Home Cardiologia Bere più di due litri a settimana di bevande zuccherate fa aumentare...

Bere più di due litri a settimana di bevande zuccherate fa aumentare il rischio di fibrillazione atriale

175
0

Secondo una nuova ricerca gli adulti che hanno riferito di bere in una settimana due litri o più di bevande zuccherate, o zuccherate artificialmente, avevano un rischio maggiore di sviluppare una fibrillazione atriale rispetto agli adulti che bevevano tali bevande in quantità minore.

Lo studio, pubblicato recentemente sulla rivista Circulation: Arrhythmia and Electrofisiology, ha anche scoperto che bere un litro o meno a settimana di succo puro e non zuccherato, come quello di arancia o di verdura, era associato a un minor rischio di sviluppare la stessa aritmia.

Tuttavia, dato il disegno sperimentale, i ricercatori non hanno potuto confermare una causa diretta tra bevande zuccherate e fibrillazione atriale, ma solo un’associazione, che è stata confermata anche dopo aver tenuto conto della suscettibilità genetica a questa aritmia.

Ridurre o evitare le bevande zuccherate

Precedenti studi avevano già collegato il consumo di bevande zuccherate al diabete di tipo 2 e all’obesità. Questa nuova ricerca condotta sui dati sanitari della Biobanca del Regno Unito è tra i primi a valutare un possibile legame tra bevande zuccherate, o zuccherate artificialmente, e fibrillazione atriale.

La fibrillazione atriale è un’aritma può anche non essere percepita dal paziente, ma che fa aumentare di cinque volte il rischio di ictus. Secondo le statistiche 2024 Heart Disease and Stroke Statistics dell’American Heart Association si prevede che più di 12 milioni di persone avranno fibrillazione atriale entro il 2030.

“I risultati del nostro studio non possono concludere in modo definitivo che una bevanda comporti più rischi per la salute di un’altra a causa della complessità della nostra dieta e perché alcune persone possono bere più di un tipo di bevanda”, ha affermato l’autore principale dello studio Ningjian Wang, ricercatore presso lo Shanghai Ninth People’s Hospital e la Shanghai Jiao Tong University School of Medicine di Shanghai, in Cina. “Tuttavia, sulla base di questi risultati, raccomandiamo alle persone di ridurre o addirittura evitare le bevande zuccherate e zuccherate artificialmente quando possibile. Non dare per scontato che bere bevande zuccherate artificialmente a basso contenuto di zuccheri e a basso contenuto calorico sia salutare, potrebbe comportare potenziali rischi per la salute.

Questionari dietetici e dei dati genetici di oltre 200.000 adulti

I ricercatori hanno esaminato i dati dei questionari dietetici e dei dati genetici di oltre 200.000 adulti privi di fibrillazione atriale al momento dell’iscrizione alla Biobanca del Regno Unito, tra il 2006 e il 2010. Durante il periodo di follow-up di quasi 10 anni, ci sono stati 9.362 casi di fibrillazione atriale tra i partecipanti allo studio.

Dall’analisi dei dati è emerso che rispetto alle persone che non consumavano bevande zuccherate, c’era un aumento del rischio di fibrillazione atriale del 20% tra le persone che affermavano di bere più di 2 litri a settimana di bevande zuccherate artificialmente; e un aumento del rischio del 10% tra i partecipanti che hanno riferito di bere 2 litri o più a settimana di bevande zuccherate.

Le persone che affermavano di bere 1 litro o meno di succo di frutta puro ogni settimana avevano un rischio inferiore dell’8% di fibrillazione atriale.

I partecipanti che consumavano più bevande zuccherate artificialmente avevano maggiori probabilità di essere donne, più giovani, con un indice di massa corporea più elevato e una maggiore prevalenza di diabete di tipo 2.

I partecipanti che consumavano più bevande zuccherate avevano maggiori probabilità di essere maschi, più giovani, con un indice di massa corporea più elevato, una maggiore prevalenza di malattie cardiache e uno status socioeconomico inferiore.

Coloro che bevevano bevande zuccherate e succhi puri avevano maggiori probabilità di avere un apporto maggiore di zucchero totale rispetto a quelli che bevevano bevande zuccherate artificialmente.

Fumo e fibrillazione atriale

Anche il fumo potrebbe aver influito sul rischio: i fumatori che bevevano più di due litri a settimana di bevande zuccherate avevano un rischio di fibrillazione atriale più elevato del 31%, mentre non è stato notato alcun aumento significativo del rischio per gli ex fumatori o per le persone che non avevano mai fumato.

“Questi nuovi risultati sulle relazioni tra il rischio di fibrillazione atriale e le bevande zuccherate e zuccherate artificialmente e i succhi puri possono stimolare lo sviluppo di nuove strategie di prevenzione, considerando la riduzione delle bevande zuccherate per contribuire a migliorare la salute del cuore”, ha affermato Wang.

I ricercatori hanno anche valutato se la predisposizione genetica alla fibrillazione atriale fosse un fattore nell’associazione con le bevande zuccherate. L’analisi ha rilevato che il rischio di fibrillazione atriale era elevato con il consumo di più di 2 litri di bevande zuccherate artificialmente a settimana, indipendentemente dalla predisposizione genetica.

I meccanismi che collegano bevande zuccherate e fibrillazione atriale

“Sebbene i meccanismi che collegano le bevande zuccherate e il rischio di fibrillazione atriale non siano ancora chiari, ci sono diverse possibili spiegazioni, tra cui la resistenza all’insulina e la risposta del corpo a diversi dolcificanti”, ha detto Wang. “I dolcificanti artificiali presenti negli alimenti e nelle bevande includono principalmente sucralosio, aspartame, saccarina e acesulfame.”

Un documento del 2018 dell’American Heart Association ha rilevato che vi è una scarsità di studi randomizzati ampi, a lungo termine sull’efficacia e sulla sicurezza dei dolcificanti artificiali. Il gruppo di scrittura ha sconsigliato il consumo prolungato di bevande zuccherate ipocaloriche da parte dei bambini. Tuttavia, hanno notato che le bevande zuccherate artificialmente possono essere un’utile strategia sostitutiva per ridurre il consumo di bevande zuccherate tra gli adulti che abitualmente bevono bevande zuccherate.

Kris-Etherton, professore emerito di scienze della nutrizione alla Penn State University, è stato coautore del parere scientifico dell’associazione sui dolcificanti artificiali.

“Questo è il primo studio a segnalare un’associazione tra dolcificanti ipocalorici e ipocalorici e anche bevande zuccherate e aumento del rischio di fibrillazione atriale”, ha affermato. “Mentre esistono prove solide sugli effetti avversi delle bevande zuccherate e sul rischio di malattie cardiovascolari, ci sono meno prove sulle conseguenze negative sulla salute dei dolcificanti artificiali.

“Abbiamo ancora bisogno di ulteriori ricerche su queste bevande per confermare questi risultati e per comprendere appieno tutte le conseguenze sulla salute delle malattie cardiache e di altre condizioni di salute. Nel frattempo, l’acqua è la scelta migliore e, sulla base di questo studio, le bevande zuccherate senza o con poche calorie dovrebbero essere limitate o evitate”.

 

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui