Il “Fetzenflieger” Porsche: un’auto da corsa nata dalla passione

Otto Mathé, di origine austriaca, è rimasto con un solo braccio funzionante dopo un incidente in moto nel corso di una gara nel settembre del 1934, con il braccio destro paralizzato al di sotto il gomito. Non che gli impedisca di continuare a partecipare attivamente alle gare motorsport, anzi. Mathé ha un approccio “doppio o niente” e passa alle quattro ruote.

Rinunciare non è mai una possibilità, e da quel momento la sua passione per le auto è interamente dedicata a Porsche. A metà degli anni ’50 diventa sempre più famoso per arrivare ai suoi circuiti preferiti con un veicolo piuttosto insolito: il “Fetzenflieger”.

Il “Fetzenflieger”

Anche se la combinazione di componenti Volkswagen con le prestazioni del motore Porsche rende tecnicamente Monoposto una vettura di Formula 2, Mathé mette sempre a disposizione un set di parafanghi imbullonati, illuminazione, un secondo sedile e una ruota di scorta. In un attimo il suo aggeggio è pronto per competere in altre serie di corse. Con la leva del cambio installata a sinistra – il lato della sua mano ancora funzionante – si appoggia al volante per cambiare marcia: una postura che lo rende famoso in tutto il mondo l’austriaco. Nonostante la sua disabilità fisica, Mathè surclassa regolarmente la concorrenza, lasciando nella sua polvere anche i guidatori più acuti.

La peculiare carriera di Otto Mathé nei turbocompressori Porsche

La vettura da corsa auto-costruita, con telaio di alluminio lavorato a mano che ospita un motore da corsa da 1,5 litri (Spyder), e in seguito un motore Fuhrmann della 356 A Carrera GT, è sicuramente una delle più insolite vetture da corsa Porsche mai viste. Il baricentro estremamente basso, il passo corto e il motore installato davanti all’asse posteriore offrono straordinarie caratteristiche di guida, mentre un peso a vuoto di soli 395 chilogrammi e 130 CV consente un’accelerazione fino a oltre 200 km / h. Ma non è solo per queste qualità che è stato coniato il bizzarro soprannome di “Fetzenflieger” – o “shreds flyer”.

Mathé lascia aperta la pannellatura laterale per facilitare la sostituzione più rapida delle candele quando necessario. Tutto ciò che protegge i carburatori dallo sporco in entrata sono due teli in tessuto sovrapposti, che fungono anche da filtri dell’aria, e occasionalmente i disinnesti accendono il tessuto, e il veicolo in eccesso lascia frammenti fiammeggianti sulla pista.

Dalla sabbia al ghiaccio

Il Fetzenflieger veniva utilizzato principalmente nelle corse su pista di sabbia e nelle gare sul ghiaccio. Un esempio di quest’ultima è la corsa leggendaria che commemora il Dr. h.c. Ferdinand Porsche a Zell am See. Su quel tracciato Otto Mathé ha stabilito un tempo record nel 1956, completando il percorso ghiacciato di quattro chilometri in soli 157 secondi, lasciando il boss di Porsche PR e il pilota Huschke von Hanstein e Richard von Frankenberg a seguire. Quel giorno, circa 3.000 appassionati di sport motoristici sono rimasti affascinati dal Fetzenflieger ai piedi del Großglockner.

 

 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

quindici − dieci =