Home Astronomia I meteoriti che colpiscono la Luna sollevano acqua dalla sua superficie

I meteoriti che colpiscono la Luna sollevano acqua dalla sua superficie

7
0

Un articolo pubblicato online su Nature Geoscience descrive come piccoli impatti di meteoriti sulla Luna sono in grado di far rilasciare dalla superficie del nostro satellite molecole di acqua. Questa ricerca suggerisce inoltre che una piccolissima quantità di acqua è pervasiva nel sottosuolo lunare e preservata fin dai primi tempi in cui si è formata la Luna.

Tracce di acqua sulla superficie della Luna

Una decina di anni fa sono state trovate tracce di acqua sulla superficie della Luna. Non solo nei depositi polari di ghiaccio, come si pensava in precedenza. I ricercatori hanno attribuito l’origine dell’acqua al vento solare e alle meteoriti che costantemente bersagliano la sua superficie. Tuttavia, la fonte e l’estensione di queste tracce d’acqua sono state molto dibattute.

Le rilevazioni di acqua nell’atmosfera lunare

Mehdi Benna e colleghi presentano rilevazioni di quantità anomale elevate ed episodiche di acqua nell’atmosfera lunare da uno strumento a bordo del Lunar Atmosphere and Dust Environment Explorer (LADEE) della NASA. Questa navicella ha orbitato intorno alla Luna da ottobre 2013 ad aprile 2014.

Gli autori hanno scoperto che la maggior parte di questi rilevamenti di acqua atmosferica lunare coincide con 29 flussi di meteoriti che hanno colpito la sua superficie durante il periodo di studio.

Valutando la quantità di acqua rilasciata dai flussi di meteoriti di diverse dimensioni, gli autori stabiliscono che gli 8 cm più superficiali del suolo lunare sono disidratati. Al di sotto di questo, calcolano che sia uniformemente presente acqua a concentrazioni fino a circa lo 0,05%.

L’acqua dispersa nello spazio

Gli autori stimano che gli impatti dei meteoriti sulla Luna causano la perdita di 200 tonnellate di acqua all’anno. Suggeriscono anche che l’acqua del sottosuolo lunare che viene rilasciata sia stata mantenuta fin da quando si è formata la Luna, o poco dopo.

Queste scoperte potrebbero gettare le basi per future indagini sull’origine dell’acqua sulla Luna, che potrebbe in qualche modo coincidere con quello dell’acqua terrestre. Potrebbero inoltre essere utilizzate per progettare sistemi di “distillazione” dell’acqua sulla superficie lunare, a beneficio delle programmate missioni di colonizzazione umana del nostro satellite.

 

Articolo precedenteI fulmini osservati dallo spazio: una ricerca per comprendere meglio il nostro pianeta
Articolo successivoLa diagnosi precoce dei tumori con una macchina a raggi X creata per osservare le stelle
La redazione di Newence è composta prevalentemente da collaboratori con competenze maturate in ambito medico, scientifico e tecnologico. I primi sono medici chirurghi, con specializzazioni in differenti aree e discipline mediche, che rivedono in modo critico e analitico i più importanti lavori scientifici pubblicati sulle più autorevoli riviste scientifiche internazionali, proponendo articoli che forniscono ai professionisti della sanità un agile strumento di aggiornamento. Altri collaboratori, di formazione medica o con altre competenze, contribuiscono alla composizione degli articoli inseriti nelle rubriche di carattere non scientifico, tra cui quelle dedicate ad argomenti sportivi e quelle che propongono temi su viaggi e turismo. La redazione cura inoltre la valutazione, elaborazione e pubblicazione di comunicati stampa di aziende e organizzazioni governative e non governative.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

due × tre =