Home Igiene Epidemia di colera in Zimbabwe, iniziata una campagna di vaccinazione

Epidemia di colera in Zimbabwe, iniziata una campagna di vaccinazione

185
0

Il governo dello Zimbabwe con il sostegno dell’Organizzazione mondiale della sanità (OMS) e dei suoi partner sta lanciando una campagna di vaccinazione orale contro il colera (OCV) per proteggere 1,4 milioni di persone ad alto rischio di colera ad Harare.

La campagna di immunizzazione è parte degli sforzi per controllare un’epidemia di colera, che è stata dichiarata dalle autorità sanitarie il 6 settembre 2018. I vaccini sono stati acquistati dalle scorte globali, con il finanziamento di Gavi, la Vaccine Alliance. Gavi sta anche finanziando i costi operativi per la campagna.

adv

Acqua pulita e igiene

Il governo, con il sostegno dell’OMS e dei partner, si è mosso rapidamente per implementare le principali attività di controllo, tra cui una maggiore sorveglianza, la fornitura di acqua pulita e la promozione dell’igiene, la pulizia degli scarichi e la creazione di centri di trattamento dedicati. La campagna di vaccinazione contro il colera completerà questi sforzi in corso.

“L’attuale epidemia di colera è geograficamente concentrata nei quartieri densamente popolati di Harare”, ha affermato il dott. Matshidiso Moeti, direttore regionale dell’OMS per l’Africa. “Ora abbiamo una finestra di opportunità per reagire con il vaccino per il colera per via orale, che insieme ad altri sforzi contribuirà a tenere sotto controllo l’attuale epidemia e potrebbe impedire che si diffonda ulteriormente nel paese e diventi più difficile da controllare”.

La campagna sarà distribuita in due turni, concentrandosi sui sobborghi più colpiti ad Harare e Chitungwiza, che si trova a 30 km a sud-est della capitale. Per garantire l’immunità a lungo termine alla popolazione, una seconda dose del vaccino sarà fornita in tutte le aree durante un secondo round da implementare in una fase successiva.

Il colera nel 2019

“Il colera è una malattia che può essere prevenuta con acqua pulita e servizi igienico-sanitari: non c’è motivo per cui le persone debbano ancora morire di questa orribile malattia”, ha detto il dott. Seth Berkley, CEO di Gavi, Vaccine Alliance. “Gavi ha lavorato duramente per garantire che le scorte di vaccino contro il colera restassero pienamente disponibili e pronte per aiutare a fermare epidemie come questa. Il governo dello Zimbabwe ha fatto un ottimo lavoro nel combattere questa epidemia; ora dobbiamo sperare che questi vaccini salvavita possano aiutare a prevenire ulteriori morti inutili”.

L’OMS sostiene il Ministero della salute e dell’assistenza all’infanzia in merito a una strategia per lanciare la campagna di vaccinazione, nonché a implementare la campagna e sensibilizzare il pubblico sul vaccino. Più di 600 operatori sanitari sono stati formati per condurre la campagna, che avverrà in siti fissi e mobili, tra cui strutture sanitarie, scuole e centri commerciali.

Una sorveglianza attiva

Gli esperti dell’OMS in collaborazione con i partner stanno sostenendo le autorità nazionali per intensificare le attività di sorveglianza, migliorare la diagnostica e rafforzare il controllo delle infezioni e della prevenzione nelle comunità e nelle strutture sanitarie. Hanno anche forniture di sali per la reidratazione orale, fluidi per via endovenosa e antibiotici sufficienti per trattare 6.000 persone.

Il solo settore sanitario non può prevenire e controllare le epidemie di colera. Ciò richiede solide partnership e una risposta in più settori, in particolare per quanto riguarda gli investimenti e il mantenimento di strutture idriche, fognarie e igieniche a livello comunitario.

Lo Zimbabwe ha registrato frequenti epidemie di colera, con il più grande focolaio che si è verificato da agosto 2008 a maggio 2009 e che ha causato più di 4.000 morti.

 

 

Articolo precedenteGli europei e i cambiamenti climatici: molto sensibilizzati, ma poco preoccupati
Articolo successivoAnnunciati i piloti della squadra corse Lamborghini per la stagione 2019
redazione
La redazione di Newence è composta prevalentemente da collaboratori con competenze maturate in ambito medico, scientifico e tecnologico. Rivedono e discutono in modo critico e analitico i più importanti lavori scientifici pubblicati sulle più autorevoli riviste scientifiche internazionali, fornendo utili spunti di riflessione e aggiornamento per i professionisti della sanità e informazioni affidabili e verificate dedicate al pubblico più vasto.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui