L’uso di analgesici in gravidanza non sembra associato all’asma infantile

L’uso di analgesici in gravidanza non causa asma infantile nel nascituro. A queste rassicuranti conclusioni è giunto un gruppo di ricercatori svedesi e inglesi che hanno studiato una popolazione di oltre 490.000 soggetti.

La sperimentazione, pubblicata online nelle scorse settimane sullo European Respiratory Journal, si è basata sul precedente riscontro di associazioni tra l’esposizione al paracetamolo in gravidanza e la successiva comparsa di asma infantile nei nascituri.

Paracetamolo in gravidanza e asma

Il paracetamolo è il trattamento di prima linea per il dolore e la febbre in gravidanza. Nonostante il suo largo utilizzo esistono peraltro alcuni studi epidemiologici che hanno indicato la comparsa di effetti avversi nell’infanzia. Tra questi vi sono i disturbi da deficit di attenzione-iperattività, il criptorchidismo, la paralisi cerebrale spastica e l’asma bronchiale.

Questo nuovo studio ha voluto valutare se il legame tra esposizione prenatale agli analgesici e l’asma è specifico per il paracetamolo e se è causale.

Lo studio

I ricercatori hanno sviluppato l’analisi sui dati raccolti da registri sanitari svedesi. Sono stati considerati tutti i potenziali fattori confondenti, gli oppioidi, i farmaci anti-emicrania e il paracetamolo prescritti.

I risultati hanno evidenziato come tutti questi farmaci utilizzati in gravidanza erano associati positivamente al rischio di asma infantile, a tutte le età.

Attenzione però, mentre la valutazione dei fattori correlati al padre non indica la presenza di un confondimento legato alla genetica o all’ambiente condiviso, l’analisi comparativa tra fratelli sembra indicare che le associazioni evidenziate tra esposizione prenatale agli analgesici e asma non sono reali, ma sono confuse da specifici fattori materni.

Gli analgesici sono sicuri in gravidanza

Gli autori di questo studio, prospettano quindi che l’uso del paracetamolo e di altri analgesici in gravidanza non causi asma infantile. D’altra parte, sostengono che quando questa associazione è stata dimostrata potrebbe essere stata influenzata da fattori confondenti intrinseci alla madre, come il dolore cronico o l’ansia.

Va segnalato come le linee guida 2016 della British Society for Rheumatology forniscono dettagliate raccomandazioni sull’uso del paracetamolo e di altri analgesici in gravidanza e nell’allattamento. In particolare, per il paracetamolo indicano che è compatibile nel periodo peri-concezionale e per tutta la gravidanza. È consigliato un uso intermittente a causa di un basso rischio di asma infantile con l’uso prolungato. Ne viene sconsigliato un uso regolare durante le settimane 8-14 della gravidanza a causa di un basso rischio di criptorchidismo.

 

Franco Folino

 

Seif O. Shaheen, et al. Prescribed analgesics in pregnancy and risk of childhood asthma. European Respiratory Journal 2019.

 

 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

18 + 10 =