Home Cardiologia I magneti di telefonini e tablet possono interferire con pacemaker e defibrillatori...

I magneti di telefonini e tablet possono interferire con pacemaker e defibrillatori impiantabili (ICD)

119
0
Courtesy Medtronic Inc.

La tecnologia magnetica viene sempre più utilizzata nei dispositivi elettronici portatili, come la custodia di ricarica Apple AirPods Pro, l’Apple Pencil 2nd Generation e la Microsoft Surface Pen. Tuttavia, se i dispositivi vengono trasportati in tasche vicino al torace e l’individuo ha un dispositivo cardiaco impiantato, come un defibrillatore, i magneti possono interferire con la capacità del dispositivo di intervenire quando necessario. L’allarme viene lanciato da una nuova ricerca, pubblicata recentemente sulla rivista Circulation: Arrhythmia and Electrophysiology.

“Se hai un dispositivo elettronico portatile nel petto e hai una storia di tachicardia, con un ICD, i potenti magneti in questi dispositivi potrebbero disabilitare il tuo defibrillatore”, ha affermato l’autore principale dello studio Corentin Féry, un ingegnere ricercatore presso l’Università di scienze applicate e arti della Svizzera nordoccidentale, Istituto di ingegneria medica e informatica medica a Muttenz, in Svizzera.

adv

Un’area di influenza magnetica

I dispositivi e i macchinari con magneti mostrano un campo vettoriale o un’area di influenza magnetica che può inibire i generatori di impulsi per ICD e pacemaker impiantati. Negli ICD, i magneti possono attivare un interruttore che impedisce all’ICD di erogare gli shock. I dispositivi elettronici portatili più recenti dotati di potenti magneti possono così interrompere il funzionamento dell’ICD. Ricerche precedenti sull’iPhone 12 Pro Max hanno dimostrato che il suo campo magnetico è abbastanza forte da interferire con il normale funzionamento di un pacemaker impiantato o di un ICD se tenuto entro un pollice di distanza (2,54 cm).

In questo nuovo studio i ricercatori hanno testato l’uscita del campo magnetico della custodia di ricarica wireless di Apple AirPods Pro, Microsoft Surface Pen e Apple Pencil di seconda generazione. La loro intensità del campo magnetico è stata misurata e confrontata con l’iPhone 12 Pro Max.

Utilizzando un mappatore magnetico con 64 sensori magnetici, i ricercatori hanno misurato l’intensità del campo magnetico di questi prodotti a varie distanze. I dispositivi elettronici portatili sono stati inoltre posizionati sempre più vicino a cinque defibrillatori di due produttori rappresentativi, non impiantati in pazienti, fino a quando non si è verificata la disattivazione del dispositivo. Queste distanze costituiscono quindi la minima distanza di sicurezza alla quale si è effettivamente verificata un’interazione.

Potenziali rischi dei dispositivi elettronici portatili

La distanza massima per una possibile interazione tra i dispositivi elettronici portatili e i dispositivi cardiaci impiantabili è risultata di circa 2 cm per tutti i prodotti Apple e di 2,9 cm per la Microsoft Surface Pen.
Mentre i risultati dei test hanno mostrato la distanza massima per una possibile interazione con gli ICD, i ricercatori hanno affermato che per sicurezza la distanza minima è compresa tra 0,8 cm per iPhone 12 Pro Max e Apple Pencil 2nd Generation e 1,8 cm per la Microsoft Surface Pen e la custodia di ricarica aperta dell’Apple AirPods Pro.

“Il pubblico deve essere consapevole dei potenziali rischi dei dispositivi elettronici portatili oltre all’iPhone 12 Pro Max che possono interessare chiunque abbia un ICD”, ha affermato il coautore dello studio Sven Knecht, ingegnere ricercatore dell’Istituto di ricerca cardiovascolare di Basilea, presso l’Ospedale universitario di Basilea, in Svizzera. “La cosa più preoccupante è che i magneti vengono utilizzati in un numero sempre maggiore di dispositivi elettronici portatili e, con così tanti magneti intorno a noi, il rischio per i pazienti cardiaci è ancora maggiore”.

“Questi dispositivi possono causare problemi se trasportati nella tasca della camicia o della giacca davanti al petto, così come quando sei sdraiato sul divano e appoggi il dispositivo elettronico sul petto, o se ti addormenti con il dispositivo elettronico. La cosa principale da ricordare è che qualsiasi dispositivo elettronico può essere un pericolo, specialmente quelli con un magnete all’interno.”

Sigarette elettroniche e matite per tablet

In futuro, i ricercatori intendono concentrarsi i test sulle sigarette elettroniche, altre matite per tablet e altri dispositivi elettronici portatili, per la loro potenziale interazione con i dispositivi cardiaci. “Con così tanti prodotti imitativi e accessori disponibili, potrebbe esserci un problema per il pubblico nel sapere quali prodotti comportano maggiori rischi”, ha affermato Knecht.

Una delle principali limitazioni dello studio è il fatto che non sia stato condotto su ICD impiantati nei pazienti. “Nelle persone con ICD, l’impatto dell’interazione magnetica dipenderà dall’individuo e dalla sua salute generale”, ha affermato Knecht. “Questa ricerca è stato il primo passo per identificare l’importanza di valutare alcuni prodotti per la sicurezza. Il passo successivo è confermare queste interazioni testando i dispositivi impiantati in pazienti volontari che si trovano in ospedale per i test di routine”.

L’American Heart Association raccomanda di tenere i telefoni cellulari ad almeno sei pollici (circa 15 cm) di distanza da ICD o pacemaker, utilizzandoli sull’orecchio opposto all’impianto ed evitare di tenere il telefono cellulare in una tasca frontale del petto.

“L’American Heart Association e i produttori di pacemaker e defibrillatori impiantabili hanno da tempo raccomandato che i magneti devono essere tenuti lontani da questi dispositivi impiantati.

Un recente studio pubblicato sul Journal of the American Heart Association ha riportato che il campo magnetico indotto nella bobina del ricevitore dell’iPhone 12 Pro Max può causare interferenze magnetiche clinicamente identificabili nei pacemaker e negli ICD”, ha affermato NA Mark A. Estes, professore di medicina e direttore del Clinical Cardiac Electrophysiology Fellowship Program presso l’Heart and Vascular Institute della University of Pittsburgh School of Medicine. “L’attuale studio estende le osservazioni sulle interazioni del campo magnetico con ancora più dispositivi contenenti magneti“.

Articolo precedenteSartani e cancro: nuove conferme su una possibile associazione
Articolo successivoCOVID-19: la malattia causa danni sostanziali al cervello
redazione
La redazione di Newence è composta prevalentemente da collaboratori con competenze maturate in ambito medico, scientifico e tecnologico. Rivedono e discutono in modo critico e analitico i più importanti lavori scientifici pubblicati sulle più autorevoli riviste scientifiche internazionali, fornendo utili spunti di riflessione e aggiornamento per i professionisti della sanità e informazioni affidabili e verificate dedicate al pubblico più vasto.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

quattro − 1 =