Home Astronomia Lo straripamento dei laghi su Marte ha disegnato antiche valli fluviali

Lo straripamento dei laghi su Marte ha disegnato antiche valli fluviali

236
0
Example of a lake basin on Mars (center) and associated large outlet canyon (extending to the northwest from the basin margins), which formed from catastrophic lake breach flooding. Credit: THEMIS (NASA/JPL-Caltech/Arizona State University) and MOLA (NASA/GSFC/MOLA Science Team), Timothy A. Goudge.

Secondo un recente articolo, pubblicato recentemente sulla rivista Nature, circa un quarto dell’erosione delle antiche valli fluviali su Marte sarebbero state causate da inondazioni dovute allo straripamento di laghi. Questi risultati forniscono informazioni fondamentali sulla formazione della rete di valli fluviali marziane.

Le inondazioni lacustri di Marte

Si ritiene che l’attività delle acque superficiali sull’antico pianeta Marte sia stata responsabile dell’erosione delle valli fluviali del pianeta e del riempimento dei suoi laghi, durante un’era di formazione di reti di valli che si è conclusa per lo più intorno a 3,5-3,7 miliardi di anni fa. È stata descritta l’importanza delle inondazioni lacustri per l’incisione di ampie valli fluviali a scala locale. Tuttavia, su scala più ampia, si presume spesso che questa rete sia probabilmente il risultato di processi erosivi più persistenti e graduali dovuti al ciclo dell’acqua distribuito su Marte.

adv

Timothy Goudge e colleghi hanno studiato la forma del paesaggio marziano in aree in cui un tempo l’acqua liquida scorreva attraverso antiche valli fluviali.

Un’antica rete di valli fluviali

I risultati dimostrano che su Marte lo straripamento dell’acqua immagazzinata nei laghi ha avuto un ruolo cruciale nella formazione dell’antica rete di valli fluviali del pianeta. In effetti, si è scoperto che queste inondazioni di straripamento sono responsabili della rapida erosione di almeno il 24% del volume delle valli incise sul primo Marte, nonostante gli stessi canyon di straripamento del lago rappresentino solo una piccola frazione (circa il 3%) della lunghezza totale della valle.

Gli autori concludono che questi eventi di inondazione non solo sono stati importanti per l’erosione della valle – per puro contributo volumetrico – ma hanno anche successivamente influenzato l’evoluzione del più ampio paesaggio marziano, in particolare gli altopiani craterizzati. Tali eventi dovrebbero quindi essere considerati quando si studiano le proprietà delle valli fluviali marziane e anche quando si confronta il modo in cui i fiumi interagiscono e influenzano le caratteristiche del paesaggio marziano rispetto ai sistemi geomorfologici esistenti sulla Terra.

 

 

Articolo precedenteAnticoagulanti orali diretti: tassi più elevati di sanguinamento gastrointestinale con rivaroxaban
Articolo successivoCOVID-19: Le dosi di richiamo del vaccino Moderna fanno aumentare gli anticorpi
La redazione di Newence è composta prevalentemente da collaboratori con competenze maturate in ambito medico, scientifico e tecnologico. Rivedono e discutono in modo critico e analitico i più importanti lavori scientifici pubblicati sulle più autorevoli riviste scientifiche internazionali, fornendo utili spunti di riflessione e aggiornamento per i professionisti della sanità e informazioni affidabili e verificate dedicate al pubblico più vasto.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

18 − dodici =