Home In Evidenza Trovata un’associazione tra rischio di ictus ed esposizione al gas randon

Trovata un’associazione tra rischio di ictus ed esposizione al gas randon

119
0
copyright American Heart Association

Il radon è la seconda causa principale di cancro ai polmoni. Ora un nuovo studio ha scoperto che l’esposizione a questo gas invisibile e inodore è anche collegata ad un aumento del rischio di ictus.

Lo studio, che ha esaminato le esposizioni di donne anziane in soggetti di mezza età, ha rilevato un aumento del rischio di ictus tra coloro esposti a concentrazioni elevate, e persino moderate del gas, rispetto a quelli esposti alle concentrazioni più basse. Lo studio è stato pubblicato nel numero online del 31 gennaio 2024 di Neurology®, la rivista medica dell’American Academy of Neurology. Va chiarito che lo studio non dimostra che l’esposizione al radon provochi l’ictus, ma ne evidenza un’associazione.

Un gas che può penetrare nelle case

Il radon è un gas radioattivo naturale prodotto quando metalli come l’uranio o il radio si decompongono nelle rocce e nel suolo. Il gas può penetrare nelle case attraverso fessure nelle pareti e nei pavimenti degli scantinati, giunti di costruzione e spazi vuoti attorno ai tubi.

Se il gas penetra in un ambiente circoscritto come l’interno di un’abitazione, vi si accumula progressivamente, raggiungendo livelli di concentrazione sempre più alti e potenzialmente dannosi per la salute dei residenti. L’inalazione di gas radon può essere incredibilmente dannosa per la funzionalità polmonare, anche se solo una sua minima percentuale riesce a penetrare nell’organismo attraverso le pareti polmonari.

Il radon è la seconda causa di tumori ai polmoni dopo il fumo. La normativa europea ha fissato una soglia massima di saturazione del gas (300 Becquerel al metro cubo), oltre alla quale gli Stati Membri dell’UE sono obbligati a prendere provvedimenti immediati.

“Il radon è un inquinante dell’aria interna che può essere rilevato solo attraverso test che misurano le concentrazioni di gas nelle case”, ha affermato l’autore dello studio Eric A. Whitsel, dell’Università della Carolina del Nord a Chapel Hill. “La nostra ricerca ha rilevato un aumento del rischio di ictus tra i partecipanti esposti al radon al di sopra – e fino a due picocurie per litro (pCi/L) al di sotto – di concentrazioni che di solito innescano le raccomandazioni dell’Environmental Protection Agency di installare un sistema di mitigazione del radon domestico”.

Un sistema di mitigazione del radon

Lo studio ha coinvolto 158.910 partecipanti di sesso femminile con un’età media di 63 anni che non avevano avuto ictus all’inizio dello studio. Sono stati seguiti per una media di 13 anni. Durante lo studio si sono verificati 6.979 ictus tra i partecipanti.

Per determinare le esposizioni al radon, i ricercatori hanno collegato gli indirizzi di casa dei partecipanti ai dati sulla concentrazione di radon dell’U.S. Geological Survey e dell’Environmental Protection Agency (EPA) degli Stati Uniti.

L’EPA raccomanda che le concentrazioni medie di radon indoor non superino i quattro picocurie per litro (pCi/L). Per concentrazioni così elevate, l’EPA consiglia di installare un sistema di mitigazione del radon per abbassare i livelli di radon in casa.

I partecipanti sono stati divisi in tre gruppi. Il gruppo più numeroso aveva case in aree in cui le concentrazioni medie di radon erano superiori a quattro pCi/L. Il gruppo di mezzo viveva in aree con concentrazioni medie comprese tra due e quattro pCi/L. Il gruppo più basso viveva in aree con concentrazioni medie inferiori a due pCi/L.

Un aumento del rischio di ictus

Nel gruppo con la più alta esposizione al radon, ci sono stati 349 ictus ogni 100.000 persone/anno rispetto a 343 ictus nel gruppo intermedio e 333 ictus nel gruppo con l’esposizione più bassa.

Dopo aver aggiustato i dati per fattori quali fumo, diabete e ipertensione, i ricercatori hanno scoperto che i partecipanti del gruppo con la più alta esposizione al radon avevano un rischio di ictus aumentato del 14% rispetto a quelli del gruppo esposto alla concentrazione più bassa. Quelli del gruppo intermedio avevano un rischio aumentato del 6%.

“È importante notare che abbiamo riscontrato un aumento del rischio di ictus tra coloro che sono esposti a concentrazioni di radon fino a due pCi/L, al di sotto dell’attuale soglia basata sul cancro del polmone per raccomandare la mitigazione del radon”, ha affermato Whitsel. “Sono necessari ulteriori studi per confermare i nostri risultati. La conferma rappresenterebbe un’opportunità per migliorare la salute pubblica affrontando un fattore di rischio emergente per l’ictus”.

Una limitazione dello studio era che includeva solo partecipanti donne di mezza età o più anziane e principalmente bianche, quindi i risultati potrebbero non essere gli stessi per altre popolazioni.

 

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui