Home Astronomia La sonda InSight della NASA è atterrata su Marte, presto le informazioni...

La sonda InSight della NASA è atterrata su Marte, presto le informazioni sul suo sottosuolo

208
0
NASA's InSight Mars lander acquired this image of the area in front of the lander using its lander-mounted, Instrument Context Camera (ICC). This image was acquired on Nov. 26, 2018, Sol 0 of the InSight mission where the local mean solar time for the image exposures was 13:34:21. Each ICC image has a field of view of 124 x 124 degrees. Credits: NASA/JPL-CalTech

La sonda InSight della NASA ha acquisito questa immagine dell’area davanti al lander utilizzando la sua Instrument Context Camera (ICC). Questa immagine è stata ottenuta il 26 novembre 2018.

Marte ha appena dato il benvenuto al suo nuovo ospite robotico. L’esploratore della NASA ha toccato con successo il pianeta rosso dopo un viaggio di quasi sette mesi, che ha fatto coprire al satellite 458 milioni di chilometri.

adv

La missione di due anni di InSight sarà quella di studiare le profondità Marte, per imparare come si sono formati tutti i corpi celesti con superfici rocciose, compresa la Terra e la Luna.

InSight è stato lanciato dalla base aerea di Vandenberg in California il 5 maggio. Il lander è atterrato lunedì 26 novembre, vicino all’equatore di Marte, sul lato occidentale di una distesa di lava piatta e levigata chiamata Elysium Planitia.

“Oggi siamo atterrati con successo su Marte per l’ottava volta nella storia dell’umanità”, ha detto l’amministratore della NASA Jim Bridenstine. “InSight studierà l’interno di Marte e ci fornirà preziose informazioni, mentre ci prepariamo a inviare astronauti sulla Luna e in seguito su Marte stessa. Questo risultato rappresenta l’ingegno dell’America e dei nostri partner internazionali e serve come testimonianza della dedizione e della perseveranza del nostro team. Il meglio della NASA deve ancora venire, e arriverà presto.”

Da veloce a lento

“Abbiamo colpito l’atmosfera di Marte a 12.300 miglia orarie (19.800 chilometri all’ora) e l’intera sequenza di atterraggio in superficie ha richiesto solo sei minuti e mezzo”, ha dichiarato il direttore del progetto InSight, Tom Hoffman, al JPL. “In quel breve lasso di tempo, InSight ha dovuto eseguire autonomamente dozzine di operazioni e svolgerle in modo impeccabile.”

La conferma di un touchdown di successo non è la fine dei problemi che si incontrano sul pianeta rosso. La fase delle operazioni di superficie di InSight è iniziata un minuto dopo il touchdown. Uno dei suoi primi compiti è stato quello di schierare i suoi due pannelli solari decagonali, che forniranno energia. Questo processo inizia 16 minuti dopo l’atterraggio e richiede altri 16 minuti per essere completato.

Il team di InSight si aspetta una conferma dell’apertura dei pannelli solari della navicella. La verifica verrà dalla nave spaziale Odyssey della NASA, attualmente in orbita su Marte. Il segnale dovrebbe raggiungere il controllo della missione di InSight al JPL circa cinque ore e mezza dopo l’atterraggio.

“Siamo alimentati ad energia solare”, ha affermato Hoffman. “Con lo spiegamento dei pannelli che forniscono l’energia necessaria per avviare le operazioni scientifiche, siamo sulla buona strada per indagare a fondo cosa c’è dentro Marte.”

Il sottosuolo di Marte

InSight inizierà a raccogliere dati scientifici entro la prima settimana dopo l’atterraggio, anche se le squadre si concentreranno principalmente sulla preparazione per impostare gli strumenti di InSight sul terreno marziano. Almeno due giorni dopo il touchdown, il team di ingegneri inizierà a distribuire il braccio robotico InSight lungo 5,9 piedi (1,8 metri di lunghezza) in modo che possa scattare immagini del paesaggio.

“L’atterraggio è stato elettrizzante, ma non vedo l’ora che inizi la perforazione”, ha dichiarato l’investigatore principale di InSight, Bruce Banerdt, del JPL. “Quando le prime immagini arriveranno, i nostri team di ingegneri e scienziati sonderanno il terreno, iniziando a pianificare dove schierare i nostri strumenti scientifici. Nel giro di due o tre mesi, il braccio schiererà i principali strumenti scientifici della missione.”

InSight opererà in superficie fino al 24 novembre 2020.

Articolo precedenteUno dei più antichi crateri della Terra scoperto sotto un ghiacciaio della Groenlandia
Articolo successivoLamborghini SC18 Alston, dalla pista alla strada, e viceversa
redazione
La redazione di Newence è composta prevalentemente da collaboratori con competenze maturate in ambito medico, scientifico e tecnologico. Rivedono e discutono in modo critico e analitico i più importanti lavori scientifici pubblicati sulle più autorevoli riviste scientifiche internazionali, fornendo utili spunti di riflessione e aggiornamento per i professionisti della sanità e informazioni affidabili e verificate dedicate al pubblico più vasto.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui