Solar Orbiter: la missione che svelerà i segreti nascosti nei poli del Sole

L’astronave Solar Orbiter, parte di una nuova missione collaborativa tra l’ESA (Agenzia spaziale europea) e la NASA per studiare il Sole, è stata lanciata nelle scorse settimane dalla stazione aeronautica di Cape Canaveral in Florida.

Poche ore dopo il lancio i controllori di missione presso il Centro operativo spaziale europeo di Darmstadt, in Germania, hanno ricevuto un segnale dall’astronave che indicava l’apertura con successo dei suoi pannelli solari.

Le immagini ravvicinate dei poli del Sole

Nei primi due giorni dopo il lancio, Solar Orbiter ha dispiegato strumenti e diverse antenne che comunicheranno con la Terra e raccoglieranno dati scientifici. Solar Orbiter è su una traiettoria unica che consentirà al suo set completo di strumenti di fornire all’umanità le prime immagini in assoluto dei poli del Sole.

Questa traiettoria comprende 22 avvicinamenti al Sole, portando l’astronave all’interno dell’orbita di Mercurio per studiare il Sole e la sua influenza sullo spazio.

“Come esseri umani, abbiamo sempre avuto familiarità con l’importanza del Sole per la vita sulla Terra, osservandolo e indagando su come funziona in dettaglio, ma sappiamo anche da tempo che ha il potenziale per interrompere la vita di tutti i giorni se dovessimo essere nel fuoco linea di una potente tempesta solare”, ha detto Günther Hasinger, direttore scientifico dell’ESA. “Entro la fine della nostra missione Solar Orbiter, sapremo di più sulla forza nascosta responsabile del comportamento mutevole del Sole e della sua influenza sul nostro pianeta natale”.

Solar Orbiter impiegherà circa tre mesi nella sua fase di messa in servizio, durante la quale la squadra della missione eseguirà i controlli sui dieci strumenti scientifici del veicolo spaziale, per assicurarsi che funzionino correttamente. Ci vorranno circa due anni perché il Solar Orbiter raggiunga la sua orbita scientifica primaria.

Solar Orbiter: le misure sul Sole

Solar Orbiter combina due principali modalità di studio. Gli strumenti in situ misurano l’ambiente attorno all’astronave, rilevando campi elettrici e magnetici e il passaggio di particelle e onde. Gli strumenti di telerilevamento valuteranno il Sole da lontano, insieme alla sua atmosfera e al suo deflusso di materiale, raccogliendo dati che aiuteranno gli scienziati a comprendere il funzionamento interno del Sole.

Durante la fase di crociera della missione, che dura fino al novembre 2021, gli strumenti in situ del veicolo spaziale raccoglieranno dati scientifici sull’ambiente intorno al veicolo spaziale, mentre i telescopi di telerilevamento si concentreranno sulla calibrazione, per prepararsi alle operazioni scientifiche vicino al Sole. La fase di crociera prevede tre assistenze gravitazionali che Solar Orbiter utilizzerà per avvicinare la sua orbita al Sole: due con passaggi su Venere, nel dicembre 2020 e in agosto 2021 e uno sulla Terra, nel novembre 2021.

Solar Orbiter: il passaggio ravvicinato sui poli del Sole

In seguito all’aiuto gravitazionale terrestre, Solar Orbiter inizierà la fase primaria della sua missione – che la porterà al suo primo passaggio ravvicinato sul Sole nel 2022 – a circa un terzo della distanza dal Sole alla Terra. Durante la sua missione, Solar Orbiter utilizzerà i successivi assist di gravità di Venere per avvicinare la sua orbita al Sole e sollevarla dal piano dell’eclittica.

L’esclusiva orbita dell’orbita solare porterà la navicella spaziale fuori dal piano che si allinea approssimativamente con l’equatore del Sole in cui orbitano la Terra e gli altri pianeti. I veicoli spaziali lanciati dalla Terra rimangono naturalmente su questo piano, il che significa che i telescopi sulla Terra e i telescopi sui satelliti hanno viste limitate dei poli nord e sud del Sole.

Una precedente missione ESA-NASA, Ulisse, lanciata nel 1990, ha raggiunto un’orbita inclinata dando agli scienziati le loro prime misurazioni dello spazio attorno al Sole in questa regione critica. A differenza di Ulisse, Solar Orbiter trasporta telecamere che forniranno le prime immagini in assoluto dei poli del Sole. Questa informazione vitale aiuterà gli scienziati a colmare le lacune nei modelli del campo magnetico del Sole, che guida l’attività del Sole.

Nuove conoscenze sulla nostra stella

“Solar Orbiter farà cose straordinarie. In combinazione con le altre missioni della NASA recentemente lanciate per studiare il Sole, stiamo acquisendo nuove conoscenze senza precedenti sulla nostra stella”, ha affermato Thomas Zurbuchen, amministratore associato della NASA per la scienza presso la sede dell’agenzia a Washington. “Insieme ai nostri partner europei, stiamo entrando in una nuova era di eliofisica che trasformerà lo studio del Sole e contribuirà a rendere più sicuri gli astronauti mentre viaggiano nelle missioni del programma Artemis sulla Luna.”

Il Centro europeo di ricerca e tecnologia spaziale dell’ESA nei Paesi Bassi gestisce gli sforzi di sviluppo. Il Centro operativo spaziale europeo in Germania gestirà il Solar Orbiter dopo il lancio. Solar Orbiter è stato costruito da Airbus Defence and Space. Il veicolo spaziale contiene dieci strumenti. Nove sono stati forniti dagli Stati membri dell’ESA e dall’ESA. La NASA ha fornito uno strumento, il Solar Orbiter Heliospheric Imager (SoloHI) e un sensore aggiuntivo, il sensore di ioni pesanti, che fa parte della suite di strumenti per analizzare il vento solare.

 

 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

5 × uno =