Home Covid-19 Sintomi di COVID lungo rilevati in bambini tra 0 e 14 anni

Sintomi di COVID lungo rilevati in bambini tra 0 e 14 anni

110
0
Immagine del coronavirus
This media comes from the Centers for Disease Control and Prevention's Public Health Image Library (PHIL), with identification number #4814.

Il più grande studio condotto fino ad oggi sui sintomi di COVID-19 lungo nei bambini di età compresa tra 0 e 14 anni conferma che i sintomi durano almeno due mesi. Lo studio, pubblicato sulla rivista The Lancet Child & Adolescent Health, ha utilizzato un campionamento a livello nazionale di bambini in Danimarca e ha abbinato casi positivi a COVID-19 con un gruppo di controllo di bambini senza precedenti di questa infezione.

La pandemia ha influenzato ogni aspetto della vita di tutti i giovani

“L’obiettivo generale del nostro studio era determinare la prevalenza di sintomi di lunga durata nei bambini e nei neonati, insieme alla qualità della vita e all’assenza dalla scuola o dall’asilo nido. I nostri risultati rivelano che, sebbene i bambini con una diagnosi positiva di COVID-19 abbiano maggiori probabilità di manifestare sintomi di lunga durata rispetto ai bambini senza una precedente diagnosi di COVID-19, la pandemia ha influenzato ogni aspetto della vita di tutti i giovani. Ulteriori ricerche sulle conseguenze a lungo termine della pandemia su tutti i bambini saranno importanti per il futuro”, afferma la professoressa Selina Kikkenborg Berg, dell’Ospedale universitario di Copenaghen, in Danimarca.

adv

La maggior parte degli studi precedenti sul COVID lungo nei giovani si sono concentrati sugli adolescenti, con neonati e bambini piccoli raramente rappresentati. In questa ricerca, i sondaggi sono stati inviati alla madre o al tutore dei bambini di età compresa tra 0 e 14 anni che erano risultati positivi al COVID-19 tra gennaio 2020 e luglio 2021. In totale, sono state ricevute risposte per quasi 11.000 bambini che sono stati abbinati per età e sesso a oltre 33.000 bambini che non erano mai risultati positivi all’infezione.

I sondaggi hanno chiesto ai partecipanti i 23 sintomi più comuni di COVID lungo nei bambini (identificati dal Long COVID Kids Rapid Survey gennaio 2021) e hanno utilizzato la definizione dell’Organizzazione Mondiale della Sanità di COVID lungo come sintomi che durano più di due mesi.

Sbalzi d’umore, eruzioni cutanee e dolori di stomaco

I sintomi più comunemente riportati tra i bambini di età compresa tra 0 e 3 anni sono stati sbalzi d’umore, eruzioni cutanee e dolori di stomaco. Tra i 4-11 anni i sintomi più comunemente riportati erano sbalzi d’umore, difficoltà a ricordare o concentrazione ed eruzioni cutanee, e tra i 12-14 anni, affaticamento, sbalzi d’umore e difficoltà a ricordare o concentrarsi.

I risultati dello studio hanno rilevato che i bambini con diagnosi di COVID-19 in tutte le fasce d’età hanno maggiori probabilità di manifestare almeno un sintomo per due mesi o più a lungo rispetto al gruppo di controllo. Nella fascia di età 0-3 anni il 40% dei bambini con diagnosi di COVID-19 ha manifestato sintomi per più di due mesi, rispetto al 27% dei controlli. Per la fascia di età 4-11 anni il rapporto è stato del 38% dei casi rispetto al 34% dei controlli, e per la fascia di età 12-14 anni il 46% dei casi rispetto al 41% dei controlli.

Maggiori probabilità di manifestare sintomi di lunga durata

I tipi di sintomi non specifici associati a COVID lungo sono spesso vissuti da bambini altrimenti sani; mal di testa, sbalzi d’umore, dolore addominale e affaticamento sono tutti sintomi di disturbi comuni che i bambini sperimentano non correlati al COVID-19. Tuttavia, questo studio ha rivelato che i bambini con una diagnosi positiva di COVID-19 avevano maggiori probabilità di manifestare sintomi di lunga durata rispetto ai bambini che non avevano mai avuto una diagnosi positiva, suggerendo che questi sintomi erano una presentazione di lunga durata del COVID. Ciò è supportato da circa un terzo dei bambini con test COVID-19 positivi che manifestano sintomi che non erano presenti prima dell’infezione da SARS-CoV-2. Inoltre, con l’aumentare della durata dei sintomi, la percentuale di bambini con tali sintomi tendeva a diminuire.

