L’esposizione ai pesticidi fa aumentare il rischio di malattie cardiovascolari

L’esposizione a livelli elevati di pesticidi sul posto di lavoro ha fatto aumentare il rischio di malattie cardiache e ictus in un gruppo di uomini giapponesi americani sani, alle Hawaii. La rilevazione è stata effettuata da una nuova ricerca pubblicata sul Journal of American Heart Association.

“Questo studio sottolinea l’importanza dell’utilizzo di dispositivi di protezione individuale durante l’esposizione ai pesticidi sul lavoro e l’importanza di documentare l’esposizione professionale ai pesticidi nelle cartelle cliniche, nonché di controllare i fattori di rischio standard delle malattie cardiache”, ha affermato Beatriz L. Rodriguez, coautore dello studio e professore di geriatria all’Università delle Hawaii, a Manoa.

Il Kuakini Honolulu Heart Program

I risultati sono gli ultimi emersi dal Kuakini Honolulu Heart Program, che ha arruolato oltre 8.000 uomini giapponesi americani a Oahu tra il 1965 e il 1968. Gli uomini registrati nello studio avevano un’età compresa tra 45 e 68 anni. Da allora il gruppo ha subito diversi esami e i ricercatori stanno anche monitorando tutte le cause di morte e alcuni esiti della malattia. I dati sui tassi di malattie cardiache e ictus erano disponibili fino a dicembre 1999, fino a 34 anni di follow-up.

L’esposizione ai pesticidi è stata stimata utilizzando una scala della Occupational Safety and Health Administration che valuta l’intensità e la durata dell’esposizione professionale per ciascun lavoro.

Un forte aumento del rischio per le malattie cardiovascolari

Rispetto agli uomini che non sono stati esposti ai pesticidi sul lavoro, nei primi 10 anni di follow-up, i ricercatori hanno evidenziato un 45% in più di rischio di sviluppare malattie cardiache o ictus nei soggetti con elevata esposizione ai pesticidi (46% dopo aggiustamento per età e 42% dopo aggiustamento per altri fattori di rischio di malattie cardiache e età). Non vi era alcuna relazione significativa tra un’esposizione da bassa a moderata ai pesticidi e il rischio di malattie cardiache o ictus.

I pesticidi hanno una lunga emivita, quindi gli effetti sulla salute possono verificarsi anni dopo l’esposizione. Analizzando diversi ritardi temporali, i ricercatori hanno scoperto che il massimo effetto dell’esposizione per le malattie cardiache e il rischio di ictus era durante i primi 10 anni.

“Dopo aver seguito gli uomini per 34 anni, il legame tra l’esposizione ai pesticidi sul lavoro e le malattie cardiache e l’ictus non era più significativo. Questo probabilmente perché altri fattori legati all’invecchiamento sono diventati più importanti, mascherando la possibile relazione di pesticidi e malattie cardiovascolari più avanti nella vita”, ha detto Rodriguez.

Solo per i giapponesi

Lo studio è stato condotto solo su uomini di origine giapponese e i risultati potrebbero non essere applicabili a donne o altre razze.

“Precedenti studi hanno scoperto che uomini e donne possono rispondere in modo diverso all’esposizione ai pesticidi. Una classe di pesticidi può provocare attacchi di cuore alle donne, ma non gli uomini e altri pesticidi possono causare malattie cardiache agli uomini ma non le donne. Anche gli ormoni possono svolgere un ruolo nell’impatto dell’esposizione ai pesticidi e nello sviluppo di malattie cardiovascolari “, ha affermato Zara Berg, co-autrice dello studio e professore aggiunto presso il Fort Peck Community College di Poplar, nel Montana.

 

 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

10 − 3 =