La fine di Kepler: il telescopio spaziale che ha scoperto oltre 2.600 pianeti

Dopo nove anni nello spazio profondo raccogliendo dati che indicano come il nostro cielo sia pieno di miliardi di pianeti nascosti, il telescopio spaziale Kepler della NASA ha esaurito il carburante necessario per ulteriori operazioni scientifiche.

La NASA ha così deciso di ritirare il veicolo spaziale dalla sua attuale orbita sicura, lontano dalla Terra. Keplero lascia un’eredità di oltre 2.600 scoperte planetarie al di fuori del nostro Sistema Solare, molte delle quali potrebbero essere dei luoghi promettenti per la vita.

Un nuovo scenario di ricerca

“Come prima missione a caccia di pianeti della NASA, Kepler ha superato tutte le nostre aspettative e ha aperto la strada per la nostra esplorazione al fine di cercare la vita nel Sistema Solare e oltre”, ha detto Thomas Zurbuchen, amministratore associato della Science Mission Directorate della NASA a Washington. “Non solo ci ha mostrato quanti pianeti potevano essere là fuori, ha scatenato un campo di ricerca completamente nuovo e robusto che ha preso d’assalto la comunità scientifica: le sue scoperte hanno gettato una nuova luce sul nostro posto nell’universo, e illuminato i misteri e le possibilità allettanti tra le stelle.”

Keplero ha aperto gli occhi sulla diversità dei pianeti che esistono nella nostra galassia. L’analisi più recente delle scoperte di Keplero conclude che dal 20 al 50 percento delle stelle visibili nel cielo notturno hanno probabilmente pianeti piccoli, possibilmente rocciosi, simili per dimensioni alla Terra e situati all’interno della zona abitabile delle loro stelle progenitrici. Ciò significa che si trovano a distanze dalle loro stelle dove l’acqua liquida potrebbe accumularsi sulla superficie del pianeta. Un ingrediente vitale per la vita così come la conosciamo.

Sistemi planetari compatti

La dimensione più comune del pianeta trovato da Keplero non esiste nel nostro sistema solare – un mondo tra le dimensioni della Terra e Nettuno – e abbiamo molto da imparare su questi pianeti. Keplero ha anche scoperto che la natura spesso produce sistemi planetari impacchettati come la marmellata, in alcuni casi con così tanti pianeti orbitanti vicino alle loro stelle progenitrici che il nostro Sistema Solare interno appare scarso al confronto.

“Quando abbiamo iniziato a concepire questa missione, 35 anni fa, non conoscevamo un singolo pianeta al di fuori del nostro sistema solare”, ha detto l’investigatore principale della missione di Keplero, William Borucki, ora in pensione dal Centro di ricerca Ames della NASA, nella Silicon Valley in California. “Ora che sappiamo che i pianeti sono ovunque, Keplero ci ha dato un nuovo corso che è pieno di promesse per le generazioni future per esplorare la nostra galassia”.

Tecnologie all’avanguardia

Lanciato il 6 marzo 2009, il telescopio spaziale Kepler combinava tecniche all’avanguardia per misurare la luminosità stellare con la più grande fotocamera digitale equipaggiata per le osservazioni dello spazio esterno in quel momento. Originariamente posizionato per fissare continuamente 150.000 stelle nella costellazione del Cigno, Keplero ha effettuato la prima rilevazione dei pianeti nella nostra galassia ed è diventata la prima missione dell’agenzia per rilevare i pianeti di dimensioni terrestri nelle zone abitabili delle loro stelle.

“La missione Kepler è basata su un design molto innovativo. E ‘stato un approccio estremamente intelligente per fare questo tipo di scienza”, ha detto Leslie Livesay, direttore per l’astronomia e la fisica al Jet Propulsion Laboratory della NASA, che ha servito come Keplero responsabile del progetto durante lo sviluppo della missione.

500.000 stelle osservate con attenzione

Quattro anni dopo la missione, dopo che gli obiettivi della missione primaria erano stati raggiunti, i guasti meccanici hanno fermato temporaneamente le osservazioni. Il team di missione è stato però in grado di escogitare una correzione, cambiando il campo visivo della navicella all’incirca ogni tre mesi. Ciò ha consentito una missione estesa per il veicolo spaziale, soprannominato K2, portando il numero delle stelle osservate da Keplero fino a oltre 500.000.

L’osservazione di così tante stelle ha permesso agli scienziati di capire meglio i comportamenti e le proprietà stellari, che sono informazioni critiche nello studio dei pianeti che orbitano attorno a loro. La nuova ricerca sulle stelle con i dati di Keplero sta anche promuovendo altre aree dell’astronomia, come la storia della nostra galassia, della Via Lattea, e gli stadi iniziali delle stelle esplosive chiamate supernove, utilizzate per studiare la velocità di espansione dell’universo.

Un enorme patrimonio di dati scientifici

Ci si aspetta che gli scienziati trascorrano un decennio o più alla ricerca di nuove scoperte nel tesoro dei dati forniti da Kepler.

“Sappiamo che il ritiro della nave spaziale non è la fine delle scoperte di Keplero”, ha detto Jessie Dotson, scienziata del progetto di Kepler presso il Centro di ricerca Ames della NASA, nella Silicon Valley, in California. “Sono entusiasta delle diverse scoperte che devono ancora venire dai nostri dati e di come le future missioni si baseranno sui risultati di Kepler.”

Prima di ritirare il veicolo spaziale, gli scienziati hanno spinto Kepler al massimo delle sue potenzialità, completando con successo diverse campagne di osservazione e scaricando preziosi dati scientifici.

Gli ultimi dati, dalla Campagna 19, saranno di aiuto al nuovo cacciatore di pianeti della NASA, il Transiting Exoplanet Survey Satellite (TESS), lanciato ad aprile. TESS si basa su quanto fornito da Kepler con nuovi lotti di dati nella sua ricerca di pianeti in orbita attorno a circa 200.000 delle stelle più luminose e vicine alla Terra.

 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

4 × due =