In generale, i bambini con diagnosi di COVID-19 hanno riportato meno problemi psicologici e sociali rispetto ai bambini del gruppo di controllo. Nei gruppi di età più avanzata, i casi spesso si sentivano meno spaventati, avevano meno problemi a dormire e si sentivano meno preoccupati per quello che sarebbe successo loro. Una probabile spiegazione di ciò è la maggiore consapevolezza della pandemia nei gruppi di età più avanzata, con i bambini nel gruppo di controllo che sperimentano la paura della malattia sconosciuta e una vita quotidiana più ristretta a causa della protezione dal virus.

Strategie di vaccinazione

“L’opportunità di intraprendere tale ricerca si sta rapidamente chiudendo poiché la stragrande maggioranza dei bambini ha ora un’infezione da COVID-19, ad esempio il 58% dei bambini in Danimarca ha avuto un’infezione confermata in laboratorio tra dicembre 2021 e febbraio 2022. La conoscenza dei sintomi a lungo termine nei bambini positivi a SARS-CoV-2 è essenziale per guidare il riconoscimento clinico, la cura dei genitori e le decisioni della società in merito all’isolamento, al blocco, agli interventi non farmaceutici e alle strategie di vaccinazione”, afferma la professoressa Selina Kikkenborg Berg.

“I nostri risultati sono in linea con studi precedenti sul COVID lungo negli adolescenti che mostrano che, sebbene le possibilità che i bambini soffrano di COVID lungo siano basse, soprattutto rispetto ai gruppi di controllo, deve essere riconosciuto e trattato seriamente. Ulteriori ricerche saranno utili per trattare e comprendere meglio questi sintomi e le conseguenze a lungo termine della pandemia sui bambini in futuro”.

L’impatto complessivo sui bambini di COVID-19 è probabilmente piccolo

Gli autori riconoscono alcune limitazioni allo studio, incluso un lungo periodo tra la diagnosi e l’esecuzione del sondaggio. La ricerca si è basata sui dati riportati dai genitori che sono meno accurati per i sintomi psicologici. Ciò può anche portare a bias di selezione poiché le madri e i tutori dei bambini con sintomi più gravi sono spesso più desiderosi di rispondere, portando quindi a risultati che rappresentano i bambini più colpiti. Inoltre, i test pubblici per COVID-19 erano disponibili solo da agosto 2020, il che significa che alcuni bambini nel gruppo di controllo avrebbero potuto avere infezioni asintomatiche non rilevate.

Scrivendo in un commento collegato, Maren Rytter, dell’Università di Copenaghen, in Danimarca, che non è stata coinvolta nello studio, ha dichiarato: “[Sebbene] lo studio abbia rilevato che i sintomi di qualsiasi tipo erano leggermente più frequenti nei bambini che erano stati infettati dalla SARS- CoV-2… l’impatto complessivo sui bambini di aver avuto COVID-19 è probabilmente piccolo e probabilmente molto inferiore all’impatto degli effetti indiretti della pandemia. Per la maggior parte dei bambini con sintomi non specifici a seguito di COVID-19, è più probabile che i sintomi siano causati da qualcosa di diverso da COVID-19 e se sono correlati a COVID-19, è probabile che passino con il tempo.

Articolo precedenteTelescopio spaziale James Webb: presentate le prime immagini
Articolo successivoCOVID-19: quasi 20 milioni di decessi prevenuti grazie ai vaccini nel primo anno di campagna
redazione
La redazione di Newence è composta prevalentemente da collaboratori con competenze maturate in ambito medico, scientifico e tecnologico. Rivedono e discutono in modo critico e analitico i più importanti lavori scientifici pubblicati sulle più autorevoli riviste scientifiche internazionali, fornendo utili spunti di riflessione e aggiornamento per i professionisti della sanità e informazioni affidabili e verificate dedicate al pubblico più vasto.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui