenze maturate in ambito medico, scientifico e tecnologico. Rivedono e discutono in modo critico e analitico i più importanti lavori scientifici pubblicati sulle più autorevoli riviste scientifiche internazionali, fornendo utili spunti di riflessione e aggiornamento per i professionisti della sanità e informazioni affidabili e verificate dedicate al pubblico più vasto.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui