Home Malattie infettive Resistenza agli antibiotici: gli elusivi meccanismi del cefiderocol lo rendono altamente efficace

Resistenza agli antibiotici: gli elusivi meccanismi del cefiderocol lo rendono altamente efficace

578
0

I risultati di uno studio randomizzato di fase 2 suggeriscono che un nuovo antibiotico sperimentale è efficace quanto l’attuale antibiotico standard di cura per il trattamento delle infezioni complicate del tratto urinario (UTI) causate da diversi batteri Gram-negativi multiresistenti.

I risultati, pubblicati su The Lancet Infectious Diseases, hanno dimostrato che i pazienti trattati con il farmaco cefiderocol, avevano un livello più alto e più sostenuto di eradicazione dei patogeni e risultati clinici simili a quelli trattati con l’attuale standard di cura, imipenem-cilastatina.

adv

Il cefiderocol

Cefiderocol è innovativo nel suo approccio al superamento dei tre principali meccanismi di resistenza agli antibiotici utilizzati dai batteri Gram-negativi: due membrane esterne che rendono difficile la penetrazione degli antibiotici, i canali di porizzazione che possono adattarsi e cambiare per bloccare l’ingresso di antibiotici e le pompe di efflusso che espellono gli antibiotici dalla cellula e rendono i farmaci inefficaci.

“Cefiderocol agisce come un cavallo di Troia”, spiega il dott. Simon Portsmouth, Shionogi Inc, USA, che ha guidato la ricerca. “Il farmaco utilizza un nuovo meccanismo di ingresso cellulare che sfrutta il bisogno di ferro per la sopravvivenza del batterio. Durante un’infezione acuta, una delle nostre risposte immunitarie innate è quella di creare un ambiente povero di ferro. In risposta, i batteri aumentano l’apporto di ferro. Cefiderocol si lega al ferro e viene trasportato attraverso la membrana esterna dal sistema di trasporto del ferro del batterio. Questi canali di ferro consentono inoltre al farmaco di bypassare i canali dei batteri e di ottenere l’accesso ripetuto anche se il batterio si è evoluto con pompe di efflusso.”

I risultati evidenziano il potenziale del cefiderocol come una nuova importante opzione per il trattamento di batteri Gram-negativi altamente resistenti. L’effetto di cefiderocol sui ceppi resistenti ai carbapenemi – che causano alcune delle infezioni più difficili da trattare in ambito sanitario e per i quali non esiste un’alternativa antibiotica che non abbia effetti collaterali o altre complicazioni – non può essere valutato correttamente perché imipenem-cilastatina è stato usato come trattamento di controllo attivo.

I microrganismi resistenti agli antibiotici

I centri statunitensi per il controllo e la prevenzione delle malattie (CDC) stimano che i microrganismi resistenti agli antibiotici causano più di due milioni di infezioni negli Stati Uniti ogni anno, provocando almeno 23.000 morti. Un riesame del 2014 sulla resistenza antimicrobica prevedeva che entro il 2050 il costo globale della resistenza agli antibiotici aumenterà fino a 100 miliardi di sterline e causerà 10 milioni di morti ogni anno.

La resistenza agli antibiotici è stata identificata come una delle più grandi minacce per la salute umana a livello globale. Mentre l’arsenale antibiotico si riduce per efficacia. Sono urgentemente necessari nuovi antibiotici con nuove modalità d’azione.

L’OMS considera i patogeni Gram-negativi resistenti ai carbapenemi, tra cui Pseudomonas aeruginosa, Acinetobacter baumannii e Enterobacteriaceae, come la massima priorità e critici per lo sviluppo di nuovi antibiotici. Precedenti studi hanno dimostrato che cefiderocol è attivo contro tutti e tre i patogeni multiresistenti.

Lo studio

Come parte dell’approccio della FDA (Food and Drug Administration) allo sviluppo di antibiotici a tracciamento rapido, questo studio ha randomizzato 448 adulti (di età pari o superiore a 18 anni) che erano stati ospedalizzati con una UTI complicata o con pielonefrite non complicata per ricevere tre infusioni giornaliere di cefiderocol (300 pazienti) o imipenem-cilastatina (148 pazienti) da sette a 14 giorni. In totale, 252 pazienti trattati con cefiderocol e 119 con imipenem-cilastatina avevano un uropatogeno gram-negativo e sono stati inclusi nell’analisi di efficacia. La maggior parte dei partecipanti ha avuto infezioni da Escherichia coli, Klebsiella pneumoniae o P aeruginosa.

I risultati hanno suggerito che il cefiderocol era efficace quanto l’imipenem-cilastatina in una valutazione combinata della risposta clinica e microbiologica con tassi di efficacia del 73% (183/252 pazienti) e del 55% (65/119 pazienti), rispettivamente, sette giorni dopo l’interruzione del trattamento. Questa differenza è stata principalmente determinata dalla sostenuta attività antibatterica di cefiderocol mentre le risposte cliniche erano molto simili (90% vs 87%).

Complessivamente, il cefiderocol è stato ben tollerato con un numero simile di eventi avversi rispetto a quello di imipenem-cilastatina (41% vs 51%). Disturbi gastrointestinali (cioè diarrea, stitichezza, nausea, vomito e dolore addominale) sono stati gli eventi avversi più comuni in entrambi i gruppi (35 [12%] pazienti nel gruppo cefiderocol e 27 [18%] pazienti nel gruppo imipenem-cilastatina). Quattordici (5%) partecipanti al gruppo cefiderocol e 12 (8%) nel gruppo imipenem-cilastatina hanno riportato almeno un evento avverso grave, dove la colite da C difficile era il più comune.

I commenti degli autori

Il dott. Portsmouth afferma: “Il cefiderocol è risultato sicuro e tollerabile in una popolazione di pazienti anziani che erano molto malati con comorbilità complesse e una vasta gamma di agenti patogeni multiresistenti. I nostri risultati supportano cefiderocol come un nuovo approccio che potrebbe essere utilizzato per superare la resistenza Gram-negativa. Gli studi clinici in corso di polmonite, tra cui polmonite acquisita in ospedale e la polmonite associata a ventilazione, e uno studio in pazienti con infezioni resistenti ai carbapenemi, forniranno ulteriori informazioni importanti su cefiderocol.”

Gli autori sottolineano che un’importante limitazione dello studio era l’esclusione di pazienti con infezioni resistenti ai carbapenemi.

 

 

Simon Portsmouth, et al. Cefiderocol versus imipenem-cilastatin for the treatment of complicated urinary tract infections caused by Gram-negative uropathogens: a phase 2, randomised, double-blind, non-inferiority trial. The Lancet Infectious Diseases, Published: October 25, 2018.

 

 

Articolo precedenteLa fine di Kepler: il telescopio spaziale che ha scoperto oltre 2.600 pianeti
Articolo successivoIl cacao e le sue origini: coltivato da oltre 5.000 anni
redazione
La redazione di Newence è composta prevalentemente da collaboratori con competenze maturate in ambito medico, scientifico e tecnologico. Rivedono e discutono in modo critico e analitico i più importanti lavori scientifici pubblicati sulle più autorevoli riviste scientifiche internazionali, fornendo utili spunti di riflessione e aggiornamento per i professionisti della sanità e informazioni affidabili e verificate dedicate al pubblico più vasto.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui