Home Cardiologia Gli integratori di calcio e vitamina D potrebbero far aumentare il rischio...

Gli integratori di calcio e vitamina D potrebbero far aumentare il rischio cardiovascolare nelle donne

177
0

Un’analisi di follow-up di uno studio clinico randomizzato ha rilevato che l’uso di integratori di calcio e vitamina D tra le donne in postmenopausa era associato a una diminuzione del rischio di mortalità per cancro, ma a un aumento del rischio di mortalità per malattie cardiovascolari (CVD). L’analisi è stata pubblicata sulla rivista Annals of Internal Medicine.

I rischi per la salute a lungo termine.

Il più grande studio randomizzato sull’integrazione di calcio e vitamina D, completato dalla Women’s Health Initiative (WHI), ha esaminato gli effetti dell’integrazione quotidiana di questi elementi sugli esiti di salute nelle donne in postmenopausa.

I risultati sono stati in gran parte nulli. Tuttavia, la valutazione ventennale degli eventi sanitari e della mortalità nello studio WHI CaD, integrata con i dati del National Death Index, ha fornito l’opportunità di aggiornare i risultati originali e valutare i rischi per la salute a lungo termine.

I ricercatori dell’Università dell’Arizona hanno condotto un’analisi post-hoc di follow-up post-intervento a lungo termine dello studio WHI di intervento randomizzato di 7 anni sull’impiego di integratori di calcio e vitamina D, rispetto al placebo, per valutare i risultati di salute a lungo termine tra le donne in postmenopausa.

I ricercatori hanno cercato l’incidenza di cancro, mortalità specifica per malattia e per tutte le cause, CVD e frattura dell’anca mediante assegnazione randomizzata. Le analisi sono state stratificate anche sull’uso personale degli integratori.

Un rischio inferiore di morire di cancro

Hanno scoperto che le donne assegnate in modo casuale a prendere integratori di calcio e vitamina D avevano un rischio inferiore del 7% di morire di cancro per un periodo di circa 22 anni, rispetto a quelle che assumevano placebo.

Tuttavia, c’era anche un rischio maggiore del 6% di morire di malattie cardiovascolari tra coloro che assumevano gli integratori.

Lo studio non ha riscontrato alcun effetto complessivo significativo su altre misure, inclusa la mortalità per tutte le cause. Gli autori hanno sottolineato che l’incidenza del cancro sembrava dipendere dal fatto che le donne stessero già assumendo integratori prima dell’inizio dello studio.

 

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui