Home Cardiologia La depressione fa aumentare di più il rischio cardiovascolare nelle donne rispetto...

La depressione fa aumentare di più il rischio cardiovascolare nelle donne rispetto agli uomini

172
0

E’ ben noto che le persone con depressione hanno un rischio maggiore di malattie cardiovascolari (CVD). Tuttavia, secondo un nuovo studio pubblicato recentemente sul JACC: Asia, più donne soffrono di malattie cardiovascolari a seguito di una diagnosi di depressione rispetto agli uomini.

Lo studio indaga la connessione tra depressione e CVD, facendo luce sui potenziali meccanismi che contribuiscono alle differenze basate sul genere e sottolineando l’importanza di adattare le strategie di prevenzione e gestione delle CVD in base a fattori specifici del genere.

La depressione

La depressione è la terza causa di morbilità nel mondo. Ricerche precedenti mostrano che è associata a un aumento del rischio di eventi cardiovascolari, tra cui infarto del miocardio, angina, ictus e mortalità cardiovascolare. Le donne con depressione corrono un rischio relativo maggiore di sviluppare esiti negativi sulla salute legati al cuore, rispetto agli uomini. Ci sono però ancora incertezze sulle differenze di genere nell’impatto della depressione sulla salute del cuore e i meccanismi alla base di queste differenze non sono ancor del tutto chiari.
“L’identificazione di fattori sesso-specifici negli effetti avversi della depressione sugli esiti cardiovascolari può aiutare nello sviluppo di strategie mirate di prevenzione e trattamento che affrontino i rischi CVD specifici affrontati dai pazienti depressi”, ha affermato Hidehiro Kaneko, assistente professore presso l’Università di Los Angeles e l’Università di Tokyo, in Giappone. “Una migliore comprensione consentirà agli operatori sanitari di ottimizzare la cura sia per gli uomini che per le donne con depressione, portando a migliori esiti CVD per queste popolazioni”.

L’associazione tra depressione ed eventi cardiovascolari

I ricercatori hanno valutato l’associazione tra depressione e successivi eventi cardiovascolari, conducendo uno studio osservazionale di coorte, utilizzando il JMDC Claims Database tra il 2005 e il 2022.

Hanno identificato 4.125.720 partecipanti che soddisfacevano i criteri dello studio. L’età media era di 44 (36-52) anni e 2.370.986 partecipanti erano uomini. La depressione è stata definita come quella diagnosticata clinicamente prima del controllo sanitario iniziale.

Utilizzando protocolli standardizzati, lo studio ha raccolto l’indice di massa corporea (BMI), la pressione sanguigna e i valori di laboratorio a digiuno dei partecipanti al loro controllo sanitario iniziale. L’outcome primario era un endpoint composito che comprendeva infarto del miocardio, angina pectoris, ictus, insufficienza cardiaca (HF) e fibrillazione atriale (AF).
I ricercatori hanno analizzato la significatività statistica delle differenze nelle caratteristiche cliniche tra i partecipanti con e senza depressione.

Un rischio più elevato

I risultati indicano che l’hazard ratio di depressione per le malattie cardiovascolari era 1,39 negli uomini e 1,64 nelle donne, rispetto ai partecipanti senza depressione. I modelli indicano anche che i rapporti di rischio di depressione per infarto miocardico, angina pectoris, ictus, scompenso cardiaco e fibrillazione atriale erano più alti per le donne che per gli uomini.
Gli autori dello studio evidenziano un’importante discussione riguardante i potenziali meccanismi che potrebbero contribuire al motivo per cui la depressione ha un impatto maggiore sulla salute cardiaca delle donne rispetto a quella degli uomini. Una spiegazione è che le donne potrebbero manifestare sintomi di depressione più gravi e persistenti rispetto agli uomini, e potrebbero avere maggiori probabilità di soffrire di depressione durante periodi critici di cambiamenti ormonali, come la gravidanza o la menopausa.

Altri meccanismi includono la maggiore suscettibilità delle donne ai fattori di rischio tradizionali quando sono depresse, come l’ipertensione, il diabete e l’obesità, che possono contribuire allo sviluppo di malattie cardiovascolari. Anche le differenze nell’utilizzo dell’assistenza sanitaria e nel trattamento tra uomini e donne e le differenze sesso-specifiche nei fattori biologici, come la genetica e i profili ormonali, possono aumentare il rischio di malattie cardiovascolari nelle donne.

L’impatto delle differenze di genere

“Il nostro studio ha rilevato che l’impatto delle differenze di genere sull’associazione tra depressione ed esiti cardiovascolari era coerente”, ha detto Kaneko. “Gli operatori sanitari devono riconoscere l’importante ruolo della depressione nello sviluppo della malattia cardiovascolare e sottolineare l’importanza di un approccio globale e centrato sul paziente alla sua prevenzione e gestione. Valutare il rischio di malattie cardiovascolari nei pazienti depressi e trattare e prevenire la depressione può portare a una diminuzione dei casi di malattie cardiovascolari”.

I limiti dello studio includono l’incapacità di stabilire una causalità diretta tra depressione ed eventi cardiovascolari e l’incapacità di riflettere accuratamente la gravità o la durata dei sintomi depressivi. Non sono stati presi in considerazione i potenziali fattori confondenti che potrebbero influenzare l’associazione tra depressione e le malattie cardiovascolari, come lo stato socioeconomico. I ricercatori riconoscono che anche il COVID-19 potrebbe aver costituito un fattore confondente.

 

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui