Home Covid-19 COVID-19: quasi 20 milioni di decessi prevenuti grazie ai vaccini nel primo...

COVID-19: quasi 20 milioni di decessi prevenuti grazie ai vaccini nel primo anno di campagna

280
0
Da: Weekly epidemiological update - 15 December 2020 on COVID-19 pandemic - WHO.

I vaccini COVID-19 hanno ridotto di oltre la metà il potenziale bilancio delle vittime nel mondo durante la pandemia nell’anno successivo alla loro implementazione. La stima arriva da uno studio pubblicato recentemente nella rivista The Lancet Infectious Diseases.

Nel primo anno del programma di vaccinazione, 19,8 milioni su potenziali 31,4 milioni di decessi per COVID-19 sono stati prevenuti in tutto il mondo, in base ai dati provenienti da 185 paesi e territori.

adv

Lo studio stima che si sarebbero potute salvare altre 599.300 vite se l’obiettivo dell’Organizzazione Mondiale della Sanità di vaccinare il 40% della popolazione in ciascun paese con due o più dosi entro la fine del 2021 fosse stato raggiunto.

L’iniziativa COVAX

Il dottor Oliver Watson, autore principale dello studio, dell’Imperial College London, ha dichiarato: “I nostri risultati offrono la valutazione più completa fino ad oggi del notevole impatto globale che la vaccinazione ha avuto sulla pandemia di COVID-19. Dei quasi 20 milioni di decessi che si stima siano stati prevenuti nel primo anno dopo l’introduzione dei vaccini, quasi 7,5 milioni di decessi sono stati prevenuti nei paesi coperti dall’iniziativa COVID-19 Vaccine Access (COVAX). Questa iniziativa è stata istituita perché era chiaro fin dall’inizio che l’equità globale del vaccino sarebbe stata l’unica via d’uscita dalla pandemia. I nostri risultati mostrano che probabilmente milioni di vite sono state salvate rendendo i vaccini disponibili a persone ovunque, indipendentemente dalla loro ricchezza. Tuttavia, si sarebbe potuto fare di più. Se gli obiettivi fissati dall’OMS fossero stati raggiunti, stimiamo che circa 1 vita su 5 stimata persa a causa del COVID-19 nei paesi a basso reddito avrebbe potuto essere evitata”.

Una strategia globale per vaccinare il 70% della popolazione mondiale

Da quando il primo vaccino contro il COVID-19 è stato somministrato al di fuori di una sperimentazione clinica l’8 dicembre 2020, quasi due terzi della popolazione mondiale ha ricevuto almeno una dose di un vaccino contro il COVID-19 (66%). L’iniziativa COVAX ha facilitato l’accesso a vaccini a prezzi accessibili per i paesi a basso reddito per cercare di ridurre le disuguaglianze, con l’obiettivo iniziale di somministrare due dosi di vaccino al 20% della popolazione nei paesi coperti dall’impegno entro la fine del 2021. L’Organizzazione Mondiale della Sanità ha ampliato questo obiettivo definendo una strategia globale per vaccinare completamente il 70% della popolazione mondiale entro la metà del 2022, con l’obiettivo provvisorio di vaccinare il 40% della popolazione di tutti i paesi entro la fine del 2021.

Nonostante l’incredibile velocità di introduzione del vaccino in tutto il mondo, sono stati segnalati oltre 3,5 milioni di decessi per COVID-19 da quando è stato somministrato il primo vaccino nel dicembre 2020.

Diversi studi hanno cercato di stimare l’impatto della vaccinazione sul corso della pandemia. Questi studi si sono concentrati su regioni specifiche, come singoli paesi, stati o città. L’ultimo studio è il primo a stimare l’impatto delle vaccinazioni COVID-19 su scala globale e il primo a valutare il numero di decessi evitati sia direttamente che indirettamente.

Lo studio basato su modelli matematici

Gregory Barnsley, primo co-autore dello studio, dell’Imperial College London, ha dichiarato: “Quantificare l’impatto che la vaccinazione ha avuto a livello globale è difficile, perché l’accesso ai vaccini varia da paese a paese, così come la nostra comprensione di quali varianti di COVID-19 sono state circolanti, con dati sulla sequenza genetica molto limitati disponibili per molti paesi. Inoltre, non è possibile misurare direttamente quanti decessi si sarebbero verificati senza vaccinazioni. I modelli matematici offrono uno strumento utile per valutare scenari alternativi, che non possiamo osservare direttamente nella vita reale”.

Per stimare l’impatto dei programmi di vaccinazione globali, i ricercatori hanno utilizzato un modello consolidato di trasmissione di COVID-19, utilizzando dati a livello nazionale per i decessi registrati ufficialmente per COVID-19 verificatisi tra l’8 dicembre 2020 e l’8 dicembre 2021. Per tenere conto della sottostima dei decessi nei paesi con sistemi di sorveglianza più deboli, hanno effettuato un’analisi separata basata sul numero di decessi in eccesso registrati al di sopra di quelli che ci si sarebbe aspettati nello stesso periodo di tempo. Laddove i dati ufficiali non erano disponibili, il gruppo ha utilizzato le stime dell’eccesso di mortalità per tutte le cause. Queste analisi sono state confrontate con uno scenario ipotetico alternativo in cui non sono stati somministrati vaccini.

Una riduzione globale del 79%

Il modello ha tenuto conto della variazione dei tassi di vaccinazione tra i paesi, nonché delle differenze nell’efficacia del vaccino in ciascun paese in base ai tipi di vaccino noti per essere stati prevalentemente utilizzati in quelle aree. In particolare, la Cina non è stata inclusa nell’analisi a causa della sua numerosa popolazione e delle misure di blocco molto rigide, che avrebbero distorto i risultati.

I ricercatori hanno scoperto che, sulla base dei decessi per COVID-19 registrati ufficialmente, si sarebbero verificati circa 18,1 milioni di decessi durante il periodo di studio se le vaccinazioni non fossero state attuate. Di questi, il modello stima che la vaccinazione abbia impedito 14,4 milioni di decessi, rappresentando una riduzione globale del 79%. Questi risultati non tengono conto della sottostima dei decessi COVID-19, che è comune nei paesi a basso reddito. La squadra ha fatto una ulteriore analisi basata sul totale dei decessi in eccesso durante lo stesso periodo di tempo per tenere conto di ciò. Hanno scoperto che la vaccinazione COVID-19 ha impedito circa 19,8 milioni di decessi su un totale di 31,4 milioni di potenziali decessi che si sarebbero verificati senza vaccinazione, una riduzione del 63%.

Più di tre quarti (79%, 15,5 milioni/ 19,8 milioni) dei decessi evitati sono dovuti alla protezione diretta contro i sintomi gravi fornita dalla vaccinazione, con conseguente riduzione dei tassi di mortalità. Si stima che i restanti 4,3 milioni di decessi evitati siano stati prevenuti grazie alla protezione indiretta dalla ridotta trasmissione del virus nella popolazione e dal ridotto onere per i sistemi sanitari, migliorando così l’accesso alle cure mediche per i più bisognosi.

Il numero di decessi evitati è stato maggiore nei paesi ad alto reddito

Lo studio ha rilevato che l’impatto del vaccino è cambiato nel tempo e in diverse aree del mondo con il progredire della pandemia. Nella prima metà del 2021, il maggior numero di decessi evitati dalla vaccinazione è stato riscontrato nei paesi a reddito medio-basso, a causa della significativa ondata epidemica in India con l’emergere della variante Delta. Ciò si è successivamente spostato sull’impatto maggiore concentrandosi nei paesi a reddito più elevato nella seconda metà del 2021, poiché le restrizioni sui viaggi e la mescolanza sociale sono state allentate in alcune aree portando a una maggiore trasmissione del virus.

Complessivamente, il numero stimato di decessi evitati per persona è stato maggiore nei paesi ad alto reddito, riflettendo il lancio anticipato e più ampio delle campagne di vaccinazione in queste aree (66 decessi prevenuti ogni 10.000 persone nei paesi ad alto reddito contro 2.711 decessi prevenuti ogni 10.000 persone nei paesi ad alto reddito paesi a basso reddito). I paesi a reddito alto e medio-alto hanno rappresentato il maggior numero di decessi evitati (12,2 milioni/ 19,8 milioni), evidenziando le disuguaglianze nell’accesso ai vaccini in tutto il mondo.

Il mancato raggiungimento dell’obiettivo OMS

Per gli 83 paesi inclusi nell’analisi che sono coperti dall’impegno COVAX per vaccini a prezzi accessibili, si stima che siano stati evitati 7,4 milioni di decessi su un potenziale 17,9 milioni (41%). Tuttavia, si stima che il mancato raggiungimento dell’obiettivo COVAX di vaccinare completamente il 20% della popolazione in alcuni paesi abbia provocato altri 156.900 decessi. Sebbene questa cifra rappresenti una piccola parte del totale dei decessi globali, questi decessi prevenibili sono stati concentrati in 31 nazioni africane, dove 132.700 decessi avrebbero potuto essere evitati se l’obiettivo fosse stato raggiunto.

Allo stesso modo, si stima che la mancanza dell’obiettivo dell’OMS di vaccinare completamente il 40% della popolazione di ciascun paese entro la fine del 2021 abbia contribuito a ulteriori 599.300 decessi in tutto il mondo che avrebbero potuto essere prevenuti. I paesi a reddito medio-basso hanno rappresentato la maggior parte di questi decessi (59,7%). A livello regionale, la maggior parte di questi decessi si è concentrata nelle regioni dell’Africa e del Mediterraneo orientale (rispettivamente 58,2% e 21,2%). Se l’obiettivo del 40% fosse stato raggiunto in tutti i paesi a basso reddito, il numero di decessi evitati dalla vaccinazione in queste aree sarebbe più che raddoppiato (200.000 decessi aggiuntivi evitati oltre ai 180.300 decessi che si stima siano stati evitati con gli attuali tassi di vaccinazione).

Una straordinaria impresa sanitaria globale

Gli autori notano diversi limiti ai loro risultati. In particolare, il loro modello si basa su una serie di presupposti necessari, tra cui le proporzioni precise di quali tipi di vaccino sono stati forniti, come sono stati consegnati e i tempi precisi di quando sono arrivate nuove varianti di virus in ciascun paese. Hanno anche presupposto che la relazione tra l’età e la proporzione di decessi COVID-19 che si verificano tra gli individui infetti sia la stessa per ogni paese. Più in generale, i risultati dello studio dovrebbero essere considerati nel contesto dell’incertezza nel calcolo del vero bilancio delle vittime della pandemia, a causa della differenza nella segnalazione a livello nazionale della mortalità per COVID-19.

Scrivendo in un commento collegato, la professoressa Alison Galvani, che non è stata coinvolta nello studio, della Yale University School of Public Health, negli USA, ha affermato: “Il salvataggio di oltre 19 milioni di vite grazie alla rapidità senza precedenti dello sviluppo e del lancio di I vaccini contro il COVID-19 sono una straordinaria impresa sanitaria globale, tuttavia, milioni di altre vite umane potrebbero essere salvate da una distribuzione più equa dei vaccini”.

Ha aggiunto: “Un’elevata copertura in un singolo paese non solo avvantaggia quel paese, ma contribuisce alla riduzione mondiale della trasmissione e all’emergere di nuove varianti. Una risposta collettiva duratura è sia pragmatica che eticamente indispensabile”.

 

Articolo precedenteSintomi di COVID lungo rilevati in bambini tra 0 e 14 anni
Articolo successivoGFR: evidenziate sostanziali differenze tra valori misurati e stimati della velocità di filtrazione glomerulare
redazione
La redazione di Newence è composta prevalentemente da collaboratori con competenze maturate in ambito medico, scientifico e tecnologico. Rivedono e discutono in modo critico e analitico i più importanti lavori scientifici pubblicati sulle più autorevoli riviste scientifiche internazionali, fornendo utili spunti di riflessione e aggiornamento per i professionisti della sanità e informazioni affidabili e verificate dedicate al pubblico più vasto.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui