Mars 2020: scelto il sito di atterraggio per la prossima missione su Marte

La NASA ha scelto il cratere di Jezero come sito di atterraggio per la sua prossima missione Mars 2020 dopo una ricerca di cinque anni. Durante questo periodo sono state esaminati i dettagli di oltre 60 località candidate.

La missione del rover è prevista per il luglio 2020 come prossimo passo della NASA nell’esplorazione del pianeta rosso. Non solo cercherà segni di antiche condizioni abitabili e della vita microbica del passato, ma raccoglierà anche campioni di roccia e suolo e li conserverà in un nascondiglio sulla superficie del pianeta. La NASA e l’ESA (European Space Agency) stanno studiando i futuri concetti di missione per recuperare i campioni e riportarli sulla Terra, quindi questo sito di atterraggio prepara le basi per il prossimo decennio di esplorazione di Marte.

Un cratere ricco di informazioni

“Il sito di sbarco nel cratere di Jezero offre terreni geologicamente ricchi, con forme di terra che arrivano fino a 3,6 miliardi di anni, che potrebbero potenzialmente rispondere a domande importanti nell’evoluzione planetaria e nell’astrobiologia”, ha dichiarato Thomas Zurbuchen, amministratore associato della Direzione della missione scientifica della NASA. “Ottenere campioni da quest’area unica rivoluzionerà il modo in cui pensiamo a Marte e alla sua capacità di ospitare la vita.”

Il cratere Jezero si trova sul lato occidentale di Isidis Planitia, un gigantesco bacino d’impatto appena a nord dell’equatore marziano. L’Isidis occidentale presenta alcuni dei paesaggi più antichi e scientificamente interessanti che Marte abbia da offrire.

Il fiume scomparso

Gli scienziati ritengono che il cratere, largo 45 chilometri, un tempo dimora di un antico delta di fiume, avrebbe potuto raccogliere e conservare antiche molecole organiche, e altri potenziali segni di vita microbica, dall’acqua e dai sedimenti che fluivano nel cratere, miliardi di anni fa.

L’antico sistema del lago-delta del cratere di Jezero offre molti promettenti obiettivi di campionamento di almeno cinque diversi tipi di rocce, tra cui argille e carbonati che hanno un alto potenziale per preservare le firme della vita passata.

Inoltre, il materiale trasportato nel delta può contenere un’ampia varietà di minerali all’interno e all’esterno del cratere.

La diversità geologica che rende Jezero così attraente per gli scienziati di Mars 2020 lo rende anche una sfida per gli ingegneri della squadra. Insieme al massiccio delta del fiume e ai piccoli impatti del cratere, il sito contiene numerosi massi e rocce a est, scogliere a ovest e depressioni piene di accumuli di sabbia trasportati dal vento. Una potenziale trappola per il rover.

Un sito di atterraggio ideale  

“La comunità di Marte ha bramato a lungo il valore scientifico di siti come Jezero Crater, e una missione precedente prevedeva di andarci, ma i problemi per un atterraggio sicuro erano considerati proibitivi”, ha detto Ken Farley, scienziato del progetto per Mars 2020 presso il Jet Propulsion Laboratory della NASA. “Ma ciò che era fuori portata è ora concepibile, grazie al team di ingegneri del 2020 e ai progressi nelle tecnologie”.

Quando la ricerca del sito di atterraggio è iniziata, gli ingegneri della missione avevano già perfezionato il sistema di atterraggio in modo tale da ridurre la zona di atterraggio di Mars 2020 a un’area del 50% più piccola di quella predisposta per l’atterraggio del rover Curiosity della NASA, a Gale Crater, nel 2012. Ciò consentiva alla comunità scientifica di considerare luoghi di atterraggio più impegnativi.

Nuovi sistemi di navigazione per atterraggi più sicuri

I siti di maggiore interesse scientifico hanno portato la NASA ad aggiungere una nuova capacità chiamata Terrain Relative Navigation (TRN). Questo sistema di navigazione consentirà una discesa più accurata, in grado di evitare aree pericolose.

La scelta del sito dipende da approfondite analisi e test di verifica della capacità del TRN. “Nulla è stato più difficile nell’esplorazione planetaria robotizzata che atterrare su Marte”, ha detto Zurbuchen. “Il team di ingegneri di Mars 2020 ha fatto un enorme lavoro per prepararci a questa decisione. Il team continuerà il suo lavoro per comprendere veramente il sistema TRN e i rischi correlati, e rivedremo i risultati in modo indipendente per verificare se abbiamo massimizzato le nostre possibilità di successo.”

 

 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

4 × 5 =